strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Uomini straordinari (ovvero cinque supereroi che forse, in un’altra vita…)

9 commenti


Post stimlato dalla più recente uscita del mio vicino di cella – Alessandro Girola.
Pare divertente, mi piace quel titolo, I cinque supereroi che avrei potuto essere.
E poi è estate, tempo per cose leggere.
La roba pesante la riserviamo allora per domani e intanto giochiamo con questa specie di top five.

E dico specie perché, per quel che mi riguarda, sarà estremamente difficile arrivare a cinque.
Io i fumetti di supereroi li ho sempre bazzicati poco.
Molto poco.

Però dai, magari qualcosa di buono viene fuori…

A differenza di quella di Alex, la mia lista non ha un ordine gerarchico o di merito.
Sono cinque eroi vicini al mio cuore (ovunque esso si trovi), così nell’ordine in cui mi sono venuti in mente.

The Spider

Scuderia: Popular Publications
Prima apparizione: 1933
Vera identità: il playboy miliardario Richard Wentworth
Abilità: volontà incrollabile, odio assoluto per il male, due grossi pistoloni calibro 45
Lo si trova a: New York City (ma è disponibile a trasferte)

Vale come super-eroe?
Basta, il fatto che Stan Lee, nel creare l’Uomo Ragno, si sia dichiaratamente ispirato al vecchio giustiziere mascherato dei pulp di Norvell Page (che scriveva sotto l’alias di Grant Stockbridge)?
Non è comunque stata una scelta facile – the Spider o the Shadow?, è il dubbio costante…
The Shadow ha più classe, è più mistico, ha per lo meno un autentico superpotere, conosce il male che alberga nel cuore degli uomini, e per radio ebbe la voce di Orson Welles.
The Spider è più psicotico e populista, vagamente sinistroide, ha sconfitto i Nazisti a New York… nessuno ha mai capito cosa significasse il suo appellativo di “Master of Men”…
Eppure c’è quella frase, alla fine di Death and the Spider… quel colossale “il cuore è un organo sopravvalutato ai fini della sopravvivenza umana”, che da sola giustifica, per me, la scelta.

Green Arrow

Scuderia: DC Comics
Prima apparizione: 1941
Vera identità: Oliver Queen
Abilità: Doti atletiche, straordinaria capacità nell’uso dell’arco lungo.
Lo si trova a: Seattle

Sarà che ho dei trascorsi da arciere, sarà che in fondo il mito di Robin Hood ha delle radici potenti, ma Green Arrow – soprattutto il Green Arrow “riformato” di Longbow Hunters, quello di Mike Grell, rimane uno degli eroi da fumetto che più mi piacciono.
Forse perché è terra-terra, sposato e motivato dal desiderio di vivere in un quartiere tranquillo.
Forse perché, nei vari team-up con Green Lantern e con Batman è quello che ne esce come più umano e comprensibile.
Niente gadget, niente effetti speciali – solo un arco e una buona mira.

Tom Strong

Scuderia: Best American/Wildstorm
Prima apparizione: 1999
Vera identità: n/a
Abilità: capacità fisiche e intellettuali superiori, superscienza
Lo si trova a: Millenium City

Di Tom Strong mi piacciono da una parte il tratto, dall’altra il personaggio di eroe scientifico, una riscrittura dei vecchi eroi “alla Doc savage” dei pulp.
Poi, ok, Alan Moore ci mette del suo, come al solito, e quindi vai di post-moderno, di ironicamente satirico e chi più ne ha più ne metta.
Ma nel complesso, le sofisticherie sono parte del pacchetto, che si lascia leggere, e immagina un eroe capace di risolvere problemi colossali, e spesso cotretto ad affrontare le conseguenze dei propri successi passati.
Un fumetto che parla di fumetti, se vogliamo.
Ma bene.

The Rocketeer

Scuderia: Pacific/Eclipse/Comico/Dark Horse
Prima apparizione: 1982
Vera identità: Cliff Secord
Abilità: Incoscienza, uno zaino-razzo progettato da Howard Hughes.
Lo si trova a: Los Angeles

Fumetto indie che piaceva ad harlan Ellison, Rocketeer ha tutto quello che serve per intrattenermi – lo stile anni ’40, gli aerei, le belle donne, i nazisti…
Dave Stevens crea un personaggio al contempo eroico e maldestro, visivamente colossale ma spesso disorientato nella pratica, in una collisione vita reale/vita eroica molto più credibile delle ultime ruminazioni di Peter Parker.
Cliff Secord è un eroe per caso che non dsa bene come muoversi – e gran parte dell’avventura scaturisce da lì.
C’è anche un film, che è fallato, ma non è poi male.
E potrei anche dire dieselpunk, ma in questa sede non importa.

Doc Horror

Scuderia: Bravura/Oni/Image
Prima apparizione: 1995
Vera identità: n/a
Abilità: superscienza, intelligenza superiore, forse qualche gene di licantropo nel sistema
Lo si trova a: Pacific City

Non poteva mancare, effettivamente, il leader dei Nocturnals in questa carrellata.
A parte i tratti vagamente ferali, Doc ha tutto quello che ci vuole per combattere il male – un rifugio segreto, un laboratorio sospeso fra alchimia e super-scienza, due assistenti polpose e maledettamente strane (Polychrome e Starfish), e una guardia del corpo con la bocca cucita.
Curioso ma divertente mix di noir, horror e pulp, the Nocturnals rimane alto nella mia lista di gradimento.

E poi ci metto un outsider “di gruppo”

Doom Patrol

Scuderia: DC
Prima apparizione: 1963
Vera identità: varie
Abilità: voi non volete sapere
Lo si trova a: n/a

Doom Patrol, nella gestione di Grant Morrison, rimane una delle esperienze fumetistiche più strane e divertenti che mi siano capitate.
Li metto dentro in toto, tutta la ciurma, anche se potrei isolare Robotman, il depressivo leader della squadra, come segnaposto per l’intero surreale baraccone – perché ok i Vendicatori, ok la Justice League, ma quale superteam può vantare nel proprio line-up una ragazzina con la faccia di scimmia, una dissociata mentale con personalità multiple (ed ogni personalità ha un diverso potere) un transessuale alieno ed una strada senziente (sì avete capito bene, tutta una strada).
E i supercattivi!
Gli Uomini Forbice, la Confraternita Dada e Red Jack, che poi sarebbe Dio che si crede Jack lo Squartatore (o viceversa)…
Grandissimo.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo

About these ads

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, freelance researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous.

9 thoughts on “Uomini straordinari (ovvero cinque supereroi che forse, in un’altra vita…)

  1. Ho postato di là la mia lista,vedo che un minimo di punto in comune ce l’abbiamo (piccolo piccolo e cangiante :-) )

    E Green Arrow… ero rimasto colpito anch’io da quella sua nuova incarnazione, però non so, lo trovavo un pò noioso, un po’ troppo vecchio brontolone per farmelo piacere davvero. Il nuovo Green Lantern (nuovo per quegli anni!) con tutti i suoi problemi mi era molto più simpatico!

  2. Anche le tue sono delle otime scelte,per le mie ci faro un post apposta.(anche se sno più tradizionalista…)
    P.S.Su “The Spider” lo sapevi che la Moonstone ne ha lanciato una serie nuova,fedele ai pulp scritta da Martin Powell e con le copertine disegnate da Brereton?

  3. @Fra
    Sul nuovo Spider avevo sentito cose ottime, ma non ho ancora avuto modo di leggerlo.
    C’è una grande rinascita pulp al momento, e seguire tutto è quasi impossibile.

    @Iguana
    Green Lantern era troppo quadrato.
    Ollie Queen serviva ad umanizzarlo ;-)

  4. Ma che bella classifica :)
    Più originale della mia, non ci piove.
    Green Arrow è un mito. Mi piace proprio per il suo basso profilo che però non coincide certo con l’essere banale.
    Notevole anche The Rockeeter, di cui a questo punto voglio leggere una recensione del film (che non conosco). E’ una richiesta? Può darsi ;-)
    Gli altri li conosco meno.

    Invece, se ti può interessare la cosa, io ti vedrei alla perfezione nel ruolo del Dottor Strange. O al limite in quello del Professor X.
    Più Strange, però. Sarei un doc. perfetto!

  5. Aha.. già fatto!

    http://strategieevolutive.wordpress.com/2010/03/17/rocketman-variations/

    Buona lettura!

    Quanto a fare il Dr Strange… e chi fa la parte di Dormammu?

  6. Hai nominato la Doom Patrol (Rebis rimarra’ sempre il mio preferito), ma the Invisibles e, soprattutto, Flex Mentallo dove li mettiamo? :)

  7. Non sono sicuro che King Mob e soci si qualifichino come supereroi.
    Flex Mentallo meglio lasciarlo dov’è… ricordo ancora quando riuscì a rendere circolare il Pentagono (anche se per pochi minuti).

  8. Mi avete convinto!
    A Settembre, come rientro faccio anche io una mia lista.
    Aspettatevi sorprese.

  9. IN ORDINE SPARSO

    Jean Grey
    Rogue
    Buffy (ora è anche a fumetti quindi vale)
    Mystica
    Catwoman

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.504 follower