strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Riso fritto

15 commenti


Il riso è la base della dieta della metà della popolazione del pianeta, e fornisce il 20% dell’energia a disposizione degli esseri umani per svolgere le loro faccende.

Al di fuori di questa prospettiva cosmica, una scatola di riso da un chilogrammo è indispensabile anche nella dispensa dell’individuo più derelitto dell’universo.
Perché come si suol dire, non è sempre caviale, e non di soli spaghetti può vivere l’uomo.

Io di solito suggerisco Roma o Arborio, ma recentemente ho trovato del parboiled particolarmente saporito.
In linea di massima ci serve del riso a chicchi grandi, con un tempo di cottura dai 13 ai 18 minuti in acqua moderatamente salata.
La dose ideale per una persona è mezzo bicchiere da vino.

E quando ne abbiamo una scatola in dispensa, cosa ne facciamo?
Provare a cucinarlo pare una cattiva idea?

E come al solito cercheremo qualcosa di sbrigativo, nutriente, ad elevato impatto.

OK, cominciamo con il falsificare un riso alla cantonese.
Per preparare quattro buone porzioni di riso (finto) cantonese, ci serviranno

due bicchieri di riso
due uova
circa 250 grammi di pancetta a cubetti o striscioline
una carota grattugiata
2 scalogni o cipollotti tritati
mezza scatola di piselli grandi
olio
salsa di soia

Facciamo bollire il riso (possiamo anche usare riso bollito con largo anticipo e lasciato freddare).
Cuciniamo una piccola frittata e tagliamola a striscioline.
Friggiamo nel wok (*) nell’ordine la pancetta, gli scalogni, il riso, le carote, i piselli.
Aggiungiamo salsa di soia a piacere.
Fatto.

È un buon piatto unico, si può fare eliminando la pancetta per renderlo vegetariano.

Ma c’è di meglio.
Se togliamo la pancetta, e la sostituiamo con dei gamberetti, ci basterà aggiungere una punta d’aglio e del peperoncino al mix per ottenere un piatto diverso.

Oppure possiamo eliminare la pancetta, aggiungere del petto di pollo fritto a cubetti, raddoppiando la quantità di scalogno o cipollotti, per fare un ottimo riso fritto col pollo.
Un cucchiaio di olio di sesamo potrebbe aggiungere quel certo non so che.

Poi, naturalmente, c’è sempre il risotto alla milanese liofilizzato in busta.
Ma in certi casi, fare qualcosa di diverso potrebbe essere divertente – per quando non possa essere sempre caviale.

————————————————————————-

(*) Un wok è un aggeggio fondamentale – impossibile vivere senza.
Procuratevelo!

About these ads

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, freelance researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous.

15 thoughts on “Riso fritto

  1. Lo faccio spesso col mio fido wok comprato all’ikea.

  2. Il Wok dell’Ikea è uno spettacolo… ottima immanicatura.

    http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/10112375/

  3. Sembra molto buono, ma io con i cibi con l’amido, riso e patate in primis, ho problemi di digestione, accidenti!

  4. Acc!
    Cercherò qualcosa per le prossime uscite… magari una bella insalata… ;-)

  5. Ottima ricetta. Il riso è fantastico se accompagnato da verdure o carne!
    Attendo il libro di cucina…!

  6. Se da fastidio l’amido del riso, lo si può lavare prima della cottura. Viene meno cremoso, ovviamente, ma più digeribile. Io di mio sono un amante del riso in bianco (quello che si mangia quando si ha la diarrea). Riso carnaroli cotto fino ad asciugare l’acqua, due cucchiai i parmiggiano e e si vuole una grattatina di zenzero.

  7. Grazie Jonnie.
    l riferimento alla diarrea in particolare arricchisce questo post a sfondo culinario :-D

  8. Il wok mi manca, dovrò comprarmelo al prossimo giro all’ikea o in un negozio di casalinghi.
    Quanto olio metti per la frittura del riso alla cantonese?

  9. Per le dosi indicate qui sopra, direi un cucchiaio scarso.
    Meglio andarci piano.

  10. Buono grazie Lo proverò

    Angie

  11. Una nota sul wok– è grosso. Prende uno spazio enorme in cucina (soprattutto in una piccola come la mia) ma in questo caso l’ikea ci soccorre con i suoi fantastici magneti da muro. Essendo di metallo ferroso, si regge che è uno spettacolo…io l’ho magnetizzato al muro. Quando lo laavo e lo ripongo, si attacca al muro con un fumettistico k-tanng!

  12. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  13. E’ quasi magia, Jonnie :D

  14. Vero che il wok ikea è immancabile, ma perde facilmente il rivestimento. O quanto meno, usandolo in modalità non proprio canoniche – ad esempio, con tanto cibo e a fuoco un po’ alto.

  15. Provata oggi una variante interessante..
    con un uovo, un po’ di pancetta, un po’ di piselli avanzati, un filo di pomodoro e dei classici spaghetti invece del riso..

    devo dire molto soddisfacenti! (considerando specialmente che ho veramente raschiato il fondo del frigo per farli..)
    Grazie a Davide per l’ispirazione..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.520 follower