strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Le liste di Cyberluke

13 commenti


Non c’è che dire – quando si tratti di memi, Cyberluke non fa le cose a metà.
Mica propone un tema e lo butta lì.
No – lui ti fornisce un kit con le linee guida, e persino l’immagine da associare al post.
Addirittura fornendo kit separati per uomini e donne.
Quando dicono i professionisti.

Poi, chissà, magari lui alla fine miete i dati e li vende a qualche agenzia di marketing in cambio di casse ricolme di dobloni d’oro.
Ci starebbe anche, come idea.
Ma la cosa mi diverte comunque, e quindi, come si suol dire…


Lista di misteri della vita.
Com’è che c’è gente che ti frequenta a morte per anni, e poi un bel giorno scompare, non risponde più alle tue telefonate, cambia mail, se la incontri per strada finge di non vederti, ma continua a frequentare quelli del tuo giro?
Com’è che tutti si svegliano dal giovedì notte al sabato mattina per proporti lavori urgenti?
Com’è che quando leggevo fantascienza io era roba da sfigati, oggi che tutti guardano solo fantascienza in TV la fantascienza mi dicono che è morta?
Com’è che di solito sono i personaggi più ridicoli quelli che si prendono più sul serio?

Lista di cose tamarre ma che mi piacciono nelle donne.
(questa è bella… ma poiché io frequento solo donne di classe, mi butterò sulle eccentricità…)
Mi affascinano le quarantenni che erano punk o gotiche a vent’anni, ed hanno trovato il modo di continuare ad esserlo anche lavorando come segretarie di un notaio.
I deliri new age a base di incenso e cristalli, oroscopi cinesi e feng shui.
Le fan del Rocky Horror Picture Show.
I calzettoni di spugna, i pantaloni della tuta e la camicia di flanella da boscaiolo nel weekend.
Lo stile anni ’50 o più in genere lo stile retrò.
Le donne che ascoltano jazz perché gli piace e non perché fa trendy.
Le donne che sanno apprezzare una buona cena senza mettersi a parlare di dieta, di chili di troppo, e di sensi di colpa nei confronti del salmone o del pollo.
E notoriamente ho dei pessimi trascorsi con le cantanti liriche.
E le oceanografe.
(bella lista di fetish, eh?)

Lista di persone che ucciderei e poi andrei a letto senza l’ombra di un rimorso.
(questa rischia di essere lunga… andiamo per categorie)
Una buona manciata del corpo docente del Dipartimento di Geologia di Torino (inutile fare i nomi, loro sanno di essere sulla mia lista).
Quelli che non hanno le palle per farlo, ma se tu ci provi, ti dicono che fallirai, e se non fallisci, s’incazzano.
Quelli che trattano male i bambini, e le persone anziane.
Quelli che usano filosofie o teorie politiche eterogenee per giustificare il proprio egoismo.
Quelli che pensano di potermi prendere in giro, tanto non me ne accorgo, o se me ne accorgo tanto non importa.
Quelli che, noto il problema, non si impegnano per risolverlo.

Lista di automobili che ho posseduto.
Molto breve:
Panda Selecta
Punto quattro porte
Ho anche una vecchia bici B’Twin

Lista dei nomi più bizzarri delle mie ex ragazze (in ordine alfabetico)
Anche qui, c’è poco da listare.
C’è stata una Deirdre.
Ed una Sarah con l’acca.

Lista di oggetti che mi porterei su un’isola deserta
Provviste, ad abundantia
La mia vecchia Olivetti Lettera 35
1000 nastri per la Olivetti
1000 risme di carta
100 blocchi da disegno
100 scatole di pastelli colorati
una dozzina di temperamatite e gomme per cancellare
Il flauto traverso e il necessario per mantenerlo in buono stato
I romanzi del Ciclo del Nuovo Sole di Gene Wolfe
Un pacco di corsi di lingue esotiche
Il manuale di Tai Chi
Un ricco kit di prontosoccorso
Un Victorinox
500 scatole di fiammiferi
L’arco e le frecce (con un po’ di corde di scorta)
Uno di quei grossi materassoni gonfiabili a due piazze
Una coperta termica
Un poncho impermeabile
La B’Twin!
Il martello da geologo
Il telescopio

Lista di cose che non potrei avere su un’isola deserta e che mi mancherebbero di più.
Lo stereo (e i dischi, ovvio… mica lui da solo, così…)
La macchina fotografica
Il frigorifero
Internet
La Moon Base & il Blocco C
Le partite a giochi di ruolo con la squadra del giovedì

Lista di artisti che sono andato a sentire dal vivo.
(non molti – non mi piace la folla)
Jethro Tull (più volte)
Manhattan Transfer
Steely Dan
Penguin Café Orchestra
Suzanne Vega
The Pretenders
Taikoza
Scandal
Il vecchio gruppo in cui suonava mio fratello
Una manciata di filarmoniche e corali

Lista di cose che so cucinare.
Tagliolini speck e zafferano
Trofie al tonno
Spezzatino di cinghiale
Merluzzo in salsa d’ostrica
Salmone alla griglia
Riso alla cantonese
Salciccia in padella con patate
Carciofi alla giudea
Hamburger in tutte le maniere concepibili
Frittate e tortillas a scelta

Lista delle cose che ho cambiato nell’ultimo anno.
Cellulare
Barbiere
Rasoio elettrico
Tastiera del computer e mouse (ripetutamente)
Decoder del Digitale Terrestre (tanto non si becca nulla comunque)
La disposizione della biblioteca di casa
Alcuni poster alle pareti
… when I was young and had the time/I used to rearrange my mind…

Perché un geologo senza il martello è come un uomo senza…

Lista di oggetti smarriti.
Una quantità di libri prestati e mai più resi.
Parecchi dischi in vinile prestati e mai più resi.
Idem per CD e DVD.
Un cellulare (quasi certamente rubato)
Un binocolo.
Una bussola.
Il mio martello Picard (ritrovato fortunosamente ieri pomeriggio dopo 5 anni)
La mia lente tascabile 16x.
Una quantità spropositata di penne biro.
Parecchi dadi.
Un mazzo di tarocchi.
Manuali di istruzioni di hardware vario.
Il mio fedora marrone stile Indiana Jones.
Il berretto eight panel fatto a mano su ordinazione, che era stato l’ultimo regalo della mia mamma (ma questo non ci son storie, me l’han fregato – e la persona che se l’è rubato entra d’ufficio nell’elenco di quelli da ammazzare)

Posti in cui mi sono addormentato che non erano un letto.
Sedili ferroviari.
In automobile (ferma, o mentre ero passeggero)
Al computer
Al cinema
Davanti alla TV guardando Relic Hunter (trovo ancora inconcepibile l’idea di addormentarmi davanti a  Tia Carrere, ma proprio mi abbiocca) e la prima stagione di Farscape.
Durante lezioni e conferenze (altrui, fortunatamente)
Giocando di ruolo (ma non ero io il master)

Lista di quello che c’è in questo momento nel mio cassetto.
Grossa cartellina con tutti i miei documenti universitari.
Grossa cartellina con tutti gli altri documenti.
Plico di buste con estratti conto e fatture.
Timbri con codice fiscale e P.IVA di quando ero imprenditore di me stesso.
Scatole di biglietti da visita
Fogli di etichette adesive con indirizzo e dettagli
Penne biro (ecco dov’erano finite!)
33 lumini IKEA alla vaniglia (non chiedere, ok?)
L’arnese multiuso per riparare la bici (copia extra)
Gli oculari del telescopio
Un pacchetto di quaderni
Un’agenda mai usata del 2010
La custodia dei miei vecchi occhiali con dentro i miei vecchi occhiali
Tre accendini BIC
La mia vecchia zippo d’acciaio
Un pacchetto di pile stilo
Un pacchetto di ministilo
Una biglia di vetro (???)

Lista dei fumetti che leggevo da bambino.
Topolino
Tex
Zagor
Mr. No
Tarzan
Asterix
Yoko Tsuno
Corto Maltese
Linus
L’Eternauta
Il Corriere dei Piccoli
Il Corriere dei Ragazzi
Il Giornalino
Una pila alta così di vecchi Nembo Kid di mio zio

Lista dei vestiti che indosso in questo momento.
I’m easy…
Mutande e t-shirt candide, marca AGT
Jeans tagliati stile naufrago, mystery brand, acquistati al mercato e riadattati dopo un uso estremo
Cintura in corda modello “dalle giungle del sudest asiatico”
Camicia di jeans MaxFort taglia per ciccioni
Sandali da trekking
(aggiungo che non sono al circo, sono seduto a casa e ci sono 28 gradi)

Lista dei lavori bizzarri che ho fatto prima di fare il micropaleontologo.
Telefonista
Analista dati
Tecnico di laboratorio
Addetto al lavaggio di campioni geologici
Spaventapasseri
Insegnante di italiano per stranieri
Conferenziere freelance
Traduttore
Creatore siti web

Lista di persone famose con cui farei sesso anche solo una volta.
Oh, mamma… vediamo… il passato…
Cleopatra
L’Imperatrice Wu
Elisabetta Prima d’Inghilterra
Caterina di Russia (ammesso che trovi dieci minuti…)
Lola Montez
Louise Brooks
Ava Gardner
Grace Slick
Stevie Nicks (da giovane)
… il presente…
Ursula Mayes
Eliza Dushku (dopo però giochiamo a scacchi)
Juliet Aubrey
… ma una buona scusa per far sesso almeno una volta con una donna, qualsiasi donna, la si può sempre trovare, no?
Anche se non è famosa.

Lista di nomi che darei ad una mia ipotetica figlia.
Elisabetta
Vittoria
Caterina

Lista a piacere… facciamola facile, cinque città in cui mi piacerebbe vivere…
Londra
Hong Kong
Parigi
San Francisco
Auckland

About these ads

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, freelance researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous.

13 thoughts on “Le liste di Cyberluke

  1. Quella dello spaventapasseri lascia mi fa porre delle domande…

  2. i libri di wolfe sono perfetti per l’isola deserta, perchè a rileggerli milel volte guadagnano.
    Mi insegni a fare i carciofi alal giudea?

  3. Anche io leggevo il Corriere dei Piccoli! Sai che ne ho ancora delle copie? Ne hai? Se non ne hai te ne mando un paio…!
    La tua lista è interessantissima, specialmente quella dell’isola deserta e degli oggetti nel cassetto, mi piace curiosare.
    I lumini alla vaniglia sono essenziali anche in casa mia, e tolgono l’odore del cucinato oltre a fare atmosfera. Scommetto che qualche volta leggi a lume di candela.
    Mi ti immagino sull’isola, in mezzo ai cinguettii dei pennuti col tac tac tac della Olivetti :)
    Grande lista!

  4. Notevole anche questa. La mia è molto povera!

  5. “Donne che ascoltano musica jazz”
    Chi oltre ad ascoltarlo lo suona… ha un punto in più? ;)

  6. Mi sono anche appena accorta che chiameresti una figlia femmina con gli stessi nomi che le darei io.
    In realtà ho intenzione di avere un figlio solo e se fosse femmina si chiamerebbe appunto Vittoria Elisabetta. :)

  7. @Dalailaps
    Dieci punti in più.

  8. Mmmm bellissima la lista delle persone da uccidere senza alcun rimorso…
    La mia preferita è :

    Quelli che pensano di potermi prendere in giro, tanto non me ne accorgo, o se me ne accorgo tanto non importa.

    Eppoi…non ci crederai ma anche io ho nel cassetto dei lumini ikea alla vaniglia!

    Posso chiederti in che occasione hai fatto lo spaventapasseri?
    Hai partecipato ad una rappresentazione del mago di Oz?

    Per quanto riguarda i nomi da dare ad una ipotetica figlia li condivido tutti. (credo che sia per via della mia attrazione per i vari personaggi storici che piacciono anche a te)
    E ti dirò di più…mia mamma si chiama Vittoria e la mia bambina si chiama Caterina…
    Per la perfezione avrei dovuto chiamarmi Elisabetta. ;)

    Per inciso: la mia bambina non ha preso assolutamente la bontà dalla santa Caterina ma pare la reincarnazione della zarina di Russia…è una vera leader un po’ despota! :)

  9. Divertente lista con tanti begli spunti per almeno un centinaio di post, però Davide, prima o poi la storia dello Spaventapasseri, me la dovrai spiegare. :-)

  10. Non so se sia grave, ma in passato lo spaventapasseri l’ho fatto anch’io …(non retribuito, però!) Ciao! mf

  11. Spaventapasseri???

  12. OK, ho capito, ci dovrò fare un post, uno di questi giorni ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.501 follower