strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


25 commenti

Marte! 150 anni di scienza e immaginazione

Nulla va mai secondo i piani, come cantavano gli Styx.

Il piano iniziale prevedeva il lancio del’agile volumetto lemuriano Marte! 150 anni di scienza e immaginazione per il 9 del mese.
La stessa data che, per una curiosa coincidenza, la Disney aveva scelto per il lancio in Italia di John carter di Marte, il blockbuster basato sui lavori di Edgar Rice Burroughs, che figurano prominentemente nell’agile volumetto.
Ma ora scopriamo che la House of Mouse ha anticipato al 7 l’uscita della pellicola – probabilmente per bruciare il lancio di Marte!
Niente di meglio allora che rendere disponibile l’agile volumetto con due ulteriori giorni d’anticipo.
Dopotutto, è un gioco che si può fare in due.

Marte! è una breve panoramica sul rapporto che ha legato i terrestri ai marziani, nella scienza e nell’immaginazione, fra il 19° ed il 21° secolo, con enfasi particolare sulla natura avventurosa della questione (si tratta, dopotutto, di un Agile Volumetto Lemuriano).

Il campionario di citazioni e di titoli, di fatti e fattoidi, si accompagna a due appendici, una per i cacciatori di libri a remainder e sulle bancarelle, ed una sulla spaventosa Maledizione del Pianeta Rosso.

Il volumino è disponibile in formato epub, dalla mia pagina degli ebook (link in alto a destra) e dal catalogo del Lemuria Social Club (dove troverete anche altri titoli, molto interessanti).

Sulla base di varie richieste ricevute nei giorni passati, il volume viene anche rilasciato in formato PDF.
Anche questo si può scaricare dalla pagina degli ebook.

Marte! è disponibile gratuitamente – per quanto le donazioni siano come sempre beneaccette.

Buona Lettura!


15 commenti

Cose a venire

È con un certo piacere che annuncio la prossima uscita di un nuovo agile volumetto.

Mentre la revisione de Il Destino dell’Iguanodonte è ormai terminata, ed il volume opportunamente ampliato attende di tornare online, il 9 marzo vedrà l’uscita di Marte!, 150 anni di scienza e immaginazione.
Il testo è pronto, e qui di fianco c’è il preview della copertina.

Il volume è la parziale rielaborazione di un progetto che avevo messo in piedi anni addietro con un mio buon amico, ora impegnato in faccende che hanno una più elevata priorità.
Ma nel frattempo, ne approfitto per fare uscire questa breve carrellata sulla relazione personale che l’umanità ha con i Marziani, e soprattutto con il Marte di Wells, Burroughs, Brackett, Bradbury, Moore, Hamilton e più in generale con ciò che viene definito normalmente il genere “sword and planet”, o il “planetary romance”.
Senza dimenticare un paio di altri titoli essenziali.
Marte come luogo dell’avventura, insomma.

Niente di troppo esaustivo, ma neanche nulla di troppo estenuante.

Ci sono anche un paio di appendici che spero potranno essere interessanti.

L’agile volumetto sarà disponibile, in formato epub dal 9 marzo sulla solita pagina degli ebook, e attraverso il sito del Lemuria Social Club.
Sto anche valutando l’ipotesi di farne una versione in pdf.
Lo scarico è gratuito, anche se sono beneaccette le donazioni (ora abbiamo anche un bottone ad hoc).

Per una curiosissima coincidenza, pare che anche la Disney abbia deciso di lanciare nel nostro paese la pellicola John Carter, proprio aprendo il 9 di marzo.
Strano, eh?
Se non fossi assolutamente certo della correttezza della House of Mouse, sarei portato a sospettare che vogliano cavalcare il successo del mio agile volumetto per farsi pubblicità…


13 commenti

Il più acido degli antiromantici

File:Jbcabell.jpgI peccati della gioventù tornano a perseguitarci come spettri una volta passata la quarantina.
E così, pochi minuti or sono, mi sono ritrovato a citare James Branch Cabell.
Ad una signora, oltretutto.
Sposata.
Orribile.

“None the less,” observes Jurgen, “it does not behove God-fearing persons to speak with disrespect of the divinely appointed Prince of Darkness. To your further confusion, consider this monarch’s industry! Day and night you may detect him toiling at the task Heaven set him. That is a thing can be said of few communicants and of no monks.[...]“

O, in poche parole, il Diavolo dopotutto fà esattamente il lavoro che Dio gli ha destinato.
Il che non si può dire di molti credenti e certo di nessun prete.

Ci fu un tempo in cui citare Cabell ad una signora avrebbe potuto causare indignazione, scandalo, magari anche un ceffone.
Ma oggi, ahimé, nessunopiù ricorda James Branch Cabell – gentiluomo della virginia, autore di cinquanta romanzi, venticinque dei quali costituiscono un’unica, lunga, complicata narrativa.
Autore di Jurgen, a Comedy of Justice – il romanzo dalla prima pagina del quale è presa la citazione qui sopra, e che per i suoi contenuti ribaldi (ma raffinatissimi) venne portato in tribunale.
Ed essendo tali contenuti ribaldi, sì, ma raffinatissimi, Cabell fu in grado di dimostrare che, lungi dal corrompere i giovani, tali ribalderie erano comprensibili solo a chi si fosse posto con malizia a leggere il romanzo – ribaltando insomma l’accusa di oscenità sui suoi stessi accusatori.http://www.overlookpress.com/cover/jurgenLRG.jpg
Venne prosciolto.

Di cosa parla Jurgen?
Di un giovane poeta che, disilluso, si è tramutato in tarda età in un cinico usuraio
Il suo cinismo è in parte giustificato: la donna che amò in gioventù ma gli preferì un vecchio riccastro, ora, anziana, impegna nella sua bottega i gioielli per pagare i propri amanti.
Jurgen si picca di vedere le cose per come stanno.
Ed avendo una sera preso le difese del Diavolo in una discussione con un frate (vedi sopra), viene premiato da Colui che ha fatto le Cose come Sono (Cabelliana divinità contrapposta a Colui che ha fatto le Cose come Dovrebbero Essere) con una calorosa stretta di mano, e un augurio di ogni possibile felicità.
Jurgen replica che, purtroppo, lui è già sposato.
E il suo interlocutore, per ricompensa, gli fà sparire la moglie.
Ma la gente chiacchiera, e Jurgen è costratto a partire in cerca della moglie, per tacitare le malelingue.
Da qui, le peregrinazioni dell’usuraio, ringiovanito per magia e dotato di una famosa camicia e di una spada con un nome illustre, lo porteranno a confrontare se stesso in gioventù, a visitare un Inferno creato solo per soddisfare il desiderio di espiazione di suo nonno e un paradiso che esiste solo in funzione della bontà d’animo di sua nonna, un regno dove tutti gli eroi e gli dei classici convivono (Achille ha sposato Elena e ne è imperatore), un castello infestato, un’aula di tribunale per un processo presieduto dai Filistei (questo capitolo venne aggiunto dopo il processo a Cabell) e infinite altre avventure, fra inganni, disillusione e belle donne afflitte dal solito annoso problema – che il marito non le capisce.
Ma Jurgen sì.

Ammirato da autori disparati come Ray Bradbury, James Blish, R.A. Heinlein, Jack Vance, Fritz Leiber, Larry Niven, Neil Gaiman e Lin Carter – quest’ultimo curò la ristampa di sei dei venticinque romanzi del ciclo di Dom Manuel negli anni ’70, come parte dela storica collana Ballantine Adult Fantasy – James Branch Cabell è oggi dimenticato da tutti, fuorché da pochi appassionati di letteratura d’immaginazione.
Jurgen uscì anche in italiano, in un antico Oscar Fantasy ormai perduto.
Io lo lessi in inglese quand’ero al liceo – e c’è molto, nel cinismo di Cabell più chenella sua ribalderia d’antan, che può piacere al liceale medio, specie se non troppo bene integrato all’interno della propria classe.
In questo, Cabell è certamente il proprio peggior nemico – alla lunga il distacco e la superiorità, la citazione colta e il bon mot lavorano contro la narrativa.
Si esce dal liceo, si lascia Jurgen a riposare sullo scaffale.
Salvo poi ricordarlo nei momenti meno opportuni.

Powered by ScribeFire.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.386 follower