strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


1 commento

Scrittura – una lista di cose

Ve la ricordate la vecchia storia che chi scrive scrive, tutti gli altri parlano di scrittura?
Bene, parliamo di scrittura.

jdm-crimezineLa cosa si sta diffondendo qui nel Blocco C della blogsfera – ha cominciato Alessandro Girola, poi lo ha fatto Marco Siena: un riassunto per punti di alcuni elementi che consideriamo fondamentali, o caratteristici, della nostra scrittura.

Come idea – e in questo concordo con Marco – non per esporci, ma per confrontare modus operandi e strategie.
Per imparare.
Alex ha messo giù venti punti, Marco trenta.
Vediamo ora cosa riesco a fare io.

Perciò, siete ancora in tempo, se siete di quelli che scrivono, allora piantatela di frignare e tornate a scrivere.
Se siete dei wannabe che parlano di scrittura, cliccate qui di fianco…

Continua a leggere


9 commenti

Premio UNIA

Tutti sostengono di odiare i memi, e tutti sanno benissimo che essere citati in una di queste catene di sant’antonio è un sistema eccellente per risolversi un post.
È quindi con un certo piacere che ringrazio Helldoom per avermi assegnato il Premio UNIA, e passo a rispondere alle domande che ne compongono la trappola memetica.

Sarà interessante.

Ah, già… devo anche segnalare altri malcap… ehm, vincitori.
Sette, dicono le regole.
Ma molti di coloro che avrei segnalato già sono stati coinvolti.
Mi pare manchino tuttavia all’appello…

Max Citi di Fronte & Retro

Silvia Treves di Esercizi di dubbio

La Clarina di Senza Errori di Stumpa

Solo tre, ma valgono per sette.

Ed ora, vediamo cosa ci aspetta…

Continua a leggere


13 commenti

Le liste di Cyberluke

Non c’è che dire – quando si tratti di memi, Cyberluke non fa le cose a metà.
Mica propone un tema e lo butta lì.
No – lui ti fornisce un kit con le linee guida, e persino l’immagine da associare al post.
Addirittura fornendo kit separati per uomini e donne.
Quando dicono i professionisti.

Poi, chissà, magari lui alla fine miete i dati e li vende a qualche agenzia di marketing in cambio di casse ricolme di dobloni d’oro.
Ci starebbe anche, come idea.
Ma la cosa mi diverte comunque, e quindi, come si suol dire…

Continua a leggere


11 commenti

I will show you my favourite obsession

Non permettete a nessuno di dirvi come e dove scrivere!

Ancora pulp per il finesettimana.
Ci sono un paio di memi che circolano, qui nel Braccio C della blogsfera, al momento.
In uno, gli scribacchini mostrano al mondo quali sono le loro personali ossessioni scrittorie, quegli elementi che si sentono quasi in dovere di dover inserire nelle proprie storie.
Dall’altra, in dichiarata reazione all’accusa, spesso reiterata, di fuga dalla realtà, molti stanno presentando dei piccoli tour del loro personale mondo immaginario, della realtà fittizia che occupa una parte del loro mondo, e nella quale conducono parte della loro vita intellettuale.
Strana gente, eh?
Ma d’altra parte, perché pensate ci tengano qui nel Blocco C?

E così, in vista del mio mood pulp (Tarantino astenersi), metto giù una lista… no, non delle mie ossessioni, piuttosto dei miei vizi scrittorii – che includono alcuni elementi del mio piccolo universo tascabile.

So come down to the lab
And see what’s on the slab
I will show you my favourire obsession(*)

Continua a leggere


5 commenti

Progetto Sette Link

E va bene, proviamoci.
L’idea mi arriva dall’amico Nick, ed è per questo che mi dico che ci posso anche provare – pochi altri riuscirebbero a coinvolgermi in cose di questo genere.
Si tratta di uno di quei memi che circolano per la rete, capite…
Quindi, l’idea è di rispondere ad una serie di domande fisse relativamente al mio blog…

No, non c'entra assolutamente nulla... è semplicemente una delle prime immagini ottenute cercando "meme" online...

1) IL POST IL CUI SUCCESSO MI HA SORPRESO MAGGIORMENTE.

Senza alcun dubbio ed alcuna esitazione, Come ho trascorso le vacanze estive, miseranda lista delle mie sedentarie attività estive, diventato la destinazione ultima di svariate migliaia (!) di studenti nazionali in cerca, disperatamente, di esperienze altrui da spacciare come proprie alla ricerca di uno squallido sei di italiano.

2) IL MIO POST PIU’ POPOLARE.

Quello sui miei cinque film di spionaggio preferiti.
Niente di particolarmente complicato o didattico – solo una lista di titoli, qualche foto, qualche filmato.

3) IL MIO POST PIU’ CONTROVERSO.

Quasi certamente quello in cui sostengo che Tolkien fosse un noioso trombone… o che per lo meno come tale è stato letto da molti.

4) IL POST PIU’ UTILE.

Tremo all’idea che possa essere quello sulel vacanze estive…
Non so quale possa essere.
Forse i post con le ricette di cucina.
Dubito che le mie farneticazioni sulla scrittura possano aiutare chiunque fuorché il sottoscritto.

5) IL POST CHE NON HA RICEVUTO L’ATTENZIONE CHE AVREBBE MERITATO.

Claudio & the Mothref**kers, senza alcun dubbio.

6) IL POST PIU’ BELLO.

Non sta a me giudicare.
Scrivere ciascuno dei post del mio blog mi ha dato lo stesso divertimento e lo stesso piacere.

7) IL POST DI CUI VADO PIU’ FIERO

I due post dedicati al mio amico Mark.

Ed ora si tratterebbe di indicare altri sette da sottoporre a questa tortura, ma non è così che si fanno certe cose su strategie evolutive.
Ci sono dei volontari?
Firmate nei commenti.


11 commenti

Libri del 2010

Sondaggio a catena sul web – mi arriva da Sekhemty, e non vedo perché non partecipare, anche se per difficoltà varie non riesco a proseguirlo, ed a coinvolgere altri cinque blogger come vorrebbe il modello proposto.

Ora, ok, queste catene via web sono dubbie e pericolose, se partecipi arriva subito chi ti taccia di essere un pupazzo – e magari è vero, mgari si tratta di una trovata pubblicitaria di Amazon, o di chissà quale entità commerciale là fuori, e se dovessi poi scoprirlo mi dispiacerebbe abbastanza, ma…

Ma si tratta di domande su libri.
Potevo resistere?

Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.475 follower