strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Spegnete la televisione

Lascia un commento

041673 ALICE 3353Telecom ha upgradato d’autorità il mio modem, e alla buonora, considerando che erano quasi dieci anni che non ce lo aggiornava. Il tecnico ne ha approfittato per lasciare in prova la scatola nera della Home TV di Alice, quella per la quale fanno la pubblicità Diego Abatantuono e Elena Sofia Ricci.
Da provare, gratis fino a dicembre.

La prima dose è sempre gratuita.

Risultato?

Lo cantava anche Bruce Springsteen:

Man came by to hook up my cable TV
We settled in for the night, my baby and me

We switched ‘round and ‘round ‘till half-past dawn
There was fifty-seven channels and nothin’ on
Fifty-seven channels and nothin’ on
Fifty-seven channels and nothin’ on

E aveva ragione.

L’offerta di telefilm è patetica (Don Matteo?), i film sono vecchi e già visti un milione di volte, le partite di calcio – forse l’unica cosa veramente nuova e appetibile del pacchetto – non mi interessano.
Il resto è ciarpame.

Accoppiato alla scarsa offerta dei canali televisivi nazionali – TG farciti di gossip, telefilm tedeschi, film riciclati e documentari sui soliti leoni del Serengeti – il suggerimento ricevuto di recente di ammazzare la TV ed accendere il DVD si fa decisamente attraente. Se vecchi film devono essere, e a pagamento, per lo meno scelgo quelli che mi interessano.
E chissà, potrei anche risparmiarci il canone.

Anche perché attualmente cosa paga il mio canone RAI?

  • Numb3rs
  • Stargate SG1
  • Report
  • Blu Notte

Tutto il resto è noia, con buonapace di Franco Califano.

home-logoL’assurdità dell’offerta di Alice Telecom è accentuata dalla recente scoperta di Miro, un software gratuito che permette di connetersi, tramite un modem ragionevolmente veloce, ad un network di oltre duemila canali gratuiti – dai più sontuosi canali istituzionali (NASA, National Geographic, Discovery Channel) alle cose più artigianali (riprese domestiche di appassionati di questo o di quello) alle più insospettabili (Yoga Channel).

L’offerta di Miro include, fra le altre cose

  • 200 canali di notiziari da tutto il mondo
  • Port City PD – un poliziesco stile “Homicide” prodotto esclusivamente per il web
  • Star Wreck – storica parodia finlandese di Star Trek, ormai al sesto film, interamente prodotta in uno scantinato!
  • Terra! – un programma di documentari finalmente originali e aggiornati alle problematiche ambientali correnti.
  • Classic Channel – che riunisce vecchi film di Melies e Murnau, serial cinematografici americani anni ’30, e altro interessante vecchiume (anche i cartoni di Popeye e di Superman di Max Fleischer!)
  • Public Broadcast Service – una rete nella rete, fatta di canali televisivi aperti per la trasmissione di materiale di pubblico interesse.

Assolutamente imperdibile poi il video-podcast in alta definizione (!) dell’irsuto Trucker Tom, che ci parla delle sue esperienze di prima mano sulle autostrade degli Stati Uniti.

Miro, come YouTube (ma la qualità dei filmati è superiore) non costa nulla, se non i soldi che comunque spendiamo per l’abbonamento ADSL ed è -sorpresa sorpresa – assolutamente pluralista: si trova dal sermone Evangelico al video sulla meditazione Zen, dalla propaganda Repubblicana alle teorie di cospirazione, dalla moda di Parigi ai video dele favelas di Rio.
L’Inglese è la lingua dominante, ma una 40% dei filmati non sono in inglese – una buona occasione per fare esercizio di Francese, Tedesco (forse la seconda lingua più diffusa) Spagnolo (c’è molto Sud America) e Giapponese…

Interessante, valido, tutto fuorché noioso.

Un chiaro segno che il mezzo televisivo ha ormai perso la corsa, incapace di rinnovarsi e di mantenersi al passo con i gusti del pubblico che rimane sveglio davanti allo schermo.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.