strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il piacere di essere fuorimoda

Lascia un commento

I know it’s out of fashion
and a trifle uncool

… cantavano Martha & The Muffins (e anche Toyah Wilcox).

3493548Uno dei piaceri degli ultimi giorni è stato riscoprire la discografia di Al Stewart – complice una massiccia operazione di ripping per riversare tutto sul mio vecchio lettore portatile cinese.
L’uomo che comprò una chitarra di seconda mano da Andy Summers e si fece insegnare a suonarla da Robert Fripp, cantautore scozzese che esordì collaborando con Jimmy Page e Richard Thompson, diede un primo ingaggio a Rick Wakeman e Peter White, che per un breve periodo fu il leader di una band chiamata Shot in the Dark, Al Stewart è decisamente uncool da almeno vent’anni.

Però che bello, poter tornare ad ascoltare canzoni che sono racconti, nelle quali il testo va capito, ricostruito, integrato con riferimenti obliqui.

81-indian-summerChe bello, riascoltare il gioco di chitarra, flauto e tastiere, incalzante.

E chi se la ricordava Princess Olivia?
E chi se la ricordava Pandora?
Come ho fatto a viaggiare in macchina per migliaia di chilometri senza Indian Summer sullo stereo?

Viviamoo amori infelici perché ascoltiamo pop, o ascoltiamo pop perché viviamo amori infelici?, si domandava il protagonista di High Fidelity.

Io potrei parafrasarlo – amo la storia perché ascolto Al Stewart, o ascolto Al Stewart perché amo la storia?

Rock, folk, folk-rock, jazz-rock.

Le etichette abbondano – scozzese trapiantato in California, Stewart da quarant’anni scrive canzoni ispirate alla storia del ventesimo secolo: dai biplani della seconda guerra mondiale alla guerra di Spagna, a Parigi fra le guerre, alla Ritirata di Russia…

E gli amori infelici?

stewart catfThe Year of the Cat l’hanno comprato, ascoltato, duplicato, regalato tutti quelli della mia generazione.
Anno incredibile, il 1976.
Oggi lo usano come musica di sottofondo per unalinea di prodotti dermatologici.
Sento le note della canzone e ricordo cose che con i prodotti dermatologici non c’entrano nulla.

Ma ascoltatevi la chiusura del brano che da il titolo al disco, quando la chitarra passa il testimone al violoncello…
Se non proverete i brividi, è perché siete morti.

E poi, uncool…
Ray Lomax ci ha insegnato che tutto torna di moda, se si ha la pazienza di aspettare abbastanza a lungo.

Tornerà anche Al Stewart, con le sue chitarre spagnole e le sue canzoni su Nostradamus, Napoleone, Josephine Baker…

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.