strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Meglio se restava sommerso?

5 commenti

In un colpo chiaramente mirato a vendicarsi della mia battuta sugli spaghetti, il malvagio Elvezio Sciallis segnala, nell‘ultimo post sul suo blog, una recensione lunga, articolata e definitiva comparsa sul sapido Gamberi Fantasy, una disamina che fa finalmente giustizia dell’opus della più popolare fantasista italiota sul mercato, Licia Troisi.

Elvezio segnala quel post come “miglior recensione ever” – e io brindo a questo.
Ma ben sa, lo Sciallis, che provocato da una recensione che non si può non condividere (per lo meno nelle sue linee generali), rischio di passare la domenica pomeriggio a martellare sulla tastiera, spacciandomi così l’unico giorno libero della settimana a disquisire per l’ennesima volta, inutilmente, su tutto ciò che nel fantasy nazionale proprio non funziona.

Ma il gioco di Sciallis questa volta va in cortocircuito, e l’angelo che egli serve gli riveli dunque che non solo ho una pila alta così di libri da leggere, ma questo pomeriggio mi aspetta addirittura un triplo spettacolo di Doug McClure.

    The Land that Time Forgot.
    At The Earh’s Core.
    Warlords of Atlantis
    .

Praticamente un piccolo festival della Amicus.

Altro che Mondo Emerso.
Qui ciò che è sommerso rimane tale, e meglio così – tutto considerato.

E poi, perché dovrei dilungarmi?
Che i libri della Troisi siano decisamente al di sotto della media di leggibilità è un dato ormai noto e rilevato da più parti.
A riprova, stralciamo un esempio dello stile descrittivo dell’autrice (neanche il peggiore, a dire il vero)…

Osservò i muscoli compatti delle gambe, la pancia piatta, le braccia forti, frutto degli allenamenti con la spada e delle battaglie. Si stupì che il suo corpo fosse cresciuto tanto in fretta, quasi a sua insaputa, trasformandola in una donna: aveva belle forme e un seno forse un po’ abbondante, ma ben disegnato. Si avvicinò al riflesso del suo volto. Ho gli occhi troppo grandi. Però il colore le piaceva: era intenso e profondo.

Tutto questo naturalmente è ridicolo, sciocco oltre ogni limite e anche mal scritto (un po’ come in quella vecchia barzelletta, “qui il cibo fa schifo, e ce ne danno anche poco!”).

C’è poco altro da aggiungere. La lunga recensione dei pescatori di gamberi è esaustiva ed estenuante, e riceve la piena approvazione del sottoscritto, giù giù fino al consiglio di leggersi piuttosto Ash, di Mary Gentle, che è un libro con i cojones.

Unico appunto – Troisi pubblicata per fortuna?
La fortuna non esiste.

Il problema è piuttosto un altro.
E’ ammissibile che un autore esordiente pubblichi – per scelte commerciali dell’editore, che ha bisogno di occupare una nicchia di mercato – un’opera prima pessima.
Non è consigliabile, ma è possibile – specie se l’editore non ha un editor degno di questo nome che ripulisca il manoscritto dell’esordiente.
Resta comunque aperta l’opzione di crescere e migliorare con le uscite successive.
Ma quando un più che mediocre esordio viene immediatamente celebrato come vertice inarrivabile (si vedano le reazioni dei fan citate nell’articolo gamberesco), che interesse avrà l’autore a fare un onesto esame del proprio lavoro per definire i problemi e porsi in cerca di una soluzione?

E qui chiudo e vado a guardarmi i film con Doug McClure.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

5 thoughts on “Meglio se restava sommerso?

  1. Peccato, speravo ti procurassi, chessò, tutti i volumi di qualche altro titano del fantasy e ce ne facessi recensione lunga sul modello Gamberetta.

    Dai, cosa vai a vedere i film, rimani qui…

    Anche io voglio un seno ben disegnato.
    E un colore intenso e profondo.
    Qualsiasi cosa voglia dire.

  2. Io più che disegnato, lo preferirei scolpito.
    Su qualcun’altro.
    Possibilmente di sesso femminile, giovane e disponibile, in età legale per esplorare i capitoli centrali di Tantra for Dummies….
    Ah, le meraviglie della tridimensionalità…

    Per gli occhi, come diceva Shakespeare, lasciamo fare al buon Dio (cfr. Much Ado about Nothing).

    Comunque farò il possibile per recensire qualcosa di titanico al più presto.
    Contento?

  3. Mi sono fatto un giro tra i vari link, per capire esattamente di cosa steste parlando. In un primo momento mi sono detto: beh, avrà pubblicato con una minuscola casa editrice pagando, e poi scopro che i libri della Troisi sono editi dalla Mondadori.
    Ho letto degli estratti, sia quello che tu posti, sia altri e francamente io non ci capisco più un cacchio. Ma in base a cosa oggi si pubblica? Probabilmente le stesse case editrici considerano il fantasy un genere minore, da ragazzini di dodicianni per cui: pubblica quello che vuoi che tanto questi mica capiscono la differenza!

    Ho avuto esperienze di correzione e valutazione di dattiloscritti, ebbene, la Troisi utilizza nella costruzione della frase i tipici stilemi di chi ha appena imparato ad abbozzare una storia. Ossia, costruisce la narrazione sulle tipiche formule “sicure-comode” di chi non ha personalità artistica, ma scimmiotta (tra l’altro banalmente) le banalità degli altri, le descrizioni ne sono un chiaro esempio. Non restituisce un punto di vista originale, uno spunto interessante, niente.
    Ma è davvero messo così male il fantasy in Italia?

  4. Concordo in pieno con l’analisi del linguaggio della Troisi.
    Si tratta di una scrittura sciatta ed elementare – più da outline che non da romanzo: appunti su personaggi e situazioni copiati e incollati nella narrazione.

    Per una risposta breve e scortese: si, il fantasy in Italia è messo così male.
    Potrebbe andar meglio (le premesse esistono), ma ci sono troppi ostacoli… legati io credo proprio a quel “in base a cosa si pubblica”.

    Sembra proprio che quel lungo post che volevo evitare finirò per scriverlo….
    Un po’ di pazienza, e ne riparliamo.

  5. Ciao Asakusa,
    si’ il fantasy e la fantascienza, diciamo il fantastico in genere, sono messi davvero male in Italia. Il che non vuol dire che non ci siano autori davvero bravi o promettenti, solo che questi scrittori molto spesso sono quelli che trovano gli spazi minori per pubblicare e vengono letteralmente sepolti da prodotti come le Cronache Emerse. Credo che non sia solo dovuto a certe scelte delle case editrici, ma anche all’atteggiamento di parte dei lettori che vogliono cloni e non letteratura originale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.