strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Due per uno

2 commenti

Un chiaro segno che stai invecchiando?
Quando la colonna sonora della tua adolescenza viene venduta a due per uno per meno di otto euro a botta nei grandi magazzini.
Se poi sei davvero vecchio, la colonna sonora della tua adolescenza viene venduta a due per uno per meno di otto euro a botta nei grandi magazzini, ed i ragazzini neanche se la filano.
Un breve pork chop express molto personale, in questa fredda notte di pioggia…

Mi trovavo in un grande magazzino per cercare delle ciabatte con surge protector per potenziare e in parte riformare l’impianto elettrico della casa di campagna.
Trovate le ciabatte, si fa un giro fra gli scaffali.
Un’occhiata alle fotocamere digitali, un’occhiata ai forni a microonde.
Un’occhiata ai giochi per Playstation – tutti uguali e tutti troppo cari – un’occhiata ai dischi.
E così mi imbatto in una povera custodia di cartone che contiene due CD – Crime of the Century e Crisis, What Crisis?, dei Supertramp.
Io ci sono cresciuto, con questi dischi.
Ho i vinili, imbustati con cura e suonati fin quasi a consumarsi.
Ricordo i testi a memoria.
E adesso la Universal – che evidentemente ha rilevato il catalogo A&M, o almeno parte di esso – li vende nella collana 2 for 1, a meno di otto euro.
Crime ha l’età di mio fratello, Crisis un paio d’anni di meno.
Io ci sono cresciuto, con questi dischi.

Ascoltati per la prima volta su cassetta, durante il secondo anno di liceo, e poi su vinile, per anni a seguire, prima sul vecchio stereo di famiglia e poi sul mio stereo, il Technics acquistato con risparmi sanguinosi in quarta liceo.
No Duran Duran, no Vasco, grazie, no Righeira.

E adesso eccoli qui.
Niente testi, niente credits, niente immagini se non la copertina, delle dimensioni di un francobollo.
Solo i CD, imbustati in cartoncino leggero.
Se voglio conoscere i credits dettagliati, dice una nota scritta da gnomi nani col morbo di Parkinson e leggibile solo con la lente d’ingrandimento, sono pregato di scrivere alla Universal.
Ma io, naturalmente, i testi li ricordo a memoria, e i credits anche.
Io ci sono cresciuto, con questi dischi.

Se li ho presi?
Per meno di otto euro?
Certo che li ho presi.
E ci ho messo un secondo 2 for 1, con Brothers in Arms e On Every Street, dei Dire Straits.
Così la smetto di consumare i vinili.
Io ci sono cresciuto, con questi dischi.

Powered by ScribeFire.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

2 thoughts on “Due per uno

  1. Consumare i vinili? Sono stupefatto. Possibile che tu ignori l’esistenza di software shareware come Audacity, che digitalizza e rimette al mondo i vecchi LP?

    La musica dei Supertramp non mi ha mai detto molto, ma la copertina di “Crisis? What Crisis?” rimane una delle più azzeccate e memorabili degli anni ’70.

  2. Conosco eccome.
    Ma dal 1982 al 2001, c’era poco da fare, se non usare la buona vecchia puntina di diamante.
    Mi sono espresso male – i vinili non si consumano… sono già consumati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.