strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Come cucinare la manticora – web extra

16 commenti

“Come cucinare la manticora” è il titolo del prossimo pezzo che https://i0.wp.com/www.tuttocartoni.com/DamaVeleda/Immagini/Bestiario/manticora.jpguscirà – salvo netto rifiuto da parte degli editor – sul prossimo numero di LibriNuovi come parte della serie Storia Naturale della Letteratura Fantastica.
Il pezzo è diretto frutto di alcune riflessioni stimolate dalla domanda relativa alle mie letture rivoltami un paio di giorni or sono da Giuseppe, su questo stesso blog.
Si tratta di un pezzo – abbastanza lungo, a giudicare dall’outline – sulla scuola di Unknown, sul fantasy razionalizzato e sulla science fantasy.

A definition, offered by Rod Serling, is that “science fiction makes the implausible possible, while science fantasy makes the impossible plausible.” The meaning is that science fiction describes unlikely things that could possibly take place in the real world under certain conditions, while science fantasy gives a veneer of realism to things that simply could not happen in the real world under any circumstances.

Il pezzo sta venendo bene ma, come di solito capita quando si scrive all’improvviso, al margine del testo pianificato stanno emergendo idee che, vagamente correlate, rischiano di essere più interessanti del tema principale.
Una di queste, ad esempio, scivolata sulla pagina mentre mettevo insieme il cappello introduttivo, riguarda lo shift subito dal mercato del fantasy “di massa”, la scomparsa del barbaro e l’avvento del vampiro, la trasformazione del fantasy da genere per gli adolescenti a genere per le adolescenti.

I giovani uomini che sognavano per se stessi una eterna adolescenza, per sempre indipendenti e privi di responsabilità, sono stati rimpiazzati da giovani donne che sognano per se stesse una eterna adolescenza, per sempre dipendenti, e perciò prive di responsabilità.

Mi vengono così.

Un’altra idea, forse ancora più interessante – perché meno derivativa (dei vampiri emo sono anni che discutiamo) – riguarda il fatto che il fantasy razionalizzato, o la science fantasy che dir si voglia, esiste sostanzialmente sulla base di un artificio linguistico.
Si tratta di stiracchiare le regole, camminare in precario equilibrio sulla sottile linea di demarcazione fra scienza e pseudo-scienza.
Giocare coi vecchi luoghi comuni.
C’è un fondo di verità in ogni leggenda.
Ogni tecnologia sufficientemente avanzata…

E poi restare nella zona d’ombra: Randall Garret dimostrò a suo tempo, con Despoilers of the Golden Sun, che è possibile descrivere nel dettaglio la conquista di Pizarro del Perù e vendere il raconto come space opera avventurosa – basta usare un linguaggio sufficientemente generico, descrivere l’oro come “l’isotopo 197 che forniva potere all’impero” e praticare qualche altro giochetto, ed è fatta.
Non è necessario aggiungere o togliere nulla.
Diamine, Garrett arrivò a descrivere i galeoni spagnoli come “navi inadatte al volo atmosferico”!

Ecco, questa suscettibilità al linguaggio della letteratura di genere è qualcosa che di solito trascuriamo, o diamo per scontato.
Eppure, cos’è il planetary romance, se non la sword & sorcery con una quarta di copertina diversa?
Cos’è The Sword of Shannara se non Il Signore degli Anelli senza le parti noiose, ed una leggera patina fantascientifica, un sentore appena colto qua e là, ma che conta, eccome, nel bilancio generale della storia?

Stessi temi, stessi paesaggi, stessi eroi, stesse idee…

Rimane perciò la constatazione che la narrativa di genere, in generale è una narrativa di idee, ma anche una narrativa fortemente dipendente dal linguaggio.
E che postulare il primato dell’un elemento sull’altro è per lo meno rischioso.

Anche se poi, naturalmente, i best-seller vendono sulla base della copertina.

Powered by ScribeFire.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

16 thoughts on “Come cucinare la manticora – web extra

  1. Davvero interessante, e attendo di leggere nuovi sviluppi. La mia domanda inoltre muoveva dalla constatazione dell’attuale predominio del fantasy, quantomeno quello tolkieniano, sulla fantascienza. Ho sempre seguito questo fenomeno con interesse, e un certo sospetto, e mi chiedo quanto questa tendenza sia riconducibile all’evoluzione della nostra società. Sono un grande appassionato di fantascienza, sono cresciuto con Clarke, Asimov, Brin, Benford, Simmons, Herbert e tanti altri, sebbene non disdegni nemmeno il fantasy più classico, essendo anche un giocatore di ruolo. Tempo fa lessi un articolo di Gregory Benford (uno dei miei scrittori preferiti) in merito al suddetto fenomeno, e lo trovai molto interessante seppur esagerato in taluni passaggi. Lo allego direttamente perchè il relativo link non è più funzionante:

    George Martin’s mammoth fantasy novel sits atop the bestseller lists, so it’s time to ask: WHAT DOES THE RISE OF FANTASY MEAN? Four out of the last five Hugo awards were won by fantasy. Yet it’s the award of the World Science Fiction Convention, named for Hugo Gernsback, who edited the first science fiction magazine. Fantasy has very, very cleverly managed to capture the apparatus erected by science fiction fandom and pro-dom, and fantasy writers now dominate the Science Fiction Writers of America. They’ve taken over the Hugo awards—which I thus usually don’t attend. A Harry Potter novel won a few years back and I walked out. I think this move to fantasy has led to a core lessening of what I value in the larger genre, with a lot less real thinking going on about the future. Instead, people choose to be horrified by it, or to run away from it into medieval fantasy. The American culture that once read Heinlein and went the moon now puts George Martin (a very good writer, who started in sf) on the bestseller lists, and goes nowhere. I see all of this as a retreat from the present, or rather, from the implications of the future. I don’t think it’s an accident that fantasy novels dominate a market that once was plainly that of Heinlein, Clarke, Asimov, and Phil Dick. I think it’s to the detriment of the total society, because science fiction, for decades really, has been the canary in the mineshaft for the advanced nations, to tell us what to worry about up ahead. Phil Dick was a genius at this. He could see the implications of the technologies, and what they would lead to, and people’s responses to them. But now, most of the readership is running away from these problems, perhaps terrified by them. So instead, while reading doorstop sagas they can pretend that they’re really wielding swords in defense of the king, or something—a retreat that horrified people like Isaac Asimov. He saw this as just an old intellectual cowardice. But of course, people do it for emotional reasons. They like to pretend that they’re really the princes from another land. But they’re really corporate serfs. In some ways, the watershed event was the first Star Wars movie—a fantasy plot with a technosizzle backdrop. That genre, so-called, is bigger than all of conventional science fiction now. To me, this is a progressive failure of the advanced societies. Both in Europe and the US that fantasy outsells science fiction by at least a factor of ten, if not twenty or thirty. It’s a bad signature for the West, that the very idea behind Western civilization, that we could master the universe and create a better society. But who can create a better society when you spend your free time thinking about really big problems like dragons? Of course, part of this is that these are people who never worked on a farm. They have no idea what life was like even a few centuries ago—almost entirely grunt labor. So they think lords and kings are swell, romantic. Growing up in southern Alabama, I cut cane and sacked potatoes and worked on fishing boats—and quickly realized that the best jobs were indoors. I determined that I wasn’t going to do an ordinary manual-laborer job, because I found it boring, plus other detriments. My grandfather died in his forties of lockjaw, for example. Sf suffers from a literary establishment that thinks naïve realism is the only “serious” approach—what I call the Culturally Correct. In this, mainstream critics are unconsciously echoing the Socialist Realiam bromides of the 1930s. These critics are mostly middlebrow literary types, they don’t seem to realize this is the Stalinist position. Magic Realiam, Dada—fine—but not the Dreaded Genres, heaven help us. It’s just another, older way of not facing the future. So I think we should be seriously worried about where the West is going. We can distract ourselves with our fantasy novels, our buzz and sass—but not the Chinese and the Indians and the Japanese… I think we’re seeing now the first surges of the next major stage in the development of all humanity. The West has reached a very high level, and these benefits are spreading. Advanced technophilic cultures are developing elsewhere, becoming major players on the stage. In Europe they are terrified of the competition of the Chinese and Indian markets, but that’s just the beginning. Next will come the domination of their fresh Asian takes on technologies. The advanced physical, biological and even social technologies will spring from those societies. It’s not crazy to think that a hundred years from now, Europe will be a complete backwater, a place that is essentially seen as a living museum, and the hot, big, where-it’s-happening cities in the world will be Lahore or Delhi, Bangkok, Singapore, and just possibly maybe Perth, or even Darwin. So I’ve decided to write no more sf novels for a while, concentrating instead on nonfiction essays. I’m writing reflections on our time and science with Michael Rose, instead. It seems better than writing fiction, somehow, in the gathering dark of our time.

  2. Grazie del commento e dell’articolo.
    Anch’io credo che Benford esageri in un paio di punti, ma concordo in pieno sul fatto che il dominio del fantasy rappresenti un tentativo di fuga dal confrontarsi con l’inevitabile -vale a dire il futuro.
    Per questo, tra l’altro, preferisco la fantascienza – perché anche al suo più avventuroso e spensierato, il romanzo di fantascienza si pone domande sul futuro.
    Ed il futuro, come diceva quel tale, è dove passeremoil resto della nostra vita.

    D’altra parte – ed è qui che credo Benford sia… diciamo troppo sbrigativo – anche il fantasy permette di affrontare problemi contingenti e reali.
    Il fantasy trasforma in elementi maneggevoli concetti scomodi come i precetti morali, le posizioni politiche…
    In questo senso il fantasy è utile ed è stimolante, oltre ad essere divertente.

    Ciò che trovo invece inquietante è la sempre più ricorrente fantasia di restaurazione che domina un certo fantastico (anche i tre nuovi film di Star Wars zoppicano in quel senso).
    La quantità di eroi predestinati, di superuomini risolutori e di campioni che si elevano al di sopra della plebe imbelle ed impotente… son cose che mi preoccupano.
    C’è un forte elemento neofeudale nelle storie di Henry Potter, così come c’è un agghiacciante elemento antifemminista nei vari Twilight.
    Ed i ragazzi se li sciroppano con entusiasmo.
    Questo è preoccupante.

  3. Ottime considerazioni, unite a una delle più azzeccate definizioni de “La spada di Shannara” mai lette 🙂
    Prendiamo pure Star Wars (e scusa se sconfino nel cinema): ce l’hanno venduto come fantascienza, ma per me è puro e semplice fantasy.
    Tutto si può camuffare e rivendere in un altro modo.
    Altro esempio: noi in Italia abbiamo uno dei migliori scrittori di fantascienza europei. Tullio Avoledo. Solo che scrive fantascienza sotto mentite spoglie e molti se la leggono senza nemmeno accorgersene 🙂

  4. Star Wars è un western, in effetti.
    O un wuxia.
    O no, aspetta, è un vecchio serial RKO degli anni ’40…
    😀

    Ho sentito una bella definizione qualche settimana fa – Star Wars è il futuro come se lo immaginerebbero in un mondo fantasy.
    O qualcosa del genere.

    Sul fatto che poi molto fantastico venga smerciato sotto mentite spoglie, ah, quella è una tradizione antica.
    Lo stesso Calvino si incacchiava se dicevano che scriveva fantascienza…

  5. Davide, mi trovi d’accordo su tutti i punti. Per quanto riguarda la saga di Star Wars, un altro famoso scrittore di fantascienza, David Brin, denunciò quella deriva romantica (in senso reazionario) ed escapista che tu stesso fai rilevare. Tra l’altro le invettive di Brin sono facilmente rintracciabili in rete…

  6. … e in un libro divertentissimo, intitolato Star Wars on Trial, nel quale Brin assume il ruolo di pubblico ministero.
    Meraviglioso il finale “alla Perry Mason”, in cui si scopre che è Yoda ilveromalvagio manipolatore di tuttala faccenda.
    “Dannato guanto da forno!” commenta Brin…
    Consigliatissimo.

  7. Me lo procurerò allora…

  8. Volendo essere sintetico, a me piace pensare che il fantasy possa aiutarci a decifrare il passato (hai presente il mito, la tradizione, gli archetipi, bla bla bla?), mentre la fantascienza dovrebbe essere indispensabile per comprendere il presente e orientarsi nel futuro.

    Poi ovviamente nella realtà le cose sono decisamente più sfumate, fermo restando che il primo requisito di qualunque romanzo di genere che si rispetti rimane la capacità di intrattenere il lettore.

    Sulle derive che sta prendendo il genere, non ho le idee chiare. A me pare che l’unica differenza sostanziale dall’avvento del cp in poi (gli ultimi trent’anni quindi) sia la progressiva scomparsa del futuro visto come possibilità, soppiantata da un’idea del domani come condanna, da scontarsi il più avanti possibile. Parlo del pubblico dei lettori, ovvio, non degli autori, per fortuna.
    Non è bello, ma tant’è.

  9. @Iguanajo
    Tu parli di fantascienza, e la deriva in senso pessimista/nichilista del post-saiberpank è innegabile.
    Associata alla deriva autoritaria e elitista del fantasy, sembrerebbe indicare da una parte una gran paura del futuro, e dall’altra un disperato recupero del passato autoritario come scappatoia.
    Arriverà un eroe e ci salverà tutti, riportando le cose a come stavano prima.
    Questo per me è molto sinistro.

    Anche la prepondseranza dello zombie nell’horror è un sintomo di questa idea strisciante che la massa sia decerebrata e solo pochi singoli particolarmente dotati siano degni di salvezza.

    Poi, grazie al cielo, si continua a produrtre eccellente narrativa d’immaginazione che non casca in queste trappole – ma la proposta dominante è questa.
    Anche perché* è facile cavalcare i trend (guarda quanti tristi e tronfi emuli dei saiberpunk vivacchiano ancora ai margini senza aver aggiunto una virgola a ciò che Effinger, per dire, scrisse nel 1982!)

  10. Le considerazioni che fai sul gusto dei lettori, e di conseguenza sulle tendenze del fantasy sono, purtroppo, assai condivisibili.

    Per tornare alla fantascienza, mi chiedo se il calo di apprezzamento, sempre rispetto al fantasy, sia spiegabile oltre alle considerazioni che facevo sopra, anche al fatto che questo calo di “speranza” nel futuro sia da attribuirsi più al pubblico nel suo complesso che agli autori.
    Dopotutto se penso ai romanzi più interessanti degli ultimi 20 anni, mi pare che sia presente più di una traccia di ottimismo (penso soprattutto a Egan, ma anche a McDonald, a Stross, a Banks – beh… con Banks in effetti siamo al limite…)

  11. Io credo che esistano diversi elementi, a livello di pubblico, che provocano questa (ipotetica) disaffezione per la fantascienza.
    C’è il ruolo marginale che la nostra cultura sembra voler dare alla scienza.
    C’è la sostanziale delusione per il futuro – il ventunesimo secolo è arrivato ed ha portato solo problemi (per lo meno, così ci viene venduta).
    C’è il fatto che per il singolo proiettare le proprie aspirazionimolto avanti nel futuro è di fatto impossibile, o viene comunque fortemente scoraggiato a livello istituzionale.
    C’è l’antica e mai sopita passione degli esseri umani per le cose facili-facili.
    E c’è, da non trascurare, la quantità enorme di fantascienza di basso grado che viene spacciata quasi quotidianamente da cinema e TV, con nomi diversi.
    L’uomo della strada la sua dose minima di fantascienza la trova in CSI (e poi si aspetta di ritrovarla nella realtà).

    Le cose troppo complicate e difficili non tirano.

    Di fatto, anche il successo del fantasy è caratterizzato dal successo di opere vastissime e intricate, ma certo non “difficili”.
    Twilight non è Malazan, ma Malazan non è Little, Big.
    Ho appena scovato un fantasy costruito come cento anni di dibattito teologico medioevale sulla natura degli elfi – zeppo di citazioni da testi della patristica, brani in latino e quant’altro.
    Non sta andando benissimo.

  12. mah. amo la fantascienza di greg egan e di shery tepper (ecco, sono i miei confini agli antipodi); penso anch’io che sw sia fantasy; non so se amplierei il discorso di fantasy vs. sci-fi alla società: adesso il fantasy tira di più perché il mercato viene fatto andare in una certa direzione (ma, come è stato giustamente fatto notare, è un certo tipo di fantasy), non sono però certo del fatto che esista davvero disaffezione dei lettori alla fantascienza: quelli che prima erano lettori di fantascienza lo sono ancora oggi.
    (ma ammetto: se accettiamo che il mercato crea la società, il consumo di narrativa potrebbe essere un sintomo di come vanno le cose rappresentativo di almeno un 30% della situazione complessiva. trentapercento è la percentuale di quelli che leggono un po’ più di qualcosa in un anno, o qualcosa di simile).

    mi stupisce la boutade su tolkien-brooks e non perchè io sia un fondamentalista di tolkien ma perché tutta la manfrina sugli emuli di tolkien non mi ha mai convinto: tolkien non è mai stato imitato sulle parti sostanziali della sua opera (il messaggio cristiano della rinuncia al potere, ad esempio. ed è questo che fa de isda quel che è, non i noldor o la lingua quenya o il party di avventurieri), ma solo su quelle superficiali (i noldor e la lingua quenya. e il party di avventurieri). un deficiente ha sostenuto che brooks è un emulo di tolkien (magari!) e adesso abbiamo una completa genealogia di emuli di un modello che non hanno mai saputo davvero copiare. tolkien è l’autore meno copiato della letteratura fantasy, ma salta fuori che la strazzulla è la sua diretta discendente. bof.

  13. Mi concentro momentaneamente sulla faccenda Tolkien-Brooks.
    Di fatto è questo il problema implicitamente sollevato dai generi o sottogeneri ibridi – quanta parte è contenuto, quanta parte è forma?
    Indubbiamente, i tolkienoidi si sono concentrati sulla forma, creando del fantasy “al sapore di Tolkien”.
    Guy Gavriel Key, col ciclo di Fionavar, lui sì impara da JRRT senza ridursi all’imitazione formale. Ma è un caso rarissimo.

    Ecco, io credo che, in prima battuta, si possa distinguere il buon fantasy dal riempitivo sulla base del rapporto forma-contenuti.
    Cooptare la forma è facile – è facile imitare la forma di Tolkien, di Howard, del cyberpunk e dello steampunk, della space opera o del planetary romance.
    Scrivere in quella modalità una storia valida è tutta un’altra storia.

  14. Alladr, penso che parlare di “emuli di Tolkien” sia in realtà molto sensato: senza il successo di Tolkien e di Brooks oggi il fantasy sarebbe molto diverso, e le cosiddette “Fat Fantasy Trilogies” forse non esisterebbero. Da Brooks in poi, e dalla Strazzulla in su, si è cercato di imitare ciò che si è ritenuto avesse favorito il successo del SdA e di Shannara, che poi sono gli aspetti narrativi e formali (party di avventurieri, elfi, etc.). Il fatto brutto è che, al di là di quello che indichi come fattore centrale nell’opera di Tolkien, (rinuncia al potere, ma anche la campagna inglese come Arcadia, e chissà quant’altro) questi emuli adottando questi aspetti hanno fatto centro perfetto, con buona pace di quanti di noi vorrebbero una maggiore biodiversità nel fantasy (mitodiversità?).

  15. @quiller: premessa: non voglio essere offensivo e non voglio mettere in bocca ad altri parole che non hanno detto. tento una analisi.
    vedi, il discorso che fai mi pare centrato sulla massima: la storia la fanno i vincitori. parti dal presupposto che il successo (usi questa parola 2 volte, una delle parole non grammaticali più frequenti del tuo post, dopo fantasy. da un punto di vista qualitativo riformulata tra l’altro come centro perfetto) costituisca un criterio utile per definire buona o non buona l’opera di imitazione. obietterai che almeno è un criterio. giusto. io sono meno tecnico, parto dalla mia sensibilità (bleah! e doppio bleah!) e non riesco neanche ad associare il successo di jrrt a quello di brooks, perché li recepisco come epifenomeni uguali di realtà parallele (e destinate a non toccarsi, a dispetto degli scrittori di fantastico).
    insomma: se trovi la definizione sensata, ammetti che sia più importante la forma della sostanza.
    mi permetto un caveat: attenzione, non so chi abbia definito per primo brooks un emulo di jrrt, ma se come sospetto è stato un dipendente di una casa editrice che stava praticando il marketing, ritenere la definizione sensata significa anche accettare supinamente la strategia commerciale che vuole valida la definizione.
    oh, ma il discorso inizia a trascendere nella politica. meglio che io taccia.

  16. Ohe! Moderiamo i termini!
    Epifenomeno a me non l’ha mai detto nessuno.
    😛

    L’originaria pubblicità della Ballantibe/DelRey, nel 1977, diceva (cito a memoria) – “Per anni i fan di Tolkien hanno atteso di ritrovare l’emozione…”

    Ma la questione Brooks/Tolkien è molto interesante.
    A favore di Brooks abbiamo Gene Wolfe e Frank Herbert.
    Contro Brooks abbiamo Lin Carter e Orson Scott Card.
    Gran bel match.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.