strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

È tutta colpa nostra

6 commenti

Questo è un caso di instant blogging.

Sto ascoltando la rassegna stampa post-elezioni.Qui dove siedo, i prnon sussitono – paese di neanche mille anime, seicentocinquanta votanti, il sindaco uscente confermato con oltre quattrocento voti.
Bello liscio.

A Torino ha vinto Fassino.
Prevedibile.

Ma ciò che mi colpisce sono le interviste agli sconfitti.

Il ritornello è sempre lo stesso – gli elettori non hanno capito la nostra poposta, le nostre idee sono sfuggite agli elettori, gli elettori non hanno avuto il coraggio di cambiare…

Non uno che dica, ok, abbiamo proposto idee che non piacciono.
Abbiamo presentato un candidao odioso.
Ci inchiniamo alla scelta degli elettori.

No, manica di idioti – siete voi, siamo noi, che non abbiamo capito.
È la nostra colossale stupidità ad aver mandato a gambe all’aria il loro progetto meraviglioso.

Non uno che si ricordi, che sono loro, al nostro servizio.
Non uno che riesca per tre miunuti, davanti ai microfoni, a spegnere l’arroganza e l’egocentrismo che sono, alla fine, la causa del fallimento non solo della loro campagnaa ettorale, ma della conduzione del paese.

Non uno.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

6 thoughts on “È tutta colpa nostra

  1. Ovvio. Non lo sai? I politici non falliscono mai. Quelli italiani sicuramente. Sono infallibili, perfetti, sono gli elettori che non li capiscono. Non so perché, questo mi ricorda certi imbrattacarte/tele che si reputano geni incompresi.
    Poi certi politici attuali mi fanno specie perché si ritengono in diritto di fare ciò che vogliono perché sono uniti e compatti. Non perché ciò che vogliono fare sia giusto, no. Perché sono una squadra solida. Come la banda del tubo.

  2. E infatti noi abbiamo gli stessi politici da decenni.
    Proprio perchè loro non sbagliano mai. 😦
    E si vedono i risultati nel nostro paese.
    La Lega tanto per dirne una ha perso voti a Milano, ma nessuno dei rappresentanti leghisti gli è venuto da pensare che magari alla gente del tanto sbandierato federalismo non gliene fregherà niente,perchè alla gente normale interessano politiche per aiutare le persone ad arrivare a fine mese, e invece…
    Noooo, dice Calderoli dobbiamo accellerare sul federalismo.
    A Napoli, invece …la gente non ha capito la nostra politica dice il Pd, e no invece la gente ha capito la mancanza di politiche di quella classe dirigente verso la città. 😦
    Tanto per fare due esempi by-partizan.Ma se ne potrebbero fare altri.

  3. La realtà è una cosa curiosa. Tende a dare risposte che non vengono comprese nei project e nelle presentazioni powerpoint che popolano i media. Succedono cose strane, tipo rifiutare di farsi guidare nel consenso dalla televisione o addirittura pretendere di pensare con la propria testa. Ma bisogna stare attenti, la fiction esiste ancora.

  4. Ricordo sempre in casi come questo una canzone degli Avanzi Sound Machine (Corrado Guzzanti e compagnia), dal titolo “Sopravvoliamo” che ad un certo punto dice: Sciogliamo le Camere per un mondo migliore, sciogliamo le camere con i caschi blu”. Siamo ai livelli delle dittature nordafricane che si stanno sbriciolando sotto la richesta di democrazia che viene dal popolo. Solo che noi, popolo italiano, siamo addormentati da tv e giornali anestetici che ci ripetono che tutto va bene, che la colpa è della sinistra o di chissà chi, dalla chiesa che ormai è alla stregua di un qualsiasi partito politico. Che non vogliamo vedere l’evidenza, come questi politici che non perdono mai le elezioni, è solo che gli altri non la pensano come loro e sono gli altri a sbagliare.
    Temistocle

  5. Intanto complimenti a Fassino, uomo politico che stimo moltissimo pur non avendo mai votato il suo partito.

    Poi, che dire? In Italia non ci sono mai perdenti, solo “quasi vincitori” o “vincitori derubati”.
    La pratica del diro “Abbiamo sbagliato” è quasi sconosciuta, le dimissioni vengono date solo se si è certi che non saranno accettate.

    Questo la dice lunga sul percorso di una democrazia bizantina come la nostra.

  6. E’ facile dare la colpa all’altro da se’…niente responsabilità, niente mettersi in discussione, niente scervellarsi per nuove proposte…
    Comodo no?

    E’ la politica di ogni italiano, moltiplicata per due in politica.

    Pensateci…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.