strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Moriarty! (e Moran!)

21 commenti

Uno dei migliori autori attualmente sulla piazza.

Kim Newman detiene un primato assoluto, nella mia esperienza di lettore – il suo Anno Dracula, letto sul tram tornando a casa dall’università, riuscì a farmi saltare la fermata.
Ad un certo punto alzai gli occhi dalla pagna e mi resi conto che il tram era fermo al capolinea, ed io non me ne ero assolutamente accorto.
Questo è per me un criterio un po’ empirico ma infallibile per identificare un buon libro ed un buon autore.
Anche se mi è capitato una volta sola.
E Anno Dracula è un eccellente libro, scritto da un autore eccellente.

Inutile dire che dopo Anno Dracula mi procurai un sacco di cose scritte da Newman, non solo in ambito narrativo, ma anche in ambito saggistico – il BFI Companion to Horror, che Newman curò negli anni ’90, resta un tomo meraviglioso e indispensabile –  trovando ripetute conferme al fatto che, sì, avevo beccato un vincente.

Ed ecco che ora mi capita questo strano romanzo, che fin dal titolo mi promette le meraviglie che mi aspetto dall’autore londinese.

Professor Moriarty, The Hound of the Durbervilles è un romanzo ad episodi, in effetti il prodotto di un fix-up di alcune storie comparse su riviste e antologie, con circa un 50% di materiale nuovo, a formare una narrativa coerente.
Il testo è inquadrato con un classico framing device – in seguito alla crisi economica, il fallimento di una banca-canaglia porta alla luce un manoscritto che si direbbe stilato da Sebastian “Basher” Moran in persona. Una curatrice un po’ snob viene ingaggiate e praticamente obbligata col ricatto a curarne l’edizione, che è poi ciò che abbiamo fra le mani.

Il manoscritto di Moran narra le sue imprese al servizio del terribile Professor Moriarty, il Napoleone del Crimine, negli anni che precedono il confronto fra Moriarty e Holmes alle cascate di Reichenbach.

Non siamo tuttavia nel territorio del semplice pastiche holmesiano.
Le storie di Moriarty & Moran sono avventure fantastiche, con una abbondante dose di commedia, una spolverata di steampunk (*), ed una profonda propensione per l’eclettica cultura letteraria.
Ogni storia, narrata da Moran – che non manca di divagare – si affianca ad una storia del canone Holmesiano, presenta in altra luce un personaggio dell’opera di Conan Doyle, ma fa soprattutto riferimento ad almeno un romanzo o racconto derivato dal canone della letteratura vittoriana.
(e la curatrice non manca di segnalarci questi riferimenti nelle dotte annotazioni)
Newman si diverte, evidentemente , senza dimenticare di inserire, quando possibile, personaggi presi dalla narrativa d’appendice – primo fra tutti il cinese Signore delle Strane Morti (alias Fu Manchu), fornitore preferenziale degli animali esotici che Moriarty usa per alcuni dei suoi piani più ingegnosi.

Moran, narratore inaffidabile, assomiglia moltissimo, per tono e atteggiamenti, al mio vecchio amico Sir Harry Flashman – ma come fa notare lo stesso Newman nella postilla, Moran per lo meno le medaglie se le è guadagnate seriamente, e se Flashman resta un vigliacco fortunato, Moran è piuttosto un maniaco dell’adrenalina piuttosto sfortunato.
Irto di opinioni irripetibili su bambini, cani, stranieri, donne, omosessuali, poliziotti, cittadini britannici, militari, cocchieri di piazza, contadini, intellettuali, politici e praticamente ogni creatura che respiri sulla superficie del pianeta (a cominciare dal suo datore di lavoro Moriarty), il colonnello Moran, il cacciatore di tigri che ha sparato a qualsiasi cosa gli sia capitato a tiro, sempre disperatamente alla ricerca di un guadagno, di una scorciatoia o di una sottana è un personaggio che è bello odiare, e che ci strappa dei sorrisi amarissimi.

Poiché dove mi trovo ora non ci sono tram, non posso sottoporre questo volume al test della fermata di casa.
Posso tuttavia portare un altro fenomeno a sostegno della qualità del romanzo – ad un certo punto, a circa un terzo del tomo, una battuta su Nietsche mi ha fatto ridere tanto a lungo e tanto forte, che i vicini si sono preoccupati (il fatto che sia accaduto alle due di notte spiega forse parte della loro preoccupazione).

Grande, solidissimo, intelligente intrattenimento.
Ce ne saranno altri.
Non possiamo che augurarci di sì.

(*) I padroni nazionali del vapore probabilmente lo odieranno, un po’ perché piace a me, un po’ perché è troppo intelligente, un po’ perché non potranno sfuggire all’impressione che Kim Newman sberleffi il genere con estrema allegria.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

21 thoughts on “Moriarty! (e Moran!)

  1. Ecco quello sarebbe un altro autore che meriterebbe la pena di essere intervistato.

  2. Bella segnalazione…libro intrigantissimo!
    DEVO AVERLO!
    Mi hai fatto venire una voglia matta di leggerlo…mi sa che scalerà la pila dei libri in attesa molto rapidamente…
    E’ il genere per cui vado matta, ma che ultimamente ha prodotto una serie di robaccia commerciale.
    E quindi ho un po’ smesso di rischiare, il tempo è troppo poco per leggere un brutto libro.
    Questo suona davvero ben fatto.
    Grazie

    Cily

  3. Io sono ancora qua che rimpiango di essermi lasciato sfuggire quel paio di volumi di Newman tradotti in italiano. Ma prima o poi li becco, o se li becco!

  4. In Italiano dovrebbero aver tradotto Anno Dracula e Bloody Red Baron… che però ora Newman ha ristampato con correzioni, extra e annotazioni… così come dovrebbe prossimamente ampliare e annotare i due volumi successivi.

  5. Devo averlo!Grazie della segnalazione 🙂

  6. Di Newman ho letto tutto ciò che è arrivato in Italia, ossia la saga ucronico-draculesca, trovando ogni suo romanzo delizioso.
    Anche come persona non è male, vedendo come interagisce coi lettori su Facebook.
    Un vulcano di idee!

  7. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  8. @Mcnab
    (ma com’è che cittadiniprimaditutto arrivano sempre dopo che hai commentato tu? Quale oscuro segreto ci nascondi?)

    Newman è in gambissima, e Nick ha ragione – sarebbe bello intervistarlo.
    Una cosa spettacolare – dicono – sono le serate del BFI in cui proietta e commenta col pubblico in sala vecchie pellicole…

  9. Il punto è che io e icittadiniprimaditutto puntiamo alla conquista occulta del mondo 🙂

    Detto ciò, perché non gli proponi tu un’intervista? Mi sembra un’evoluzione naturale della tua ammirazione per lui. Sempre se la cosa ti interessa, ovvio.

  10. Newman era a Trieste qualche mese fa, per il festival della fantascienza. Io l’ho visto di sfuggita, aveva un intervento brevissimo per presentare un suo libro, però mi sembra che altri blogger del giro, come Simone Corà, siano riusciti ad assistere e a vederlo “da vicino”.
    Eccoli: http://welcome-to-midian.blogspot.com/2011/11/sciencefiction-2011-1-di-3.html

  11. Non trovo mai qualcosa di suo in libreria, ultimamente ho pensato di arrendermi, ma dopo questo articolo la passione per la ricerca dei suoi libri si è riaccesa 😀

  12. Concordo con Cily, libro intrigante e assolutamente da avere!

    @Nick
    l’intervistina magari…

    nessun libro mi ha fatto mai saltare nulla, attendo ancora la mia epiphany.

  13. Bella segnalazione! Di Newman ho letto solo un racconto, che tra l’altro era l’unico degno di nota della mediocre antologia “Il Grimorio di Baker Street” (Gaslight Grimoire, in lingua originale). Anche quello era narrato da Moran (che però faceva più la parte del fesso, in realtà) e aveva come “protagonista” una geniale idea di Moriarty, più goliardica che realmente malvagia, ma comunque esilarante.
    Tra l’altro di Kim Newman si trovano quasi tutti i libri in inglese su library.nu…

  14. Grazie della segnalazione – tuttavia, poiché mi piace ciò che scrive Kim Newman, non ho problemi a pagarglielo, così magari lui ne scrive ancora.
    In fondo sono un romantico.

  15. in italiano i due seguiti sono Il Barone Sanguinario e Dracula Cha Cha Cha…
    Io li tengo d’occhio sull’ottimo “comprovendolibri” (che è legale).
    Davide,, quindi che tu sappia questi due libri sono stati “aggiornati” da Newman?

  16. Da quel che mi è dato capire, Newman sta lavorando alla revisine/annotazione in parallelo con le sue altre attività di scrittore, critico etc., quindi procede abbastanza lentamente.
    Anno Dracula e Barone Sanguinario sono già stati revisionati e pubblicati.
    Credo che il terzo volume (Dracula Cha Cha Cha) sia attualmente in fase di revisione, e probabilmente uscirà nella seconda metà del 2012.
    Poi dovrebbe venire il quarto, Johnny Alucard…

  17. Che meraviglia… scopro che c’è anche una trilogia su Genevieve, una vampira creata da Newman per dei romanzi di Warhammer (?), che si trova anche in italiano…
    Certo, mi preoccupa un pò il livello delle traduzioni, ma insomma…
    Mi hai fatto tornare la curiosità, adesso me li procaccio tutti!!!

  18. Una perla d Newman scoperta su una vecchia antologia Nord: Ubermensch!, racconto dedicato a un Superman nazista e infarcito di riferimenti all’espressionismo tedesco

  19. Famous Monsters, uh? Mi metto in caccia! Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.