strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Come diventare eroi dei pulp

15 commenti

Ai vecchi tempi, quando gli eroi erano roba di tutti i giorni sulle riviste pulp, la rivista Doc Savage pubblicò una serie di articoli sugli esercizi fisici minimi per diventare, appunto, come Doc Savage.
In ventitré puntate, fra il 1935 ed il 1937, il Doc Savage Method of Self Development propose ai giovani e meno giovani lettori esercizi fisici di varia natura, ma anche nozioni di lettura veloce, di quelle pratiche che oggi chiameremmo “mindfulness” e “cold reading”, ed altre tecniche mentali di concentrazione e raffinamento delle capacità percettive, oltre ad una struttura etica non poi disprezzabile, condita da abbondanti dosi di torta di mele.
A seguire, nel 1938, venne il corso di autodifesa di Doc Savage.
Facile.

Ma cosa ci vuole davvero, per diventare un eroe dei pulp?
Vediamo…

 . Sexton Blake – mente analitica, cultura enciclopedica, genio criminale, arti marziali
 . Biggles – esperienza di combattimento aereo durante la Grande Guerra, sapere spicciolo, coraggio al limite dell’incoscienza
 . Doc Savage – cultura enciclopedica, super-addestramento fisico, arti marziali
 . The Shadow * – esperienza di combattimento aereo durante la Grande Guerra, addestramento mistico in monastero tibetano, lunghi anni come trafficante nel sottobosco criminale, poteri di suggestione mentale, due grossi pistoloni
 . The Spider  * – addestramento mistico in Oriente, arti marziali, una volontà incrollabile, due grossi pistoloni
 . The Phantom * – addestramento mistico nelle giungle di Bengalla, volontà incrollabile, conoscenza degli antichi misteri, due grossi pistoloni
 . Mandrake – conoscenza degli antichi misteri, addestramento mistico da qualche parte, poteri di suggestione mentale, anni a fare il prestigiatore
 . Capitan Futuro – superscienza
 . Patrick O’Malley – esperienza di combattimento aereo durante la Grande Guerra, coraggio al limite dell’incoscienza, alcoolismo
 . Buckaroo Banzai – superscienza, zen, rock’n’roll
. Jack Burton – coraggio al limite dell’incoscienza, esperienza mistica nei vicoli di Chinatown, sapere spicciolo (pork chop express)
 . The Rocketeer * – esperienza di combattimento aereo durante la Grande Guerra, coraggio al limite dell’incoscienza, un grosso pistolone
 . Indiana Jones – conoscenza degli antichi misteri, laurea in archeologia, esperienza d’insegnamento, esperienza di terreno, frusta, cappello, pistola
 . Rick O’Connell – due grossi pistoloni (e svariate altre armi da fuoco), coraggio al limite dell’incoscienza, sapere spicciolo
 . Sky Captain – esperienza di combattimento aereo durante la Grande Guerra, superscienza (utente finale), coraggio al limite dell’incoscienza
. Gabriel Hunt – conoscenza degli antichi misteri, volontà incrollabile, un grosso pistolone

[l’asterisco indica personaggi con una Identità Segreta]

Vediamo emergere una specie di schema?

E allora, perché non proviamo a definire una reading list per diventare eroi dei pulp?!

“Heroing is one of the shortest-lived professions there is.”
– Will Rogers

Dopotutto siamo nel ventuneesimo secolo!
Possiamo diventare eroi pulp con meno di cento euro e un anno di letture, anche abbastanza rilassate.
Che diamine, se siamo davvero decisi possiamo concentrarle nel periodo estivo.
Certo, sulla Cultura Enciclopedica, l’idea migliore è fare una bella tessera della biblioteca, e poi darci dentro.

Per tutto il resto, continuate a leggere…

Esperienza mistica, Zen & Volontà Incrollabile
Indispensabili, e fortunatamente a buon mercato.
Per un centesimo possiamo procurarci una copia usata di Handbook for the Urban Warrior, dell’inglese Stephen Russell, alias Barefoot Doctor.
Ok, non sarà come trascorrere alcuni anni in un monastero isolato fra i monti innevati del Himalaya (per quello c’è The Invincibility Training, sempre di Russell), ma è un inizio.
Scherzi a parte, si tratta di un ottimo testo su una variante molto terra terra e pratica del taoismo classico, e si lascia leggere con estremo divertimento. Forse il miglior libro di questo autore.
E ovviamente ha un titolo fighissimo.
Come extra, aggiungiamoci The Zen Experience di Thomas Hoover, che Amazon ci fa scaricare gratis (se preferiamo l’epub, basta cercare in google il sito dell’autore).

Esperienza di combattimento aereo durante la Grande Guerra
Questa è difficile.
L’edizione commemorativa di Teach Yourself to Fly, della Hodder & Stoughton, d’altra parte, è ancora reperibile usata per circa tre sterline.
Il manuale, che fu progettato come testo di base per le reclute della RAF durante la battaglia d’inghilterra, contiene tutto il necessario per mettersi ai comandi di un piccolo aereo e affrontare la Luftwaffe.
Cosa volete di più?
Metteteci una biografia del Barone Rosso (buona quella negli Oscar Mondadori), per fare buon peso.

Archeologia ed antichi misteri
Qui servirà un certo investimento di tempo e denaro.
Con una manciata di euro possiamo accaparrarci una copia usata di The Complete Idiot’s Guide to Lost Civilizations.
Se vogliamo andare oltre – e avvicinarci alla laurea in archeologia di Indiana Jones, insieme ci possiamo mettere Archeology for Dummies, tanto per dare un ordine alle nostre nozioni sfuse.
Il classico Archaeology is Rubbish, prodotto come supporto per un corso a distanza di archeologia pratica, sarebbe anche consigliabile – e lo si trova usato abbastanza facilmente.
Imprescindibile, per coloro che fanno davvero sul serio, il costoso ma affascinante Teach Yourself Complete Babylonian.
Sono disponibili, da Teach Yourself, anche Latino e Greco Antico, oltre a tutte le lingue vive e un po’ di linguaggi di programmazione, ma volete mettere il Babilonese…?

Arti marziali
Il mio insegnante di Tai Chi sosteneva che il Tai Chi è la base di ogni altra arte marziale, e quindi indispensabile.
E chi sono io per contraddire il sifu?
Esistono infiniti manuali a riguardo.
Il vecchio manuale fotografico pubblicato dal Times è ormai probabilmente introvabile, ma con una decina di euro possiamo mettere le mani su un valido Complete Idiot’s Guide to Tai Chi and Qigong.
Per chi vuole fare sul serio, il Tai Chi Manual di Bob Parry ha tutta la forma Yang breve, ed è assolutamente fantastico – e lo si trova a un centesimo.
E poi naturalmente c’è il classico dei classici – il DVD David Carradine Complete Kung Fu and Tai Chi Workout for Beginners.
Si vende a pochi euro.
Oppure cerchiamo su una bancarella una edizione usata de La Perfezione del Corpo, di Bruce Lee.

Superscienza
L’uomo a cui rivolgersi è ovviamente il fisico giapponese (molto pulp) Michio Kaku, e con una dozzina di euro possiamo procurarci usati Physics of the Impossible: A Scientific Exploration of the World of Phasers, Force Fields, Teleportation and Time Travel, e l’altrettanto promettente Physics of the Future: How Science Will Shape Human Destiny and Our Daily Lives by the Year 2100.
Entrambi i titoli sono anche disponibili in italiano.
Certo, serve una infarinatura di base, ma Kaku è un eccellente divulgatore.
Io ci aggiungerei Chaos, di James Gleick, che oltretutto è una gran bella lettura, per estendere il campo di investigazione.
Anche questo lo si trova in lingua patria.
Mettiamoci anche Inventing for Dummies, e potremo popolare il nostro rifugio segreto di robot antropomorfi, raggi della morte ed altri utili aggeggi.

Magia da palcoscenico & Suggestione Mentale
Qui non possiamo sbagliare – il catalogo della Dover ci fornisce una dozzina di manuali scritti da Walter B. Gibson, l’autore delle storie di The Shadow. Difficile trovare di meglio.
Essendo noi parsimoniosi (non tutti possono essere ricchi playboy), ci buttiamo sul New Magician’s Manual, che dovrebbe coprire tutti gli essenziali.
Toccherà fare esercizio, naturalmente.
Un buon manuale di ipnosi potrebbe anche servire – una vecchia copia di Fell’s Official Know-it-all Guide to Hypnotism si scuce usata per circa due sterline, e c’è tutto quello che sapeva Mandrake.
Ci serviranno anche due mazzi di carte Bicycle, tre palle da biliardo e un mazzo di fiori a molla.
Conigli astenersi.

Giungla e terre selvagge
Io giuro e spergiuro sull’Explorer’s Handbook della favolosa Christina Dodwell – sopravvivenza, approvigionamento, organizzazione della spedizione, rischi e contromisure, medicina e cucina da campo.
Compatto, divertente da leggere e solidamente fondato sul buon senso.
Nulla di meglio, dalla donna che attraversò la Papua  Nuova Guinea a piedi e in canoa.
L’edizione Long Riders è costosa, ma le vecchie edizioni plastificate da campo che stava in tasca della giacca ormai non si trovano più.
Insieme, teniamoci a portata di mano una bella copia usata ma indispensabile di The World’s Most Dangerous Places, 5th Edition – è un paperback massiccio abbastanza da fermare un proiettile, e dentro c’è tutto quello che vi serve e che la Dodwell non considera.
Credetemi.

Pistoloni
Notoriamente non amo le armi da fuoco e tollero poco i gunfondlers, ma due grossi pistoloni sono lo standard per ciò che riguarda l’azione pulp, e quindi non c’è storia, il titolo da avere è The “Gun Digest” Book of the 1911: A Complete Look at the Use, Care and Repair of the 1911 Pistol.
Che non a caso ha in copertina due grossi pistoloni come da specifiche ISO.
Non accettate sostituti.
Lo si trova usato a cinque euro.
Esiste anche un secondo volume, per un totale di circa 600 pagine.
Probabilmente non vi insegnerà ad usarla, ma qui c’è tutto il resto.
Qualsiasi altra cosa rischierebbe di portarci nel territorio della Paladin Press, e noi non vogliamo attirare l’attenzione della DIGOS.

Il che ci porta naturalmente a…

Identità Segreta
Probabilmente qualsiasi manuale che vi dovesse spiegare nel dettaglio come costruirsi una identità segreta è contro la legge.
Un buon sostituto rimane l’allegro libriccino How to Disappear, che vi spiega… beh, quello che sta scritto sulla copertina.
Come scomparire.
Per sempre.
Insieme, ci mettiamo The Art of Manliness, per assicurarci che la nostra identità pubblica sia al meglio in ogni circostanza: perché essere eroi pulp non significa, naturalmente, non essere gentiluomini.

Conoscenza del sottobosco criminale
Potreste farvi regolarmente un giro dei bassifondi attaccando bottone con i passanti…
Ma forse è meglio restare sulal teoria – McMafia è una buona introduzione a buonissimo mercato: crimine organizzato, racket, crimine digitale, traffici diversi… siamo lontani anni e anni luce dai locali malfamati di Marsiglia e Shanghai, ma come si suol dire, tocca tenersi aggiornati col SOTA.
Esiste anche in italiano, ma la differenza di prezzo è agghiacciante (18 euro contro 8 in originale, ma l’originale si trova anche a 1 centesimo usato).
E l’edizione originale ha una copertina infinitamente meglio.

Sapere Spicciolo
Ai vecchi tempi eravamo fortunati… ai vecchi tempi avevamo il Manuale delle Giovani Marmotte.
In questi tempi oscuri ci tocca arrangiarci… e Amazon ci permette di scaricare gratuitamente in formato Kindle A Little bit of Everything for Dummies… che non sarà mai all’altezza del leggendario manuale marmottiano, ma per lo meno non ci costa nulla.
Aggiungiamo un buon manuale di bricolage e speriamo in bene…

Ed ecco fatto.

Ora naturalmente serve l’hardware, un servitore esotico e laconico ed una fidanzata che si cacci regolarmente nei guai, ed il resto è tutta discesa.
Un giro al Lemuria Social Club potrebbe probabilmente fornirci ulteriori munizioni.

Certo, resta il problema del coraggio al limite dell’incoscienza – ma chiunque decidesse di affrontare il Male armato solo di questi libri, probabilmente non ha bisogno di un manuale su quell’argomento.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

15 thoughts on “Come diventare eroi dei pulp

  1. Post davvero divertente e pieno di buone idee, come sempre! 😀
    Il manuale “how to disappear” è molto stuzzicante!

    Coraggio al limite dell’incoscienza…quello non manca…anzi a volte c’è direttamente l’incoscienza!;)

    Cily

  2. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Davide perdona il bullonaro che è in me ma non resisto; in Rete, spesso gratis, si trovano i field manual in inglese di moltissimi “pistoloni”, ovvero l’essenziale per manutenerli e capirci qualcosa. Questo grazie al lavoro di appassionati e pazzerelloni vari. Mauser C96 (The Rocketeer), la già citata Colt 1911 in tutte le sue varianti e discendenze, la cara vecchia Webley o la più moderna Beretta 92.
    Se posso ardire, l’eroe pulp moderno non può esimersi dal confronto con la tecnologia. Al cast di supporto dell’eroe non può mancare un hacker (non un cracker!).

  4. @Angelo
    Come sai, io i pistoloni li lascio agli altri – ma non dubito che esista una miniera di informazioni sulla rete su ogni genere di bocca da fuoco reale ed immaginaria.

    Concordo sulla necessità di un sidecick tecnologico – per quanto io mi sia limitato qui sopra diciamo all’eroe pulp “classico”.

    Per espiare, segnalo allora il vecchio volume tutto italiano “Kriptonite” – compendio della sicurezza informatica, dell’anonimato online e della crittografia, compilato da un ipotetico tirapiedi di Lex Luthor.
    Certo oggi la tecnologia è andata avanti, ma le basi concettuali restano le stesse.

  5. Vorrei aggiungere – prendendo l’avvio da ciò che segnala Angelo – che praticamente tutti i testi indicati qui sopra hanno una controparte gratuita disponibile in rete legalmente (magari ci faccio un post nel prossimo weekend).
    Però dai, nella nostra base segreta, almeno uno scaffale coi libri indispensabili non ci sta male…

  6. Articolo superbo, complimenti davvero.
    Hai pensato di ricavarne un volumetto Lemuriano, magari senza strafare (una quindicina di pagine)? Secondo me sarebbe perfetto.
    Basterebbe aggiungere un paio di paragrafi per ciascun eroe dei pulp, qualche considerazione in più per ciascun punto delle “letture di supporto” e il gioco sarebbe fatto senza spenderci troppo tempo.

  7. Post molto divertente, ma anche istruttivo, non immaginavo si potessero reperire testi come Teach Yourself to Fly 🙂
    Ma esistono anche eroine pulp? Lara Croft a parte ovviamente.

  8. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  9. Sei stato ribloggato addirittura due volte con lo stesso articolo.
    Dicci come fai!
    😉

  10. @Taurie
    Le eroine dei pulp sono poche, ma ci sono.
    Così al volo, dei classici, ricordo Domino Lady (che sta avendo un nuovo rinascimento proprio in questi ultimi due anni con racconti e fumetti) e la cugina di Doc Savage, Patricia “Pat” Savage.
    Fra i pulp moderni, una citazione meritano certamente Athena Voltaire, nata come eroina di un web-comic e poi promossa al fumetto tradizionale, e Anne Steelyard, eroina della belle epoque creata da Barbara Hambly.

    @Mcnab
    Al volumetto ci stavo pensando… posso espandere gli eroi (e aggiungere le signore, e un paio di testi per loro), e poi metterci una appendice su come reperire online il materiale.
    E ancora qualcosa… hmmm… avendo tempo, per il primo aprile…

    E sì, il doppio reblogging mi ha convinto che in questo progetto c’è qualcosa di valido…

  11. Articolo veramente divertente e utile, ora so come fare a diventare un eroe pulp U__U…;)

  12. Compaio qui per la prima volta complimentandomi per l’articolo (e per il blog). Terminato il saluto “leccaculista”, vado a recuperare qualcuno dei testi citati. In questo periodo sono particolarmente affascinato dal pulp vecchia maniera ^_^

  13. Bentrovato Giobblin, e grazie della visita.
    Buona caccia e buona lettura.

  14. Questo post è stupendo! Michio Kaku è sicuramente la scelta perfetta per la superscienza! Per non dimenticare l’indimenticabile manuale delle GM, di cui avevo, se ben ricordo, il quarto volume… ma, ahimé, non hanno mai pubblicato l’omnibus!

  15. C’è, del Manuale, una edizione condensata dei primi 3 o 4 volumi, nota come Il Manualone – contiene estratti, di qualità variabile.
    Ma i primi due sono inarrivabili – il secondo oltretutto si apre a cose tipo yoga e meditazione… o era il terzo?
    Sono anni che non frequento le Marmotte.
    Ma il primo manuale fu in effetti il primo libro che mi venne regalato… ed ora che ci penso, includeva un capitoletto sulla professione di geologo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.