strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Succo d’arancia

14 commenti

Succo d’arancia.
Ne consumo quantità colossali, d’estate.
E anche d’inverno.
Vitamina C.
Si produce, mi dicono, spremendo le arance, oppure reidratando il succo concentrato.
Lo si trova in bric da un litro nei diversi supermercati.
In frigorifero non può mancare.

Ma cosa ci facciamo?
Perché non è sempre caviale, ed a volte tocca improvvisare.

Primo utilizzo, ovvio e indispensabile – si apre il bric, si versa il contenuto in un bicchiere, e lo si beve.
Fa bene alla salute.
Rinfresca.
Contiene vitamine.

Vogliamo qualcosa di diverso, di vitaminico, di esotico, di fresco?

Mezzo litro di succo d’arancia.
Una banana.
Zenzero quanto basta (eh, sì, ragazzi, son fatti vostri).
Due cucchiai di zucchero.
Ghiaccio.
Frullare.

Cambiamo idea, cambiamo stagione.
Caldo.
Preparare un buon té abbastanza carico – l’English Breakfast va benissimo.
Addizzioniamolo di chiodi di garofano e cannella.
Zuccheriamo a piacere (ma non esageriamo).
Aggiungiamo succo d’arancio in proporzione di 1:1.

Ma ora passiamo a cose un pochino più sostanziose.

Petto di pollo.
Friggere in padella con poco olio per cinque minuti.
A parte preparare una salsa con succo d’arancio (un bicchiere), il succo di mezzo limone, tre cucciai di miele, uno spruzzo di sherry, e un mix di erbette aromatiche.
Aggiungere la salsa a fine cottura del pollo.
Servire caldo.

Più radicale?
Marinate il petto di pollo in una miscela di succo d’arancia e birra per almeno sei ore, aggiungete spezie a piacere, fate alla griglia o alla piastra.

No pollo?
Salmone?

Piazziamo in una teglia i filetti di salmone, salati, aggiungiamo fiocchi di burro e mezzo bicchiere di succo d’arancio (se c’è anche la polpa è meglio).
Pepe.
Lo facciamo in forno a 350 gradiaad alta temperatura, tenendolo dentro finché il salmone non fa una lieve crosta e comincia a sfogliarsi.
I più dissoluti possono aggiungere origano, o un pizzico di zucchero che caramelli durante la cottura.

E a questo punto, pensiamo al dessert e falsifichiamo l’Orange Julius.
Farlo secondo tradizione – seguendo la ricetta inventata da un tale che si chiamava Julius, nel 1926, a Los Angeles – è complicato.
Falsificarlo è un attimo.
Gelato alla vaniglia.
Succo d’arancio.
Frullare.

L’ideale, con questi caldi.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

14 thoughts on “Succo d’arancia

  1. Una spremuta d’arancia ogni mattina, circa 340 giorni l’anno (esclusi i giorni in cui non sono a casa). Questa è una delle mie pochissime costanti alimentari.

  2. Stasera ho ospiti – non è affatto detto che non provi il salmone… I’ll let you know.

  3. Question, though: in forno a 350 gradi per quanto tempo?

  4. Finché il salmone non comincia a sfogliarsi.

  5. Eh, ma allora devo stare lì a guardarlo… Hai idea di quanto questo diventi pericoloso, trattandosi di me? “E adesso, miei cari ospiti, braci di salmone all’arancia!”

  6. Bisogna avere fiducia nelle proprie capacità.
    Tu dagli dieci minuti, e poi butta un occhio ogni due/tre minuti.
    Oppure coinvolgi un ospite e mettilo di sentinella.

  7. come fai a portare il forno a 350°?

  8. Si comincia accendendolo…
    (comincio a pensare che la vostra situazione, ragazzi, sia più grave di quanto immaginassi 😉 )

  9. Si scala dalla prima alla quinta, sperando di avere un ottimo motore e un rettilineo molto lungo. Sennò i 350 non li raggiungeresti mai!
    Ma forse ho frainteso 😀

  10. Bellissime idee anticaldo!
    L’orange julius mi attira moltissimo! Lo proverò quanto prima ma non so se la mia bambina me ne lascerà assaggiare un sorsetto. So già che sarà un gran successo!

  11. Spero che la foto del petto di pollo carbonizz… ehm grigliato, sia “di repertorio” 🙂

  12. In realtà è il salmone.
    Ma non importa…

  13. Dalla foto poteva anche essere carne di Goblin…

  14. Pingback: Non è sempre caviale – summer edition | strategie evolutive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.