strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Negli interstizi con Hitler e Godzilla

20 commenti

“Ho un piano.”
“Che sarebbe?”
“Improvvisare.”

Danger-5

Il nuovo nome della vittoria – Danger 5

Dunque, vediamo di mettere le cose in ordine.
Siamo nella prima metà degli anni ’60.
Probabilmente.
E siamo nel pieno della Seconda Guerra Mondiale.
Adolf Hitler è un supercattivo in puro stile pulp, e può contare su…
. una base segreta nel vulcano
. valkirie ariane come guardie del corpo
. un esercito di scimmie del Reich
. dinosauri nazisti
. mostri giganti giapponesi
. una flotta di dirigibili
. un cane lupo cocainomane
. una carrellata di luogotenenti grotteschi e sacrificabili

Contro di lui, gli eroi del team internazionale Danger 5.

Non ci siamo inventati nulla...

Non ci siamo inventati nulla…

Ucronia?
Satira?
Sberleffo e parodia?
Autocompiacimento nel grottesco e nel surreale?
Sì, decisamente.

Danger 5 è al contempo la serie televisiva più sgangherata mai prodotta, ed uno dei prodotti televisivi più geniali dell’ultimo decennio.
Creato come serie interstiziale – episodi da venticinque minuti, suddivisi in segmenti da cinque minuti, da inserire nei punti morti fra un programma principale ed il successivo – questo serial australiano ruba con malcelata allegria dalle riviste di “men’s adventure” (l’ultima, squallida e ultrasensazionalistica incarnazione anni ’60/’70 dei classici pulp), dai film spionistici italiani girati sull’onda del successo dei primi Bond (senza dimenticare il Diabolik di Mario Bava), dai supermarionation di Gerry Anderson, a cominciare da Thunderbirds, dai film di mostri giganti della Toho e dalle serie giapponesi in stile Ultraman, da tutta una serie di prodotti di serie b.

Hitler e i suoi mitra d'oro...

Hitler e i suoi mitra d’oro…

Con effetti speciali fatti in casa – modellini in plastica che esplodono fiammeggiando e che volano appesi a fili di nylon, bambole barbie al posto degli stuntmen, scenografie fatte di cartapesta – pubblicità occulte (imperdibile la gomma da masticare Muchacho), fiumi di alcool e una discreta scollacciatura, la prima serie ci offre sei episodi dai titoli quantomai evocativi…

I Danced for Hitler
Lizard Soldiers of the Third Reich
Kill-Men of the Rising Sun
Hitler’s Golden Murder Palace
Fresh Meat for Hitler’s Sex Kitchen
Final Victory

… più un pilot, distribuito online e nominato come miglior prodotto australiano di questo tipo nel 2012:  The Diamond Girls, che ci mostra come il team di super-agenti – Ilsa, Pierre, Claire, Jackson e Tucker, i Danger 5 – sia stato riunito.

L'immancabile duello con lo squalo...

L’immancabile duello con lo squalo…

Danger 5 è il genere di serie in cui Hitler ruba la Torre Eifel, festeggia il proprio compleanno nel Nido dell’Aquila, con una tristissima festa organizzata da Goebbels, e poi cerca di usare i dinosauri del Mondo Perduto Antartico per conquistare il mondo.
Il genere di serie in cui i nostri eroi si travestono da sacerdoti e suore per entrare nella base segreta/night club gestita da Goering grasso, viscido e vestito in completo di lino e panama bianco, come Sidney Greenstreet in Casablanca. In cui la resistenza francese è interamente composta di giovani donne in minigonna, e tutti i soldati tedeschi (che muoiono in quantità industriali) sono incapaci di riconoscere un nemico camuffato anche quando parla loro in una lingua diversa,

Non mancano gli spioni italiani – che sembrano dei vitelloni anni ’60 e viaggiano in 500.
Sigarette (servono a non respirare i gas venefici usati con entusiasmo dai nazisti) e cocktail abbondano (ogni episodio ha la sua ricetta di cocktail ad hoc), gran parte dell’azione si svolge in locali notturni e località esotiche – il Marocco, il Giappone, l’altopiano preistorico al centro dell’Antartide, Parigi…

hitler's dog

Il cane di Hitler

Dove la semplice sciocchezza rischierebbe di deragliare le trame esilissime, entrano gli elementi massicciamente surreali – il capo dei Danger 5 vestito come il Numero 6 de Il Prigioniero, ma con la testa di un’aquila, il feroce cane di Hitler, i kaiju che vogliono calpestare Tokyo, l’orso che suona Wagner al pianoforte.
Questa è una serie in cui c’è la classica scena del combattimento con lo squalo, ma anche la scazzottata con lo pterodattilo, ed il duello a colpi di machete col leader dei bonzi svizzeri…

Si ride molto, e non si può fare a meno di notare come un prodotto di bassissimo costo come questo riesca a mettere sullo schermo uno spettacolo che è superiore alla somma delle sue parti, e del quale speriamo venga prodotta quanto prima una seconda stagione.

“Questa è la vostra missione per oggi… E come sempre, uccidete Hitler!”

Non scherzavamo, quando parlavamo di dinosauri nazisti...

Non scherzavamo, quando parlavamo di dinosauri nazisti…

Danger 5 dimostra ancora una volta una tesi alla quale siamo affezionati, qui su strategie evolutive – che è possibile ridere del genere, ed in maniera intelligente, solo se il genere lo si conosce bene, e lo si rispetta.
Il cast tecnico alle spalle di questa serie ha chiaramente una buona frequentazione dei vecchi film di serie Z che hanno fatto la storia del genere – c’è l’amore per il technicolor sgargiante, per i dialoghi sciocchi ed i doppiaggi improbabili (con l’ovvio fuori-sinc da film di serie B), per le trame tenute insieme col filo per imbastire ed il montaggio a strappi figlio di un editing fatto alla fretta.
C’è la crudeltà dello sberleffo, ma anche il gusto per la satira, per la parodia – e anche un certo affetto.
E non c’è contraddizione, nella miscela di rispetto e dileggio che questa sgangherata miniserie mette sullo schermo.
Il cast palesemente si diverte un mondo, la colonna sonora è perfetta (incluse le incisioni dell’Afro-Cuban Music Club), e il gioco delle citazioni è un extra divertentissimo.
Ciò che manca è quella fissazione un po’ sciocca per il trash per il gusto del trash che ha colato a picco altri progetti simili, spesso con fondi e mezzi infinitamente più ricchi alle spalle.
Danger 5 non deve impegnarsi ad esser kitsch, o a convincerci che è tutto fatto per ridere.
È quasi zen nella sua onesta follia.
Il risultato è davvero colossale.
Ne vogliamo ancora, ne vogliamo di più.

Ma cosa sto a parlare.
Guardatevi il trailer…

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

20 thoughts on “Negli interstizi con Hitler e Godzilla

  1. Ho visto il pilota, bellissimo !!!!

  2. Il cane lupo cocainomane?…..:0

  3. Oddio, devo vederla adesso!

  4. Non ne sapevo nulla di nulla. Sembra una delle cose più folli (e trash) di sempre. Quindi deve essere senz’altro divertente 🙂
    Certo che il dinosauro che imbraccia la MP vale da solo tutto il resto 😀

  5. Stavo giusto cercando qualche telefilm storicamente accurato per documentarmi, lo guarderò sicuramente!

  6. ma dove le trovi?! 😀 …. assolutamente da recuperare, non ci sono dubbi 😛

  7. Dire che “mi piace” è riduttivo… un autentico, delirante Helzappopping di situazioni che tutti noi adoriamo. Che chiedere di più? Bisogna comunque convenire che soltanto dal mondo anglosassone o, comunque, non certo dalla nostra desolata italica a-cultura poteva naschere ( e svilupparsi) un prodotto d’intrattenimento come questo.

  8. probabilmente c’è chi verrebbe a dirti che anche noi abbiamo ad esempio “i soliti idioti” … O_o

  9. @ Fabri: Beh… noi abbiamo avuto Fascisti su Marte.

    Ottima segnalazione Davide, metto in coda. Grazie!

  10. Il team che ha dato vita alla serie è composto dagli autori di Italian Spider-man, che Davide avrà probabilmente visto…mica pizza e fichi!

  11. Pingback: Danger Five, la seconda stagione | strategie evolutive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.