strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Roger Ebert, 1942-2013

2 commenti

Se ne è andato uno dei miei punti di riferimento culturali – Roger Ebert, il primo critico cinematografico a vincere il Premio Pulitzer, creatore, con la sua lunga collaborazione con l’altrettanto straordinario Gene Siskel, di un linguaggio critico e di un approccio alla critica (cinematografica e non) che rimane un assoluto punto di riferimento.

Negli ultimi anni, dopo un cancro devastante che lo aveva privato della voce, era tornato alla carica, restando saldamente in sella, entusiasta per le tecnologie che gli permettevano di vivere e comunicare.

Roger Ebert mi ha insegnato come si parla di un film, di un libro, di un evento.

Noi vogliamo ricordarlo così…

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

2 thoughts on “Roger Ebert, 1942-2013

  1. Non lo conoscevo assolutamente (mea culpa), ma son rimasto colpito dal modo in cui l’ha ricordato la Richard Dawkins Foundation su FB. E ho letto questo suo bel post del 2009: http://blogs.suntimes.com/ebert/2009/05/go_gently_into_that_good_night.html

  2. Ne sono appena venuto a conoscenza dal suo sito, cercando una sua recensione.
    E’ sconfortante constatare quanto quest’anno la triste mietitrice si stia dando parecchio da fare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.