strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il futuro di una volta

2 commenti

425955379_2e5c9d7082L’idea mi è venuta leggendo la segnalazione, su Il Futuro è Tornato, della disponibilità online di tutto il vecchio archivio della rivista OMNI.
OMNI, per chi se la fosse persa, fu una rivista che, tra la fine degli anni ’70 e gli anni ’80, rappresentò probabilmente il meglio della divulgazione scientifica e della narrativa di fantascienza – una rivista che rappresentava una cultura.
OMNI venne pubblicata anche in Italia – per tre anni – e per qualche tempo, in quel misterioso periodo di interregno in cui sembrava che tutte le luci fossero al neon, e si riflettessero su marciapiedi bagnati dalla pioggia, OMNI ebbe anche una incarnazione televisiva – una trasmissione presentata da Peter Ustinow, alcuni episodi della quale vennero anche passati da noi, come parte di programmi per ragazzi (si parlava del futuro, della tecnologia, delle meraviglie a venire – è ovvio che fosse TV dei ragazzi, giusto?)

E così ho ripescato un vecchio spezzone di quella trasmissione…

E mi sono ricordato di Suzanne Ciani, una interessante pianista e compositrice sperimentale, che dopo aver composto effetti sonori e – come si vede in OMNI – musica per flipper, avviò una bella carriera discografica.
Ho un paio di suoi vinili, e un sacco di suoi CD.

Ciani-feature-pic-2All’epoca, ascoltare Suzanne Ciani era visto come una cosa un po’ strana – era molto pulita, molto seria, con un sacco di bancali di hardware complicatissimo, non faceva vedere le tette.
I miei amici non riuscivano a classificarla.
I miei amici rockettari la consideravano una strana perversione, chi ascoltava jazz non la riconosceva, le mie amicizie in ambito classico inorridivano all’uso di una stravagante innovazione come l’elettricità nella produzione di suoni.
Insomma – prestai un paio di dischi in giro e mi vennero restituiti accompagnati da pernacchie.

Poi, fortunatamente, venne offerta al pubblico una musica più facile da classificare, non troppo diversa, e ascoltando la quale ci si poteva sentire accettati dai propri pari.

Io però continuai ad ascoltarla, la Ciani.

Perché aveva un suo perché.
C’era, in quel periodo, anche della musica diversa, che veniva composta, suonata, incisa.
E valeva la pena.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

2 thoughts on “Il futuro di una volta

  1. Bella segnalazione musicale.

  2. Pensa che di quella rivista non ne avevo mai sentito parlare. All’epoca, non avevo ancora “scoperto” la fantascienza e mi son persa un sacco di belle cose di un periodo irripetibile per creatività e bellezza. Sigh.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.