strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

La Porta di Ivrel

11 commenti

phpThumb_generated_thumbnailjpgIl ventiduesimo volume della Fantacollana è La Porta di Ivrel, vale a dire Gate of Ivrel, di C.J. Cherryh, uscito negli USA nel 1976.
Si tratta del primo volume della serie di Morgaine, ed ha una bella copertina di Michael Whelan.

Di nuovo la Fantacollana presenta un romanzo che – se in superficie sembra un fantasy – in realtà è fantascienza.

Il protagonista Vanye y Chya è un uomo in fuga: caduto in disgrazia per aver accoppato uno dei suoi fratellastri ed averne storpiato un altro (si divertivano a tormentarlo chiamandolo vigliacco, ma un giorno lo hanno spaventato troppo), è ora preda libera, al di fuori del sistema dei clan che regolano la sua cultura.
Un incidente di caccia lo porta a liberare dal luogo in cui è imprigionata da secoli la strega Morgaine cri Chya – più volte maledetta ma detentrice di diritti equivalenti a quelli di un nobile; e la donna non esita ad arruolare a forza il guerriero sbandato a forza come guardia del corpo, coinvolgendolo nella sua missione di vendetta contro Thiye figlio di Thiye, signore del Cancello di Ivrel.

Ma la facenda è un po’ più complicata – Morgaine è l’ultimo sopravvissuto di una task force in cui scopo era quello di esplorare la rete di cancelli interdimensionali sparsi sui mondi da una misteriosa razza aliena. Lo missione della gente di Morgaine era sigillare i cancelli dopo averli attraversati, per impedire che l’abuso del sistema potesse causare lesioni allo spaziotempo.
Morgaine è l’ultima, ma è ben decisa a portare avanti la missione.
A qualunque costo.

Gate of Ivrel è il primo romanzo della Cherryh, e – per quanto siano evidenti i debiti con Andre Norton e con Michael Moorcock – mostra chiaramente i molti punti di forza dell’autrice.
La trama è intricata, la cultura aliena è tratteggiata con attenzione, i personaggi sono complicati.
Il linguaggio è molto asciutto, e se qua e là la Cherryh gioca a imitare le saghe celtiche, gran parte dell’azione è presentata in maniera piana e diretta.
Straordinario, poi, il rapporto frai due protagonisti, Vanye intrappolato nella sua forma mentis primitiva e perseguitato dal proprio duplice ruolo di bastardo e vigliacco, Morgaine ossessionata e ossessiva, non esageratamente sana di mente.
È nel costruire il rapporto fra i due personaggi che la Cherryh si dimostra un’autrice particolarmente matura e moderna – riuscendo a non deragliare nel polpettone romantico adolescenziale, costruendo due persone che si comportano come adulti credibili, per quanto adulti fratturati e stanchi.
La relazione fra Morgaine e Vanye evolverà ulteriormente nei volumi successivi, senza mai adagiarsi su qualcosa di semplicistico, di stucchevole o di consolatorio.
I romanzi si leggono con piacere anche solo per quello.

CherryhGateIvrelCoverE poi c’è The Changeling – La Scambiata, nella traduzione italiana: se c’è qualcosa che si impara alla svelta leggendo fantasy, è che se un’arma ha un nome, marca male.
E The Changeling è una delle peggiori – sembra una spada ma è una singolarità racchiusa in un campo di forza.
La Scambiata esiste al solo scopo di distruggere l’ultimo cancello interdimensionale – ma nel frattempo, non esita a risucchiare altrove i propri nemici, e a minare la salute di chi la impugna.

Il ciclo di Morgaine – che per qualche misterioso motivo nelle quarte di copertina nazionali divenne una “regina” – è composto di quattro titoli, solo tre dei quali tradotti nella Fantacollana.
E resta a distanza di trentacinque anni una lettura eccellente e vivamente consigliata a… bah, a un sacco di persone.

Sciocco dettaglio personale – in effetti uno dei primi libri della Fantacollana che mi capitò di leggere, ed un bel salto, dopo Conan e gli eroi poco eroici di Sprague de Camp.
C.J. Cherryh è tutt’ora una dele mie autrici preferite, e ricordo con estremo piacere la tetralogia di Morgaine, nonostante siano passati decenni da che l’ho letta.
Riguardo al giocare dell’autrice col linguaggio pseudo-fantasy, ricordo un’amica che, al liceo, abbandonò la lettura a pagina 2, sconvolta dall’incipit in falso linguaggio medievale del prologo.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

11 thoughts on “La Porta di Ivrel

  1. Questo ciclo mi ha sempre incuriosito, visto che la Cherryh è autrice anche del ciclo di Chanur, che è proprio un bel polpettone fantascientifico come se ne vedono raramente. L’hai mai letto Davide?

    • Ho letto i romanzi del ciclo di Chanur – che sono costruiti sulla trovata di usare gli umani come “alieni”, che è un po’ uno degli elementi caratteristici della Cherryh.
      Non è probabilmente il mio preferito, fra i lavori dell’autrice, ma è molto buono.

  2. Mi sa che non troverò mai niente che io abbia letto e tu no… 🙂

  3. Ottimo, nuovo materiale di studio per me! Grazie, come sempre ^^
    Avrei una domanda: la Fortress Series è mai stata tradotta in italiano?

  4. Queste recensioni mi faranno spendere un sacco di soldi. Oggi in giro per roma ho “bancarellato” un po’ e mi sono accaparrato il mondo di nehwon, ben tenuto, per 25 euro.

  5. Decisamente un ottimo ciclo, quello di Morgaine.

  6. mi sembra incredibile. cioè, so di dire ovvietà, ma mi pare davvero incredibile che nessuno pensi di ristampare questi libri. o di iniziare un’attività di libri stampati on demand. o files… ci sarebbe da chiedere alla nord a quanto sono disposti a cedere i diritti, farne un buon business plan e avviare una start-up.

    ma pensa che figata sarebbe.

    grazie per queste recensioni che aprono porte!

    • La Gollancz, in Gran Bretagna, ha avviato una collana di “ristampe”, esclusivamente in formato ebook, di titoli storici della fantascienza e del fantasy.
      I prezzi sono relativamente abbordabili (dai 5 agli 8 euro), e la risposta di pubblico è più che buona – anche perché il genere ha bisogno di una memoria storica.
      Qui pare improponibile.

  7. Pingback: Il Grand Master a C.J. Cherryh | strategie evolutive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.