strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Sgomberare il ciarpame per vivere meglio

16 commenti

Pare sia dimostrato che la produttività, al lavoro, sia inversamente proporzionale al grado di disordine dell’ambiente in cui si lavora.
Persino coloro che “nel mio disordine io ci sto bene”, se obbligati a riordinare la propria scrivania o la propria postazione di lavoro poi rendono di più.

Chi pratica il feng shui attribuisce la cosa allo scorrere libero del chi, chi si occupa di psicologia del lavoro sostiene che un ambiente ordinato non induce alla distrazione quanto uno disordinato.
Comunque sia, pare che funzioni.

Da qui alla pratica del decluttering il passo è breve – riordinare la propria scrivania, la propria stanza, la propria casa, come un modo per riordinare e semplificare la propria vita.
Sarà vero?

Di sicuro, da qualche tempo a questa parte – diciamo da quando mio fratello è tornato a vivere con noi qui nella catapecchia in campagna – il disordine nelle mie stanze è tale da non solo ridurrela mia produttività, ma da causare una seria minaccia alla mia sopravvivenza.
Quindi, decluttering.
Se poi anche il lato spirituale ne trae giovamento, ben venga.

L’idea di fondo alla base del decluttering è quella che attorno a noi abbiamo troppo.

  • Ci sono gli oggetti che oggettivamente (ah!) ci servono.
  • Ci sono quelli che vorremmo tanto usare, ma non troviamo il tempo.
  • Ci sono quelli che hanno un valore sentimentale.
  • Quelli che sono semplicemente nel posto sbagliato.
  • Quelli che non ci servono affatto.
  • Quelli che abbiamo preso a una svendita – non servivano, ma era un’affare.

Dovremo decidere cosa farne.

de-clutter-mind-map-paul-foreman

Un buon sistema per procedere è procurarsi quattro scatole, di quelle che si usano nei traslochi (ma anche scatoloni recuperati al supermercato vanno bene).
Passiamo a tappeto la nostra stanza, da un angolo all’altro, muovendoci in diagonale, e suddividiamo

  • gli oggetti da tenere
  • gli oggetti da riporre (in un armadio, in solaio)
  • gli oggetti da buttare
  • gli oggetti da regalare o vendere (magari su eBay)

how-to-declutter-choices-collage

A questo punto, la scatola degli oggetti da stoccare si chiude e si stocca, quella degli oggetti da buttare si chiude e si butta.
Le altre due si utilizzano come opportuno.
Bello liscio.

Affrontare una casa intera, naturalmente, è improponibile.
Gli esperti – sì, esiste chi del declutteringha fatto unmestiere – suggeriscono di fare una camera alla volta, una al mese.
E magari, per impratichirsi, cominciare ancora più in piccolo – dalla scrivania, dalla libreria, dal mobiletto del bagno.
Studiare i contenuti, decidere cosa buttare, coasa riporre in un cassetto, cosa tenere in vista.

declutering map

Tutto lì.

Poi, certo – scatole (quelle belle scatole di latta in cui vendono i biscotti al discount), contenitori diversi (quei contenitori da frigo in plastica, di varie dimensioni, che si vendono a un euro la dozzina), cestini e altri affari da usare per riordinare cassetti e scaffali.
E un po’ d’inventiva.

Renderà migliore la nostra vita interiore?
Di sicuro, è già una buona cosa non incespicare su qualche oggetto misterioso, di notte, mentre si brancola verso il bagno.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

16 thoughts on “Sgomberare il ciarpame per vivere meglio

  1. Il mio problema è che la frase “un giorno mi potrebbe servire” piú volte si è rivelata vera. Poi casa mia é anche il magazzino ganesha games, quindi ho tutte le copie cartacee dei miei giochi, materiali da imballaggio vari buttati in un angolo, etc. Razionalizzare in teoria è facile ma richiede tanto tempo che va sottratto al lavoro vero…

    • Considera se il tempo sottratto al lavoro per riorganizzare potrebbe essere recuperato snellendo il lavoro in un ambiente più ordinato.
      E poi, chiaro, a ciascuno il suo.

  2. Concordo. Quando mi sento confusa dentro, dare ordine alla casa mi aiuta a mettere ordine anche in testa. ❤

  3. non sapevo si chiamasse cosi’ !
    io lo faccio quando cambio i mobili.compro cose a basso prezzo all’ikea,una stanza ogni tre anni e mi piace montare tutto da solo.alle mie figlie piace mettersi a dividere le cose vecchie,è diventato una specie di rito familiare.

  4. Faccio mia la considerazione di Andrea. Il “un giorno mi potrebbe servire” si è rivelata spesso una considerazione profetica.
    Io poi credo di essere uno di quelli che trovano un loro ordine nel caos. Il problema è semmai quello di imporre questo caos a chi vive con te. Se poi costei/costui è un monomaniaco dell’ordine in casa, la convivenza può diventare infernale.
    Diciamo che un po’ di scatoloni li ho messi in cantina, in questi anni.
    Alcuni molto a malincuore.

  5. bello questo post, te lo posso prendere in prestito per il mio sito ?
    trattasi appunto di un sito dedito al traslocare e vivere la casa ….http://lamialistadellaspesa.wordpress.com/

  6. Ti dirò di più! Mettere in ordine è una forma di meditazione! Magari con un bel cd di musica che vale la pena di sentire di sottofondo, o un programma intelligente in radio!

    Personalmente, trovo liberatorio fare i mucchi e poi buttare via un po’. Da qualche anno a questa parte sperimento una incombente nausea da possesso. Credo che sia anche, in qualche modo, psicologica.

  7. Senti, ma essendo prossimo o nel pieno di una svolta significativa nella mia vita, sto addirittura pensando di azzerare il mio blog e ripartire. Essendo sempre stato disordinato, con il blog, lo trovo intellettualmente molto stimolante. O è pura follia? 🙂

  8. (intellettualmente stimolante l’idea di disfarmi di tutto il bagaglio inutile di cose scritte lì)

  9. Peccato che non si possa fare altrettanto con i pensieri, nel senso diretto dell’azione e non in quello che deriva dalla “pulizia”.

    • @Angelo
      In realtà, un praticante dello zen ti direbbe che si può fare anche coi pensieri, eccome.
      Ma richiede un sacco di tempo seduti in una posizione scomoda, a contare i propri respiri.

  10. Dovrei proprio mettrrmici 😉

  11. Pingback: Sgomberare il ciarpame per vivere meglio | Tutto per la casa

  12. Ok fatto, sono sempre stata attenta a rispettare il copyright altrui. Penso che così vada bene, il nome c’è, il link pure, non mi sono accaparrata meriti che non mi competono. Che dici ? Va bene così ?
    vedi: http://lamialistadellaspesa.wordpress.com/2013/07/15/sgomberare-il-ciarpame-per-vivere-meglio/
    ciao e grazie
    Emy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.