strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Spade tra i Ghiacci

7 commenti

spada-dei-ghiacciIl volume numero 28 della Fantacollana è Spade tra i Ghiacci, vale a dire Swords & Ice Magic, sesta collezione delle avventure di Fafhrd e del Gray Mouser, del compianto Fritz Leiber.
La copertina è di Michael Whelan.

Alla sua uscita, Spade tra i Ghiacci venne giudicato piuttosto aspramente tanto dai critici quanto dai fan, che lo considerarono il volume più debole della serie.

Eppure la raccolta contiene storie di ottimo livello, ed è innegabile che la capacità di scrittura di Leiber non pare avere cedimenti.

Il problema, probabilmente, è che in Spade tra i Ghiacci diventa evidente come Fafhrd e il Mouser stiano invecchiando – al punto che oramai ben avviati verso la spiaggia più lontana della mezza età, i due finiscono per accasarsi.
Fatto inaudito, per un eroe della sword & sorcery – o meglio, primo passo di un destino peggiore della morte: quando Conan (complice L. Sprague de Camp) si trova una moglie, le sue imprese divengono di unanoiosità inenarrabile; ed i tentativi di Elric di trovare la quiete domestica sono foriri di caos, distruzione, e morte (a cominciare dalla morte dell’amata).

iceE invece Fafhrd e il Mouser vivono le loro avventure – ed i loro modi si fanno spicci nello spacciare i nemici, e l’intelligenza prende il sopravvento sull’esuberanza fisica – e poi si trovano un posto tranquillo e fuori mano e due brave donne – e non due ragazzine – con le quali passare gli anni che restano.
La semplice idea che la massima aspirazione per un eroe del fantasy sia ritirarsi a vita privata appare sconvolgente – persino Tolkien, autore di alcuni fra i più pantofolai personaggi del genere, ci lascia intendere che no, l’avventura è un’amante che non si dimentica.
Leiber la pensa diversamente, e la scrive, diversamente.
L’avventura è un’amante estremamente divertente, ma si arriva ad un momento in cui si cerca la stabilità.

Questo, probabilmente, insieme a molte immagini ed idee estremamente originali e ormai molto distanti da quelli che stanno diventando (siamo ai primi anni ’80) i codici del genere, causano un certo disagio in lettori ben felici di codificarsi e sedersi, e tornare a leggere le cose uscite “nei bei vecchi tempi” (cinque anni prima?)

Dovranno aspettare molti anni per una nuova serie di avventure dei due eroi di Lankhmar – e anche in quel caso, le scelte di Leiber solleveranno non pochi problemi.

Sciocco dettaglio personale – quando si dice comperare un libro per la copertina: considero quella di Michael Whelan la miglior rappresentazione dei due avventurieri (sì, meglio di quella di Mignola). Spade tra i Ghiacci mi piacque molto, e mi diede un sacco di idee – la prima delle quali, quella secondo la quale se, avessi mai voluto scrivere sword & sorcery – questo era lo standard da rispettare o battere.
Oggi so che è imbattibile – ma cerco di rispettarlo il più possibile.

Annunci

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

7 thoughts on “Spade tra i Ghiacci

  1. Inutile dire che sono d’accordissimo. Sul tema del “cosa si fa ad avventura finita?”, trovo che Heinlein con “La via della gloria” abbia fatto faville.

  2. Due avventurieri che si sposano e mettono la testa a posto. Un po’ come i giocatori di ruolo che smettono di giocare. Tristezza…

  3. Non è quello con ‘The Curse of Smalls and Stars’ / ‘La maledizione delle piccole cose e delle stelle’, vero? E’ uno dei più bei titoli di racconto mai scritti e storia fascinosissima, dice uno che del duo di avventurieri fino a poco tempo fa aveva letto solo questi ultimi racconti.
    (Non si smette per forza di giocare. e se il gruppo non ha più tempo, altri gruppi e magari altri giochi..!)

  4. Di tutto il tuo blog, mio parere personalissimo, questi pezzi sulla Fantacollana sono i migliori. Hai una semplicità, passione e competenza nell’esporli che è difficile da riscontrare nella rete.
    Mi e ti domando: siccome è evidente che a te molta fantasy odierna (e non) piaccia poco o niente, hai mai pensato di aprire una nuova rubrica (anche a cadenza mensile) che suoni un po’ come: “Gli abissi di Lankhmar – Libri fantasy che detesto”? 🙂 Sarebbe divertente e interessantissima!

    • Francamente non ho tempo per i libri che non mi piacciono – grazie ad una miscela arcana di buon gusto e fortuna, ne becco veramente pochi, e quei pochi non meritano il tempo di un post.
      C’è tanto di buono, e mi pare preferibile segnalare ciò che trovo valido, vecchio o nuovo che sia.

  5. Pingback: Spade tra i Ghiacci | Italian Sword&Sorcery

  6. Pingback: Spade tra i Ghiacci – Hyperborea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...