strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

… possono apparire più vicini di quanto siano

12 commenti

1985_totally_rules_hat-p148837851381880101u2x9_400Avevamo una botta di nostalgia, qualche sera addietro, e con alcuni amici del Blocco C si parlava dei nostri trascorsi, durante l’ora d’aria.
No, non la lista dei nostri efferati crimini, quelli che ci hanno portati ad essere rinchiusi qui… proprio di com’eravamo da giovani.

E così vien sempre fuori quello che ricorda con nostalgia mista ad orrore i propri diciotto anni.
I miei diciotto anni.
Non li ricordo come particolarmente diversi dai miei diciassette o fdiciannove, a dire il vero, però sono andato a dare un’occhiata, perché avevo questa strana sensazione.
Sapete quando vi viene da dire, ma io, nel 1985…?
Ed ecco cosa ho trovato

  • I Goonies
  • Breakfast Club
  • Ritorno al Futuro
  • Legend
  • Brazil
  • Commando
  • La Mia Africa
  • Witness
  • Ammazzavampiri
  • I Vampiri dello Spazio
  • Piramide di Paura
  • Re-Animator
  • Ran
  • Mad Max Oltre la Sfera del Tuono
  • Il cavaliere Pallido
  • L’Anno del Dragone
  • Ladyhawke
  • Il Mio Nemico
  • Sacco a Pelo a Tre Piazze
  • Vivere e Morire a Los Angeles
  • Il Mio Nome è Remo Williams
  • Tutto in Una Notte
  • Police Story
  • Subway
  • Dr Creator

Ora, come diceva il poeta, gli oggetti nello specchietto retrovisore possono sembrare più vicini di quanto sembrano, però, e se invece di film parlassimo di musica?

  • Bring me the Head of Yuri Gagarin (Hawkwind)
  • Warming Up for the Ice Age (John Hiatt)
  • A Classic Case (Jethro Tull/London Symphony Orchestra)
  • Southern Accents (Tom Petty)
  • Brothers in Arms (Dire Straits)
  • Brother Where You Bound (Supertramp)
  • Suzanne Vega (Suzanne Vega)
  • Steve McQueen (Prefab Sprout)
  • Return to Waterloo (The Kinks)
  • Heart (Heart)
  • Scarecrow (John Cougar Mellencamp)
  • Rum, Sodomy and the Lash (The Pogues)
  • Hounds of Love (Kate Bush)
  • Afterburner (ZZ Top)
  • The Chronicles of the Black Sword (Hawkwind)
  • Rock a Little (Stevie Nicks)
  • Pack Up the Plantation, Live! (Tom Petty and the Heartbreakers)
  • White City, a Novel (Pet Townshend)
  • Double Trouble Live (Molly Hatchett)
  • Seven the Hard Way (Pat Benatar)
  • The Wishing Chair (10,000 Maniacs)

E poi vediamo, se avessi voluto leggere un po’ della robaccia che mi piace tanto e che fa di me un disadattato che crede agli alieni per non sentirsi solo (o così credono gli idioti)?

  • Neuromancer, William Gibson
  • Job, Robert Heinlein
  • Blood Music, Greg Bear
  • The Postman, David Brin
  • The Anubis Gates, Tim Powers
  • Moonheart, Charles de Lint
  • Damiano, Roberta MacAvoy
  • Stars in my pockets like grains of sand, Samuel Delany
  • Green Eyes, Lucius Shepard
  • Bridge of Birds, Barry Hughart
  • Ceremonies, T.E.D. Klein
  • Mythago Wood, Robert Holdstock

Visto così, il 1985, quando io avevo 18 anni, fu un anno incredibile.
Ma penso che qualunque anno, guardato da lontano, è altrettanto incredibile.
O no?

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

12 thoughts on “… possono apparire più vicini di quanto siano

  1. Trovo che sia molto difficile distinguere tra un valore effettivo e la mitizzazione di un’opera e spesso, nel nostro caso, quest’ultima tentazione é sempre dietro l’angolo… La nostalgia poi gioca una carta importante, soprattutto in tempi così duri per la creatività, come l’oggi. Una cosa contraddistingue gli anni ottanta:la capacità di sognare un futuro che oggi sembra filosoficamente svanita e con essa la spinta propulsiva che comporta. Detto ciò, non credo sia da mettere in discussione l’effettivo valore di buona parte delle. Citazioni che hai postato!

  2. Ernia del disco che mi tiene bloccato. Mi sono sempre ritenuto un tipo atletico, ma evidentemente il passare degli anni sta presentando il conto, e dunque il passato assume ancora di più quell’aura mitica da era dell’oro che mai più tornerà. Certo, nel 1985 ero poco che un bimbetto, e i miei 18 anni sarebbero scoccati solo qualche tempo dopo il giro di boa degli anni ’90. Eppure credo che quel decennio precedente, quello dei tuoi 18 anni, trascorso tra visioni apocalittiche di inverni nucleari, follie reaganiane, cattivo gusto nel vestire, e film leggendari, abbia quel qualcosa che definire eroico, dal punto di vista del nostro immaginario, non sarebbe affatto esagerato. E comunque sono d’accordo con chi mi ha preceduto, forse non si sogna più come una volta. D’altra parte ci avevano promesso la Luna, letteralmente, e invece ci ritroviamo con migliaia di programmini tra cui scegliere per i nostri smartphone. Già, il futuro me l’ero immaginato più eroico…

  3. Sto provando a fare la stessa cosa con l’anno dei miei diciotto: i risultati sono decisamente tristi

  4. Non esiste nella mia vita l’anno ’85, ci sono i postumi di un brutto incidente stradale, dall’83 all’87 c’è un vuoto completo

  5. Mica male come annata…
    Però è verissima anche la tua ultima considerazione.
    Gran bel post.

  6. forse solo quello dei 18 anni…

  7. Vabbé che sei un paleontologo… i miei diciotto sono lontanissimi e stranissimi. Moltissimi libri, nessun ragazzo. Stavo benone così.

  8. Sono più giovincello, e tuttavia: Rum Sodomy & The Lash è uno dei due dischi degli Ottanta! e l’altro è il suo seguito =]

  9. Ciao Davide, torno dopo taaaaaaaanto tempo e con piacere noto la grafica rinnovata! BELLISSIMA…!
    Amando la musica e girando ora come allora sempre con le cuffiette non mi sento poi così lontana dai “miei tempi, quando le giunture non mi duolevano e cercavo pepite nel Klondike”.
    Uso la musica come teletrasporto per andare avanti ed indietro.
    Quello che temo e che già succede è di dimenticare le cose, ma per fortuna da adolescente la mia produzione letteraria è stata vasta, ingenua e scritta a macchina (!occhio qui siamo nel paleozoico) …! Canzoni simbolo di quegli anni per me “Send my Heart” degli Adventures, Rebel Yell di Billy Idol…

  10. Dimenticavo…i film di quei tempi rivisti oggi non sempre sono questi capolavori, ma i Goonies, oh si, quelli sì…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...