strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

La forma delle cose a venire (2)

19 commenti

unnamedDicono che periodicamente postare un elenco dei lavori in corso può essere interessante per alcuni.
Magari portare vendite.
Beh, chissà.

Io non è che sia proprio molto portato, a parlare delle cose a venire, specie di quelle che hanno a che fare con la mia scrittura, un po’ per un senso scaramantico, un po’ perché una volta scritte sul blog, eh, tocca portarle alla fine.
Il che è un buon modo per obbligarsi a lavorare, ma anche un buon modo per fare delle figure barbine.
Di sicuro, mi aiuta a mettere in ordine le idee.

Al momento, il progetto prioritario è la presentazione per la discussione della tesi di dottorato, che si terrà fra due settimane.

Vale il solito principio – un’ora di lavoro per ogni minuto di presentazione.

Intanto… 

Progetti paganti:

. Ho due traduzioni in corso, una urgente e prioritaria, ed una meno urgente ma più impegnativa.
E una revisione.

. Sono attualmente agganciato a sei progetti – sei! – nel campo del gioco di ruolo.
Quattro come parte del team di sviluppo, due come unico responsabile del progetto (sì, esistono persone tanto sconvolte da darmi carta bianca su queste cose).

Passiamo poi alla narrativa…

Le cose “sicure”:

A&A new logo 230. Ci sono al momento quattro storie di Aculeo & Amunet in diversi stati di sviluppo.
Miror of Amunet è completata e in attesa di revisione.
Witch with Green Eyes e Hand of Isfet sono in prima stesura, in attesa di essere chiuse.
All the Roads to Nineveh è delineata e in fase di documentazione (magia sumera!)

Ci sono un sacco di altre cose sul fuoco per Aculeo & Amunet, ma le vedremo mano a mano che si sviluppano, perché siamo ancora nel campo delle idee.
Per intanto, se ve li siete persi, fino a fine settimana, i primi due ebook della serie di Aculeo & Amunet sono ribassati del 33% secco.
Approfittatene.

. ci sono un certo numero di saggi in diversi stati di avanzamento.
Credo lavorerò per poterli pubblicare con cadenza trimestrale, ma staremo a vedere.

061dfe111a2ef8f073a482edef32ca9dAltri progetti credibili:

. C’è la storia per Distopie Impure che devo ad Alex Girola, nonostante io abbia deciso di non scrivere più narrativa in italiano. Eventi diversi l’hanno fermata, ma l’idea è solida, il protagonista ha finalmente una faccia – verrà fuori qualcosa di buono.
Conto di chiuderla per il 20 del mese.

. C’è una storia per un editore americano in attesa di approvazione.
L’idea è valida (io credo) – spero che piaccia all’editor.
Se dovesse piacere, slitterebbe nella categoria “lavori pagati” – e sarebbe bello.

. ci sono Beyul Express e Vecchio Mondo Vigliacco da editare – o cestinare, a seconda del risultato di una onesta valutazione delle loro qualità reali.
E poi decidere cosa farne.

. c’è l’idea ventilata da alcuni di fare un bell’ebook massiccio con tutta una selezione della mia narrativa breve in italiano – ma mi lascia abbastanza dubbioso.
Non so se il gioco varrebbe la candela.

File relitti e carte sfuse:

. Ci sono altre quattro ipotetiche storie che stanno lentamente percolando dal mondo delle ipotesi a quello del “proviamo a vedere cosa succede se le scrivo”.

 . …E poi ho un paio di pitch sui quali sto lavorando e che vorrei provare a spedire ad altrettanti editori.

Il lavoro per altri:

. Mi hanno chiesto di rivedere delle traduzioni e di fare dell’editing.
Il che, mi assicurano, è quanto di più immorale si possa immaginare, mancando io del famigerato bollino di qualità.
Una vera e propria truffa.
Pare che un master in comunicazione scientifica e un TOEFL con un A+ non siano niente.
Peccato.

Altro?
Beh, portare avanti strategie evolutive e Karavansara, naturalmente.
E cercare di sbarcare il lunario con lavori occasionali.

Di sicuro non ci si annoia.

E naturalmente tutto quanto qui sopra è quantomai vago – sì, ci sono i titoli delle storie di Aculeo & Amunet, ma erano già uscite altrove.
Tutto il resto rimane innominato per una serie di motivi.
Il primo, è che così non rovino la sorpresa a chi mi segue.
Il secondo, è che naturalmente meno mostriamo, maggiore è il mistero, ed il mistero è sempre una buona cosa, quando si parla di scrittura, o di marketing.
E il terzo è un sano senso di autoconservazione.

Le novità e i dettagli usciranno poco a poco – così mi garantisco anche un po’ di post facili facili per il futuro.

Enhanced by Zemanta

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

19 thoughts on “La forma delle cose a venire (2)

  1. Quando si dice mettere carne al fuoco!🙂
    Ecco, una domanda a questo punto vorrei farla, anche se metterà in luce le mie scarse capacità linguistiche.
    Io lavoro in inglese (quasi solo colleghi stranieri), scrivo materiale tecnico e faccio presentazioni in inglese, e leggo narrativa praticamente solo in inglese da qualche anno. Eppure, facessi lo scrittore non riuscirei a scrivere in inglese. A parte il vocabolario non sufficientemente esteso, mi mancano le sottigliezze linguistiche che fanno usare una forma anzichè un’altra per dare le giuste sfumature al testo. Diciamo che sono probabilmente un B2-C1 [*].

    Quando ti sei sentito pronto per il salto? Il master immagino fosse in lingua inglese e questo solitamente aiuta parecchio (e.g. scrivere un pezzo di xxx parole ogni giorno).

    [*] http://en.wikipedia.org/wiki/Common_European_Framework_of_Reference_for_Languages#Equivalences_of_common_tests_to_CEFR_levels

    • @Nail
      Il master in effetti era in italiano.
      Ho cominciato a scrivere in inglese – direttamente in inglese, non traduco – nella seconda metà degli anni ’90, dopo una quindicina d’anni che leggevo prevalentemente in lingua inglese, e dopo aver trascorso un anno in Gran Bretagna (dove studiavo all’università e lavoravo in azienda).
      Sulla scelta di sfumature e opzioni…😛
      Diciamo che faccio quello che mi riesce e finora nessuno si è mai lamentato.
      Io credo che leggere molta narrativa, di generi e autori molto diversi, in lingua e per molti anni, alla fine fornisca una sorta di campionario istintivo di opzioni.
      Spero!😀

  2. io, ormai lo sai dato che a ogni occasione lo ribadisco, voto Beyul Express
    perché va bene il mistero, ma la curiosità ormai è un pezzo che m’è montata, e mela vorrei levare. anche se forse il racconto epico della stesura che ci sta dietro non selo ricordano in molti.

    e mi domando che fine abbiano fatto baracca & ciambotti, e mi piace l’idea della raccolta di racconti, ché qualcosa melo sono perso di sicuro, ma mi sa che verrebbe parecchio disomogenea, no? un ebook per racconto a prezzi risibili forse sarebbe meglio, ma non so se c’è una cifra minima su amazon per vendere. e non mi rendo conto se ne vale la pena.

    intanto in bocca al lupo per la discussione della tesi di dottorato, io inganno l’attesa con l’ultimo di aculo&amunet (se esco vivo dall’ultimo Martins)

  3. Conrad ci ha vinto un nobel scrivendo in una lingua non sua.

  4. Ciao Davide. Immagino che il progetto A. sia tra le cose non citate. O almeno lo spero. Entro febbraio, max marzo mi dovrebbe arrivare qualcosa da te, tuo e anche non tuo (magari). Scusa l’intrusione (;-). Un grosso annraccio.

  5. Due gg senza post!! Tutto ok Davide?

  6. Tutto bene – sto solo cercando di decidere se chiudere il blog definitivamente o meno.

    • ecco, temevo una risposta del genere. anche se mi ero augurato fosse un qualche crollo delle infrastrutture che portano la rete costì
      io da parte mia mi auguro di no.
      mi auguro parecchio di no. mi mancherebbe.
      ma ovviamente non sta a me.

  7. Anche io mi auguro di no! La lettura dei tuoi post la mattina è diventata oramai parte integrante della mia giornata, un po’ come il caffè. Mi da lo sprint per iniziare la giornata…quindi mi auguro con tutto il cuore che tu non voglia chiudere il blog…

  8. Mi auguro anch’io di no. Ritengo Strategie Evolutive uno dei più intelligenti e brillanti blog in lingua italiana. Sarebbe una grave perdita.
    In ogni caso massimo rispetto per qualsiasi decisione Davide vorrà prendere in proposito.

  9. Ecco, lo sapevo… Porco mondo, devo dire che perdere la mia prima lettura quotidiana mi dispiacerebbe molto. Dico… Cioè, vorrei dire in bocca al lupo qualsiasi cosa tu decida di fare però spero proprio che questo “qualunque cosa” sia rimanere aperto. In ogni caso, di qua o su Karavansera, a presto!

  10. che brutte notizie si devono venire a scoprire… mi accodo agli altri: non chiudere… rallenta magari, 3 post a settimana o simile, ma non chiudere🙂

  11. Sarò strano io, Davide, ma se devi chiudere chiudi in retta. Meglio non perdere il poco tempo che si ha nel fare cose che pesano. Mi spiacerebbe, ma Strategie Evolutive è cosa umana, e come tutte le cose umane prima o poi finisce.

  12. mi sta venendo un po’ l’ansia, con questi post sibillini, e questi riferimenti che non riesco a cogliere
    nel dubbio: se vedi del traffico anomalo sul blog sono io che sto dumpando il vecchio archivio, per avere una scorta di vecchi pezzi (ché il blog lo seguo solo dal 2009) nel caso chiudessi *e* cancellassi lo storico
    perché anche se molli così almeno per qualche anno rimani il mio spacciatore ufficiale di narrativa fantastica

  13. Finalmente una buona notizia!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...