strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

La Signora Scompare

2 commenti

13826357_1La mia ammirazione per Margaret Lockwood è agli atti – donna splendida, ottima attrice, protagonista di per lo meno tre film indispensabili.

Del primo – The Wicked Lady – ho parlato tempo addietro.

La notte passata, per negoziare un attacco d’insonnia possibilmente innescato dai tagliolini alla tailandese consumati a cena, ho passato un’ora e mezza a godermi la seconda pellicola indispensabile di Margaret Lockwood – The Lady Vanishes, del 1938.
Che succede che sia un film di Alfred Hitchcock, e anche piuttosto divertente.
Orson Welles lo guardò, si dice, undici volte, e Truffaut lo indicò come il suo film preferito nell’opus di Hitchcock.

La trama è nota – in vacanza nell’improbabile stato Alpino/Balcanico di Bandrika (una ruritania costruita in studio con modellini in scala – imperdibili le sequenze iniziali), la giovane Iris Henderson fa amicizia con l’anziana Miss Froy.
Durante un viaggio in treno che le riporterà in patria, Miss Froy scompare – e nessuno al di fuori di Iris pare ricordarsi di lei.
Con l’aiuto del giovane e aitante Gilbert (Michael Redgrave, al suo esordio cinematografico), l’unico a credere alla sua storia, Iris tenta di scoprire cosa stia accadendo.

Il film è stato rifatto due volte:
. prima nel ’79, dalla Hammer con Cybill Shepard ed Elliot Gould nei ruoli di Lockwood e Redgrave, e la futura Signora in Giallo, Angela Lansbury.
Non è granché – e per trent’anni la Hammer non fece più film.
. la seconda volta nel 2008, dalla BBC, con Tuppence Middleton nel ruolo che fu di Margaret Lockwood – e questo non l’ho visto, anche perché… beh, l’originale è eccellente.

lady-vanishes_image-2

The Lady Vanishes è un thriller spionistico abbastanza teso – considerando che oggi l’idea di partenza non è originalissima, ma nel ’38 lo era certamente – che utiliza i modi della commedia sofisticata per costruire la propria narrazione.
Lockwood e Redgrave battibeccano con palese divertimento.
ladyvanishes2I non-britannici sono tutti meravigliosamente etnici (e parlano un curioso mix di italiano, yddish e lingue diverse), e per gli standard odierni, sarebbero sufficienti certe caratterizzazioni per causare un incidente diplomatico e mandare un sacco di anime candide in crisi per la scorrettezza politica.
Ma anche gli inglesi incassano una divertita serie di sberleffi, grazie alla coppia Charters & Caldicott, due classici esemplari di fauna britannica, disperatamente desiderosi di rientrare in patria per tornare alla civiltà, ed assistere alla finale di cricket.

Se la struttura della storia – l’azione principale è quasi interamente ambientata a bordo di un treno, quindi con rigidi confini tanto spaziali (il set non arrivava a venti metri di ampiezza) quanto temporali – si presta facilmente all’intrigo claustrofobico, è il mix di commedia e azione spionistica che rende la pellicola tanto lieve e divertente – nonostante in fondo sia un film del 1938 nel quale si discute di come una nazione cntroeuropea stia mostrando sinistri segnali totalitari e guerrafondai.
The Lady Vanishes 2Non mancano elementi ribaldi – beh, ok, ribaldi per il 1938.

Politica, scorrettezze etniche e ribalderie assortite ci lasciano a questo punto il dubbio – o The Lady Vanishes fu un film molto più scandaloso di quanto possiamo ricavare dalle recensioni dell’epoca, o forse le nostre sensibilità sono davvero cambiate.

Ci sono un sacco di giochini, nascosti nella pellicola – il più interessante è probabilmente che a parte i titoli di testa e di coda, tutta la musica presente nel film è interna alla pellicola, suonata o eseguita dai personaggi.

Il film ebbe un notevole sucesso e trasformò i due attori principali – all’epoca pressocché sconosciuti – in superstar.
Diede anche origine a un interessante spin-off – i due maniaci del cricket,Charters & Caldicott, ebbero un tale successo da guadagnarsi una parte in undici altri film, incluso l’altrettanto imprescindibile Night Train to Munich, sempre con Margaret Lockwood (un film del quale magari parleremo un’altra volta). E poi una serie di avventure radiofonice, ed anche una serie TV della BBC.

Per chi fosse interessato, The Lady Vanishes è fuori copyright, e lo si reperisce facilmente in rete, a cominciare da Youtube.
È vecchio di quasi ottant’anni, è in bianco e nero ed è vivamente consigliato.

Enhanced by Zemanta

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

2 thoughts on “La Signora Scompare

  1. Deve essere un ottimo film. Lo terrò presente. Io adoro le atmosfere del 1938.

  2. Pingback: In treno verso Monaco | strategie evolutive

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...