strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Un nuovo Orrore per (dopo) Pasqua

8 commenti

orrorivallebelbologosmallUna mangiatoia di legno, con dentro una fisarmonica ed un maiale terrorizzato, sfrecciò sotto il ponte cavalcando l’acqua color caffelatte del Belbo.
Raschiò contro uno dei piloni di sostegno, rallentando appena e ruotando su se stessa, e a nulla valsero le grida e lo sbracciarsi degli uomini lungo la riva o l’agitarsi del suino disperato: l’improbabile vascello proseguì la sua corsa, accompagnato dal rombo delle acque e dagli strilli patetici del maiale.
“Dite a quella gente di levarsi di lì!”
Quasi a sottolineare le parole del Maresciallo, uno degli uomini sull’argine rovinò in acqua, ed i suoi compari si affrettarono ad abbrancarlo prima che il Belbo se lo portasse via.
Oltre la chiesa, la piazza del comune era ormai un lago bruno dal quale emergevano la capotte di una Punto e la cabina di un furgone.

dalle colline smallIl piano è semplice.
Alle otto di oggi comincerò a scrivere Dalle colline con la piena, il terzo racconto della serie Gli Orrori della Valle Belbo.
Una storia ambientata durante l’alluvione catastrofica del 1994 – quando l’acqua si fermò a una decina di metri dalla porta di casa nostra.
Scriverò con continuità fino alle diciotto, facendo solo una pausa a mezzogiorno per mangiare.
Conto per le diciotto di avere le 5000 parole che ho stimato sulla base dell’outline come lunghezza di questa storia.
500/600 parole all’ora non è un ritmo assassino, e non è che mi manchi l’allenamento.

Ci dormirò sopra, e poi domani rivedrò il testo.

Lunedì, giorno di Pasquetta, scriverò una postilla per raccontare come sia stato creare da zero una storia in due giorni durante il weekend di Pasqua, monterò il testo, convertirò il file in formato .mobi e lo caricherò su Amazon, e poi andrò a prendermi un lauto gelato come premio per un lavoro ben fatto.

Se ci riuscirò, l’ebook sarà disponibile martedì o mercoledì.
E credo che ci riuscirò.

Sarà un modo un po’ diverso per prendersi una vacanza durante questo lungo, malinconico weekend pasquale.

Chi fosse interessato, potrà nel frattempo portarsi avanti col lavoro leggendo La Notte dei Cacciatori e/o Chi ha nelle mani ha vinto.
Buona Pasqua.

Enhanced by Zemanta

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

8 thoughts on “Un nuovo Orrore per (dopo) Pasqua

  1. Naturalmente non me lo perderò… Da tempo accarezzavo l’idea di una storia ambientata nel fatidico 1994… Mi sa che così mi darai lo sprone!

  2. considerato che i primi due sono stati decisamente uno spasso da leggere, spero tu ci riesca, a salvare il mondo nel weekend di Pasqua
    è una serie che secondo me ha il suo senso come serie, e mi piace vederla crescere in tempi così rapidi

  3. Hai giustamente anticipato ogni possibile, stupida domanda sull’allenamento😉

  4. Non vedo l’ora e invidio la tua velocitá. A me per distanziarmi da quanto ho scritto una notte non basta, mi serve una settimana almeno…

  5. Insomma stai diventando una vera e propria macchina cantastorie…😀
    Chissà com’è andata…aspetto con grandissima curiosità il post in cui ci racconti tutto, sai che adoro questi esperimenti di scrittura forsennata.
    E sono sicura che non solo ci riuscirai ma che ne verrà fuori qualcosa di molto divertente da leggere.

    • Fin qui è stato divertente – ed istruttivo.
      Al momento ho una storia revisionata, 1500 parole di una storia che prima o poi dovrò scrivere, e una buona idea per un’altra storia ancora.
      Adoro le giornate piovose😀

  6. FAVOLOSO!
    Storie che chiamano altre storie…

    E visto che ci sono…
    Tanti auguri di Buona Pasqua!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...