strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Ho sognato una frittata di cipolle

7 commenti

urlHo fatto un sogno.
Si lo so, voi li odiate, quelli che il giorno dopo vi attaccano un botone che non finisce più per raccontarvi cos’hanno sognato la notte prima.
Anch’io li detesto.
Però che, dire, ho fatto un sogno, ed ora ve lo racconto.

Ho sognato che ero un cuoco.
Non un cuoco particolarmente famoso o titolato, non uno di quei cuochi che vanno in TV.
Non Gordon Ramsay, insomma.
Ma un cuoco competente, di quelli che sanno fare il loro lavoro.

Nel miosogno, questo cuoco che ero io, preparava una frittata.
Nulla di eccitante, una semplice frittata di cipolle, una omelette alla maniera di Elizabeth David.
Uova, cipolla, un filo d’olio, un po’ di prezzemolo, aglio ungherese, cerfoglio, dragoncello, sale e pepe.

08af2529b3814f79e5376ec289bde22dNulla di cui scrivere a casa, insomma – non un piatto da grande ristorante, nulla di sperimentale o molecolare o eretico.
Ma noi lo sappiamo, no, che non è sempre caviale?
Una frittata, eccoc osa ho sognato.
Niente che potesse aspirare a cambiare la storia della cucina, a finire nei libri,a venir citato dagli intenditori.
Una cosa che si prepara alla svelta, e che serve a spuntarsi l’appetito in una serata estiva.
Una onesta frittata di cipolle.

E a questo punto, nel mio sogno, questo cuoco che ero io prendeva la sua bella frittata, e la andava a gettare in un cassonetto dell’immondizia.
In questo modo, coloro che normalmente passano le proprie serate a ravanare fra il pattume, in cerca di una crosta di formaggio ammuffita, di pezzo di pane raffermo spolverato di fondi di caffé o di qualche buccia d’arancia rinsecchita, avrebbero potuto, nella loro ricerca, imbattersi nella frittata di cipolle, e magari provare ad assaggiarla.
E dirsi magari che sì, in effetti è gradevole.
Però volete mettere come una crosta di formaggio ammuffita, accompagnata da un pezzo di pane raffermo spolverato di fondi di caffé, con contorno di buccia d’arancia rinsecchita?
Servito su carta di giornale, accompagnato dai rimasugli di un bric abbandonato di Tavernello acido?
Roba di classe, mica una stupida fritatta.

A quel punto mi sono svegliato.
E ho deciso che il mio nuovo racconto, la novella che ho finito di editare ieri notte, prima di addormentarmi, per il momento non lo pubblico.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

7 thoughts on “Ho sognato una frittata di cipolle

  1. Eviterò di fare lo psicocoso. Ma ti direi di riflettere prima di buttare la frittata. Comunque, io adesso la faccio in forno e adoro quella di cipolle. Altrettanto quella di cipolle e patate. Domanda: dove trovi l’aglio ungherese? Ringraziamento: mi hanno regalato un Kobo e, grazie a ciò e alle lezioni d’inglese che sto facendo sono riuscito finalmente a leggere e finire libri in inglese. Tra questi, The book of knights che tu consigliasti: Avevi ragione: un fantasy singolare, bello, intelligente, diverso. Ho anche letto il secondo libro del ciclo di Rama, di Clarke. Non come il primo, ma affascinante. Tenterò gli altri due della quadrilogia. A presto

    • È proprio perché non la voglio buttare, che me la tengo stretta, la mia frittatina.
      Riguardo all’aglio ungherese – devi parlare con qualche contadino o vivaista.
      Io ne trovai al mercato di Nizza Monferrato, due anni or sono, e ancora campo con la scorta che ho fatto seccare.
      Ottima idea fare la frittata in forno😉
      E buone letture!

    • Dimenticavo: se ti basta come aroma, e non come ingrediente base (per una zuppa, ad esempio), l’aglio ungherese è a tutti gli effetti quella che viene commercializzata come erba cipollina.

  2. Mi sembra comunque che di prelibatezze finite in armenta, ne finiscano a sufficienza! Tieni da conto l’opera e aspetta il giusto gourmet…

  3. Ora mi è tutto chiaro! Bene: la cipollina ce l’ho. Un suggerimento, se già non l’hai fatta: la frittata di baccalà.
    Per il resto adesso ho capito: hai ragione. Non buttare la frittata nella pattumiera.

  4. Visto che si parla di frittate e metafore, direi che questo ci casca a fagiuolo: https://www.youtube.com/watch?v=gqzlDxxcQv8

  5. Credo tantissimo nei messaggi che la saggezza dell inconscio ci manda racchiusi nei sogni…però mi dispiace anche tantissimo dover aspettare chissà quanto tempo per leggerlo…la tua eroina mi piaceva proprio tanto!!!
    Mi riconsolo pensando che tanto da Nullonia non avrei potuto prenderlo…. Anche se oggi deve essrsi aperto un varco spazio temporale di qualche tipo perche la connessione ancora tiene!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...