strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Si è spenta la macchina dei sogni

4 commenti

Questo post è inaspettato e indispensabile.
Ho scoperto solo ora, per caso, che nel luglio scorso è scomparso Paul Horn.

Paul Horn è stato uno dei grandissimi del flauto jazz, un innovatore sia a livello tecnico che a livello interpretativo. Il suo album Inside the Taj Mahal è uno dei capisaldi del flauto moderno.

Da molto mediocre flautista, lo scoprii sui manuali e Dream Machine di Paul Horn è stato uno degli ascolti ossessivi di un certo periodo della mia vita.

Noi vogliamo ricordarlo così.
Ascoltate…

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

4 thoughts on “Si è spenta la macchina dei sogni

  1. Non lo conoscevo, non finirò mai di stupirmi di quanto io sia ignorante su certi argomenti.

  2. Che brano spettacolare!!! Lo sto ascoltando a ripetizione… Grazie per avermi fatto conoscere questo grande artista! ^_^

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...