strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

A prova di idiota?

10 commenti

Ecco!
Ora finalmente abbiamo un buon motivo per odiare Amazon.

Le recensioni dei lettori sono uno dei punti critici del sistema Amazon – ne abbiamo parlato giorni addietro, ampiamente.
Il voto dei lettori incide sul posizionamento del titolo nelle ricerche sulla base delle parole chiave.
Ed esistono regole per limitare gli abusi – che a volte vengono applicate, a volte no.

Il sistema è meno che perfetto, se possiamo trovare recensioni come questa…

Finalmente sono riuscita a finire questo libro dopo mesi di tentativi…!!!!
E’ Raccontato tramite i diari dei protagonisti e questo già non mi piace.
Poi lungo e lento, noioso e pesante, per niente coinvolgente.
Per non parlare del finale… Sbrigativo, banale e deludente…..
Lo classifico Tra i libri più noiosi della mia vita.
Come fate a dire che sia un capolavoro? Mah!!!!

per un romanzo come Dracula, di Bram Stoker.

Ma ora le cose stanno cambiando, per lo meno sulla piattaforma Amazon.com.
a1Negli ultimi giorni, i lettori desiderosi di esprimere la loro opinione con una recensione, si sono visti presentare il menù a tendina che vedete qui di fianco.

Apparentemente le selezioni a tendina sono limitate alla narrativa – per la saggistica si va ancora alla vecchia maniera.

Molto interessanti, rispetto alle voci proposte, la scelta di risposte…

Riguardo alla scrittura, possiamo decidere di definire lo stile dell’autore come

. Scarso
. OK
. Buono
. Ottimo (Great)

Sulla violenza, le scelte sono

. Nessuna violenza
. Un po’ di violenza
. Violenza descritta graficamente

Sui contenuti sessuali

. Nessun contenuto sessuale
. Qualche contenuto sessuale
. Contenuti sessuali espliciti

E qui già abbiamo qualche problema – perché dovremo decidere cosa configuri “qualche contenuto sessuale”. Ma ok, non formalizziamoci.
Perché quello che mi fa davvero impazzire è la forma narrativa – sì, proprio il POV che piace tanto a quelli che hanno letto il manuale…

E voi mi direte, e cosa ci potrà mai essere di strano in questa selezione?
In termini di narrazione, possiamo scegliere

. Prima persona
. Seconda persona
. Terza persona
. Persone alternate
. Non lo so…

Già – è possibile che il lettore non abbia capito qual’è la voce narratnte della storia che ha letto.

Mi mancano le ultime due selezioni – Amazon ci offre inprima battuta solo la prima opzione.
Una volta definito lo stile dell’autore, possiamo scegliere le opzioni per le tre voci successive.
Una volta completate le quattro selezioni principali, si attivano le ultime due.
Io sono crollato prima.
Nonostante la curiosità per le parole che descrivono il mood del libro…

E non credo che questo migliorerà le recensioni – semplicemente, ripulirà i database di Amazon, fornendo sei altri parametri (in più rispetto allestelline) per decidere ilposizionamento dei testi nelle ricerche.

Unico lato positivo – ora anche chi non sa scrivere frasi compiute potrà recensire il libro che ha letto.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

10 thoughts on “A prova di idiota?

  1. Ricordando che un idiota riesce a by-passare qualsiasi filtro o sistema!

  2. Faccio bene a continuare a scrivere su goodreads allora…
    Così comunque temo diminuiranno drasticamente le persone disposte a “recensire” su amazon.

    • Io temo invece che aumentino, ed aumentino i recensori selvatici – già ora è possibile appioppare un rating alla scrittura degli ultimi volumi acquistati, con un click.
      È brutto essere pessimisti, ma potrebbe succedere un disastro.

  3. Dall’alto del mio infinito ottimismo, mi sto già immaginando eventuali scenari in caso arrivasse (quando arriverà) anche da noi questo metodo a tendine. Sarà il delirio, tra gente che non sa cosa siano i punti di vista e gente per la quale uno schiaffo in 400 pagine di presunta “azione” è violenza descritta graficamente.
    Meglio non pensarci.
    Però mi chiedo: quanto della mossa è motivato dal voler mettere anche i peggiori utonti nelle condizioni di “recensire” qualcosa (brrrrrr!), e quanto davvero dal voler avere dei parametri di marketing e catalogazione in più senza dover fare la fatica di crearseli da soli? Quanto ci vorrà prima che amazon cominci a consigliarti i libri sulla base del fatto che i tuoi ultimi acquisti erano tutti horror in prima persona senza sesso e con solo una dose media di violenza?

  4. @Zeros
    Certamente lo scopo ultimo è quello di inserire dei parametri da utilizzare per il marketing.
    E considerando come i “consiglipersonalizzati” di Amazon siano già spesso al limite del ridicolo, possiamo immaginare l’orrore diquando Amazon ci suggerirà dei testi sulla base della classificazione altrui dei libri che abbiamo letto.
    La cosa curiosa è che si tratta di un sistema che mostra tutti i suoi buchi fin da subito, e senza doverci neanche pensare troppo – che si tratti di una implementazione sperimentale che verrà ritirata in qualche mese? Certo comporta un bell’investimento da parte di Amazon…
    Staremo a vedere – l’impressione è che trovare ciò che stiamo cercando, su Amazon, sia improvvisamente diventato più difficile ed aleatorio.

  5. Che brutti tempi si prospettano. Sono curioso di vedere come verrà applicato “visivamente”.

  6. Non recensirò più (già lo facevo poco…) O, per gli autori che conosco, darò riscontro via mail. Buon lavoro, e coraggio!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...