strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Pizza, Cinese o Kebab? (1) – Germano Hell Greco

12 commenti

foto hellIntervistare un blogger non ha molto senso – dopotutto, per sapere cosa gli piace, cosa gli interessa, come si pone nei confronti dei grandi quesiti dell’universo, basta leggere il suo blog, giusto?

E allora proviamo a fare qualcosa di diverso – proviamo a chiedere ai blogger quelle cose che nessuno gli chiede, quelle cose delle quali non necessariamente parlano sui propri blog.
Proviamo a fare qualcosa di divertente.

Il primo a sottoporsi – più o meno volontariamente – a questo ardito esperimento, è il gestore del blog Book & Negative, Germano M., alias Hell, alias Germano Hell Greco…

1 . …certo che hai un sacco di nomi. È vero che sei anche Lucia Patrizi, de Il Giorno degli Zombi?

Verissimo, e sono anche Alessandro Girola di Plutonia Experiment.

2 . Cos’hai in tasca in questo momento?

Qualche spicciolo, i centesimi rossi, inservibili, un blister con tre pillole per il mal di testa, due penne Bic, un paio di vecchi scontrini appallottolati.

3 . Ordiniamoci una pizza. Tu come la prendi? O preferisci un cinese? Un kebab?

Prendo una trevigiana: mozzarella, pomodoro, salsiccia fresca e radicchio.

13420_806271032792787_8472087466790220513_n

4 . Qual è l’ultimo libro che hai letto?

Z-Boat di Suzanne Robb. Ora sto leggendo Oasis di De la Haye.

5 . Parliamo di frustrazione. Gestisci un blog, scrivi narrativa, e fai l’editor per conto terzi. Qual è l’aspetto che davvero detesti di queste tre attività?

Riguardo il blog è molto facile: la gente che mi legge da anni, ma non s’è mai degnata di condividere un mio post, quelli che mi hanno copiato (male), quelli che fingono che io non esista.
Non chiudo soprattutto per merito di questi ultimi, voglio che si rodano il fegato pian piano.

La narrativa è una lotta continua. È faticosa, stressante, non c’è mai tempo per scrivere. Terminata l’epoca delle giornate infinite e sprecate a tentare di buttar giù il testo perfetto e ispirato, un’idea un po’ da bamboccio, ora è rimasta soltanto lei, la scrittura, e i ritagli di tempo.
Quando non hai tempo, tutto assume la giusta dimensione e importanza, ogni pagina scritta è una piccola vittoria sull’entropia e sulla stanchezza.

L’editing è ambivalente: ho scoperto gente che mi stimava già da prima, e che si è rivolta a me richiedendo i miei servizi proprio per questo, e altri che invece si meravigliano dei costi che un editing esige.
Di solito rispondo loro che non è l’editing, a costare, ma il mio tempo, perché lo sottraggo a me stesso per dedicarlo agli scritti altrui.
Ma quelli che mi fanno davvero, davvero incazzare sono coloro che credono di poterne fare a meno, dell’editing.

6 . Sapresti consigliarmi una buona Grammatica della Lingua Italiana?

Di recente ho acquistato La Grammatica Italiana di Beatrice Panebianco, edita da Zanichelli. La trovo ottima, contiene l’essenziale.

E se qualcuno, là fuori, se lo sta chiedendo: sì, di tanto in tanto do una rilettura alla grammatica italiana.

7 . È un fatto ben noto che quelli fighi scrivono per esorcizzare i propri demoni. Il tuo ebook più recente è Perfection, ed è il primo di una serie. Significa che coi tuoi demoni vi sentite ancora?

In verità, ho iniziato a scrivere proprio quando ho smesso di atteggiarmi a scrittore maledetto che c’ha i demoni, è ombroso, vuole essere vezzeggiato e capito, ma pretende di trattar male gli altri, e porta pure un po’ sfiga.
Non si è scrittori, né lo si diventa, si scrive e basta. Quelli che si atteggiano a doni del cielo, di solito passano la maggior parte del tempo così, da poseur, diffondendo pensieri arguti su twitter.
Al che mi viene sempre in mente Tyler Durden: «Ora ho un problema di etichetta: mentre passo le do il culo o il pacco?»

8 . Cos’è la perfezione?

Lo snaturamento della condizione umana.
(Sì, le medicine le ho prese…)

9 . E parlando di perfezione… il miglior Dracula cinematografico di tutti i tempi?

Dracula il Vampiro del 1958. Di Terence Fisher.

10 . Hai anche pubblicato una fiaba. È un buon sistema per rimorchiare?882c940a0a4338b6332f0beca7b39bfd

È stato un lavoro in tandem con Silvia, la mia fidanzata. Ma ci siamo conosciuti e fidanzati prima della fiaba. Quindi no, non credo lo sia.

11 . Apri un blog che non parli né di libri né di cinema. Di cosa si occupa, e come si intitola?

Si intitolerebbe BOHICA, e lo dedicherei alle numbers station.

12 . Bruce Willis: meglio con i capelli o senza?

Con pochi capelli e canotta lurida, in Die Hard (1988).

13 . La cosa più stupida che dicono di te?

Che sono altezzoso.

14 . Dedichiamo un minuto ai buoni sentimenti. Qual è la cosa che ti piace di più del posto in cui vivi?

La bassa densità di popolazione.

15 . Tu hai inventato l’ambitissimo Boomstick Award per i blog. C’è qualcosa che vorresti dire a chi ha dovuto pagare per farselo assegnare?

Se hanno pagato per averlo dico: siete proprio dei coglioni.

16 . E adesso qui sotto postiamo il tuo sfondo del desktop…

desktop hell

17 . Twitter, Tumblr o Facebook?

Tumblr tutta la vita.SERGI-LOPEZ-5

18 . Il giorno in cui gireranno un film sulla mia vita, chi interpreterà la tua parte? E chi interpreterà Lucia Patrizi?

La mia parte andrà a Sergi Lopez. Chloe Sevigny interpreterà Lucia.

19 . Siamo alla fine. Hai mentito durante questa intervista?

No. È stato un piacere rispondere.

20 . GUEST QUESTION: Alessandro del blog Red Jack vorrebbe sapere…

È scoppiata la pandemia zombie. Qual è la tua strategia per sopravvivere?

Ci ho scritto anche un libro, che adesso è introvabile, Girlfriend from Hell.
Ma a parte questo, direi che mi armerei di tre o quattro fucili sovrapposti, perché so maneggiarli e so preparare le cartucce a pallettoni, e anche riciclarle, se occorre; e di molti coltelli. Mi troverei un rifugio isolato sulle montagne, o su un’isoletta nel Mediterraneo. E me ne starei laggiù insieme alla mia ragazza, e a un cane o un gatto, a vivere di caccia e di pesca, magari coltivando insalata e pomodori, nascondendomi e sparando a eventuali intrusi; e lasciando che tutti gli altri si mangino a vicenda.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

12 thoughts on “Pizza, Cinese o Kebab? (1) – Germano Hell Greco

  1. Vi adoro, voi due! Ma sì, tre, che tanto Germano è Lucia e quindi conta doppio!😀

  2. Finalmente un’intervista non banale e che ti mette voglia di leggerla fino in fondo piuttosto che mollarla alla terza domanda idiota.
    Bravo Davide e, come sempre, istrionissimo (si dice?) Germano.

  3. Stima aumentata. Per entrambi!

  4. Triplo, sono anche Alessandro Girola.😎
    Grazie a Davide per il divertimento, e a tutti quelli che leggeranno.😀

  5. sempre detto che Hell è uno e trino !

  6. Già per il fatto che hai preso la pizza trevigiana, germluciandro si merita una ola! E complimenti x qst intervista splendida, divertente, mai banale e puntuale!

  7. Pingback: Pizza, Cinese o Kebab (5) – Alessandro Girola | strategie evolutive

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...