strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Pizza, Cinese o Kebab (4) – Lucia Patrizi

9 commenti

Intervistare un blogger non ha molto senso – dopotutto, per sapere cosa gli piace, cosa gli interessa, come si pone nei confronti dei grandi quesiti dell’universo, basta leggere il suo blog, giusto?

E allora proviamo a fare qualcosa di diverso – proviamo a chiedere ai blogger quelle cose che nessuno gli chiede, quelle cose delle quali non necessariamente parlano sui propri blog.
Proviamo a fare qualcosa di divertente.

Lucia Patrizi ha un blog che si chiama Il Giorno degli Zombi, che si occupa di cinema, prevalentemente horror ma non solo, ed ha pubblicato due ottimi ebook. E non sa cosa l’aspetta…

1 . Ma si scrive “Zombi” o “Zombie”? Che differenza c’è?
Annosa questione, e spinosa quanto quella omerica. Le ipotesi più accreditate dicono che si scriva zombie, mentre zombi è solo l’italianizzazione del termine. I walked with a zombie è stato tradotto in italiano con Ho camminato con uno zombi, mentre Dawn of the Dead (quello di Romero, non la fetida cazzata girata nel 2004), venne portato qui da noi con lo stringatissimo titoli di Zombi. Non che ci interessi granché, però possiamo far passare entrambe le diciture, senza che arrivi qualche purista a farci le pulci.

2 . Qual è il tuo fumetto preferito?
Qui mi cogli impreparata, perché non sono propriamente un’esperta di fumetti. Non ne leggo moltissimi e quindi devo per forza andare su un titolo molto scontato e molto famoso: Watchmen.

3 . Intanto ordiniamoci la cena. Che tipo di pizza preferisci? Oppure ordiniamo un cinese? Un kebab?
Pizza tutta la vita. Il kebab mi piace molto, mentre il cinese non lo digerisco. E vorrei una capricciosa, grazie. Con tanti carciofini.

c43

4 . Germano Hell Greco dice in giro di essere te. Qual’è la tua versione dei fatti?
C’è qualcosa che non torna. Io pensavo di essere Alessandro Girola.

5 . Cos’hai in tasca in questo momento?
Un accendino, un pezzo di cartina per rollare le sigarette, una chiavetta a brugola e 50 centesimi.

6 . Hai frequentemente parlato della tua ammirazione per Virginia Woolf. Ma chi ama l’horror non dovrebbe solo leggere Stephen King?
Infatti io sono un’eretica. Non mi genufletto davanti all’altare dell’Unico e Solo Re della horror fiction e cerco di leggere di tutto.
E gli amanti della narrativa dell’orrore mi guardano come se fossi un marziano sceso cinque secondi fa da un disco volante. C’è un universo intero oltre a King. Basta questa frase per metterli in crisi e farli fuggire tutti terrorizzati.Tra le braccia di IT, solitamente. E io, giuro, contro King non ho niente. L’ho letto con estremo piacere per anni. E a volte riprendo in mano alcuni suoi racconti perché credo che vada fortissimo soprattutto nella narrativa breve. Ma purtroppo qui da noi si ragiona per etichette e compartimenti stagni: non puoi leggere la Woolf se leggi horror. E se leggi horror, devi leggere solo King. Il che abbassa moltissimo il livello della discussione.

20141014_incidente-bicicletta

7 . Secondo tutte le statistiche, l’attività più pericolosa del mondo non è fare lo sminatore in Afghanistan, è spostarsi in bicicletta in un’area urbana. Tu sei una ciclista urbana e sei più che discretamente viva. Come si sopravvive al traffico, andando in bici?
Ci sono due risposte a questa domanda. Una seria e l’altra meno. Ma entrambe sono valide. Dato che quella seria è noiosa e si riferisce principalmente a delle norme di sicurezza da seguire (e vanno seguite davvero, niente idiozie), passo direttamente a quella meno seria. Appellarsi agli Antichi ogni volta che si esce di casa, sperare che vada tutto bene, guardare in cagnesco gli automibilisti e affrontare macchine, motorini e strade piene di buche con una buona dose di fatalismo. Esiste la possibilità concreta di lasciarci le penne. Ma si fanno delle scelte e si può scegliere di restare imbottigliati nel traffico due o tre ore al giorno tutti i giorni, oppure di passare in mezzo alle code di macchine paralizzate volando su due ruote. Io ho fatto questa scelta, non me ne sono pentita mai. E credo che saremo sempre di più a farla.

1328968849mzd8 . Qual è il disco più imbarazzante della tua collezione? (tranquilla, puoi dire che te l’hanno regalato)
Credo di avere ancora da qualche parte una cassetta di Flesh and Blood dei Poison. E no, non me l’hanno regalato. L’ho regolarmente acquistato quando facevo il liceo.

9 . Cosa devo fare per farmi bannare sul tuo blog?
Ho bannato in tutto un paio di persone in quattro anni. Molte che avrei voluto bannare sono semplicemente sparite dalla sezione commenti dopo essere stati ignorati. Per mandarmi su tutte le furie e farmi arrivare a impedirti l’accesso al blog dovresti scrivere un paio di commenti sessisti o razzisti. O assumere quell’atteggiamento a metà tra un amico fidato e uno stalker che mi mette i brividi.

10 . Romanzi di fantascienza con donne indipendenti come protagoniste. Ne hai scritti due. Buttarsi nel traffico con la bici non era abbastanza pericoloso?
Ma no, il traffico di Roma in bici era semplice allenamento. Pamy-little-moray-eelrlavo prima dell’atteggiamento molto fatalista che si sviluppa tramite la consapevolezza di poterci lasciare le penne a ogni incrocio… Ecco, scrivere fantascienza (in uno dei due casi fantahorror) e cercare di usare delle protagonisti femminili con delle caratteristiche diverse dalle “coraggiose e pettorute astronaute” o dalle “timide e bellissime adolescenti con doni speciali” è più o meno la stessa cosa. È rischioso, ma maledettamente divertente. E credo che lo si possa fare solo se si pensa ai propri personaggi non come a delle generiche eroine “forti e coraggiose”, ma a dei personaggi e basta. E che quindi abbiano degli atteggiamenti e compiano delle azioni coerenti con l’idea che ti sei fatto di loro. Tanto per fare un esempio, la Sara di My Little Moray Eel non si metterebbe mai a menar le mani o a sparare in faccia alla gente. Ma questo non fa di lei una debole. O una che ha per forza bisogno di una presenza maschile accanto per definirsi.

11 . È vero che Dio è una donna?
Spero vivamente che non lo sia.

bruce-willis-lastboyscout-ridiclious12 . Die Hard è il miglior film d’azione mai fatto. Vero o falso?
Vero… e anche falso. Nel mio cuore c’è una rissa perenne tra Die Hard e L’Ultimo Boyscout. I due film se le danno di santa ragione e nessuno dei due ha ancora vinto.

13 . Un libro che per quanto ti sia sforzata non sei assolutamente riuscita a finire… ?
L’Ulisse di Joyce. Dopo anni di tentativi, sono arrivata alla conclusione che, chi è riuscito a finirlo, doveva sentirsi profondamente in colpa per qualcosa e punirsi di conseguenza.

14 . Facciamo un discorso da donne: decidi di mollare tutto e fuggire col circo. Ti reinventi come domatrice di leoni, lanciatrice di coltelli o trapezista? O che altro?
Addestratrice di squali in un circo acquatico. Entrerei in una grande vasca vestita da sirena e nuoterei coi pescecani per la gioia del pubblico pagante. Già immagino il mio costume. Tutto pieno di strass e lustrini.

15 . Mi consigli una buona serie televisiva?
Sons of Anarchy: gang di motociclisti trafficanti di armi capitanata da Ron Perlman. Un campionario di facce da galera che sfiora il sublime e una donna a tirare le fila del tutto.

16 . Di solito a questo punto facciamo vedere al mondo lo sfondo del tuo desktop.

11159414_805510559543185_40179603_o

17 . OK, facciamoci degli amici – Roma sarebbe splendida se solo…
Non ci fossero i romani?
No, articoliamo un minimo. Roma è uno splendido e invivibile inferno. È una città spietata e cattiva. La sua bellezza, che c’è, è palese e non è necessario neanche sottolinearla, ormai è quasi solo uno specchietto per le allodole. Perché la situazione diventa ogni giorno più insostenibile. Quindi sarebbe splendida se solo i suoi cittadini la considerassero uno spazio pubblico e non il loro personale territorio di caccia. Di questo passo, diventerà un deserto apocalittico alla Mad Max nel giro di cinque anni.

18 . Faranno un film sulla mia vita. Chi interpreterà la tua parte? E chi lo dirige?
Rhona Mitra, per forza. E lo dirige Spielberg, così ci piazziamo un lieto fine1. Ho tanto bisogno di un po’ di sano stuporismo imperialista.

Steven-Spielberg-Jurassic-Park_opt-e1405115890100

19 . La domanda finale: hai mentito durante questa intervista?
No. Dire la verità è stato più divertente.

20 . GUEST QUESTION: Alessandro Girola di Plutonia Experiment vorrebbe sapere…

Quali sono i tre autori horror della generazione precedente alla nostra (anni ’80 o giù di lì) che ti sentiresti di consigliare a chi sembra avere la fissa soltanto per il pur lodevole Stephen King?

Vado oltre e ti dico tre autori e rispettivi romanzi: Dan Simmons con Il Canto di Kali, Robert McCammon con Swan Song (che da noi, in virtù del consiglio dei malvagi titolisti italiani, si chiama Tenebre) e per finire Joyce Carol Oates con Acqua Nera. Ok sì, sulla Oates ho barato un pochino. Ma leggete Acqua Nera e poi fatemi sapere.


  1. far girare un film a Spielberg sulla vita di un paleontologo? 

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

9 thoughts on “Pizza, Cinese o Kebab (4) – Lucia Patrizi

  1. Io lo Ulysses di Joyce l’ ho letto due volte…

  2. Su zombie e zombi ho raggiunto la pace dei sensi, lo scrivo a targhe alterne. Lo faccio anche come atto di carità per quelli che, se non hanno qualcuno da correggere, poi stanno male. E sono convinto che Lucia, Alessandro e Germano siano una Trinità. Posso suonare i vostri campanelli la domenica mattina per dimostrarvelo.

  3. Abbiamo gli stessi gusti sui romanzi non-Kinghiani , non so se devo cominciare a preoccuparmi io oppure se devi farlo tu … ahaiahaiaha ….

  4. Pingback: Pizza, Cinese o Kebab (5) – Alessandro Girola | strategie evolutive

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...