strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

La vendetta degli spiriti

16 commenti

OK, la notte scorsa ho sentito – beh, ok, ho letto – una cosa molto stupida.
Succede, direte voi.
OK, è vero, succede.
Ma si tratta di una cosa stupida e dolorosa, e profondamente odiosa e… bah, non mi va di stare zitto, tutto qui.

Vedete, ho sentito affermare che il terremoto che ha investito il Nepal, spianato ampi tratti di Kathmandu, e ucciso centinaia di persone, lasciandone migliaia nella disperazione…
Beh, ho sentito dire che si è trattato di Madre Terra che intendeva punire i nepalesi, colpevoli di praticare l’uccisione rituale di animali durante un loro festival.

mother_nature_by_alicechan-d6f8z2t

Come dicevo, su una cosa del genere non mi va di star zitto.
So che non è proprio una cosa interessantissima, quindi nel caso potete evitare di andare avanti a leggere.
Ci sono un sacco di altri blog che parlano di cose più divertenti.
In caso contrario…

India_71-0_MaCominciamo con un po’ di dati oggettivi.
Un tempo, fra l’India e la placca continentale eurasiatica, esisteva un oceano, che si chiamava Tetide.
Io lo so – non lo credo o lo presumo… lo so.
Ho toccato ciò che resta del fondale della Tetide, ed ho studiato gli animali che ci vivevano.
Poi, circa 50 milioni di anni or sono, in seguito ad una dinamica crostale la cui realtà, ancora una volta, non è frutto di illazioni o visioni mistiche, ma di dati sperimentali, l’India andò ad incunearsi contro l’Eurasia, spingendo i sedimenti marini e le rocce, generando la catena Himalayana – un po’ come un bulldozer che accumuli detriti contro un dosso.
Una specie di complicato, enorme rompicapo tridimensionale.
E da cinquanta milioni di anni, l’India continua a spingere, e la grande pila di rocce accatastatesi a formare l’Himalaya continua ad assestarsi.
Ed i terremoti capitano.
Piuttosto spesso.

Gli spiriti non c’entrano.

Presumere che gli effetti di un processo che si è innescato svariate decine di milioni di anni or sono, e che è tutt’ora in atto, in risposta a flussi di energia attraverso milioni di chilometri cubi di roccia, possa in qualche modo essere l’espressione di una ipotetica entità mistica irritata per un rituale che viene compiuto da una piccola percentuale della popolazione umana in un’area estremamente limitata del pianeta, e da secoli, è una immane sciocchezza.
È idiota.

E non importa che si invochi uno spirito sovrannaturale di tipo animistico o una presunta coscienza planetaria “alla maniera di Gaia” (che significa semplicemente non aver capito le teorie di James Lovelock).
È idiota.

Perché – al di là del dato oggettivo relativo alla dinamica della crosta terrestre – il bello è proprio questo: che i presunti crimini dei nepalesi, o sono insignificanti se rapportati alla scala spaziale e temporale del pianeta (una manciata di persone, per pochi secoli, in pochi chilometri quadrati), oppure sono colossali (una intera popolazione, tutta una nazione, per centinaia d’anni) se valutati su una scala strettamente umana.
Father-Time-is-a-BastardE valutare eventi a scala geologica sulla base di eventi a scala umana causa dei curiosi paradossi: a seconda di come la guardate, la vendetta di Madre Terra appare o come un gesto futile e stupido – come usare una bomba atomica per eliminare un formicaio – o come un atto tardivo e demente – perché aspettare così a lungo, permettendo secoli di scempio? E perché poi intervenire con un gesto che ha certamente accoppato tanto gli esseri umani quanto le bestie, tanto i colpevoli quanto gli innocenti?

Insomma – siamo alle solite.
Quando si tratta di punire i nostri peccati, le nostre divinità si dimostrano sempre stranamente capricciose, inefficienti, imprecise e grossolane, crudeli più di coloro che vogliono punire, e in generale estremamente stupide.

730134ACropCopyrightPerò un attimo.
Se il ragionamento della Madre Terra incacchiata che per punire i Nepalesi fa una strage all’ingrosso me lo facesse un cacciatore di teste del Borneo, con la sua lancia e il suo astuccio penico, il copricapo con le penne e i tatuaggi rituali, ok, potrei accettarlo. Dopotutto, appartiene a una cultura neolitica, per lui Madre Terra è molto più reale e comprensibile della tettonica a placche.
Oltretutto, il primitivo neolitico sarebbe il primo ad ammettere che sì, in effetti gli spiriti sono incomprensibili, capricciosi e vagamente bastardi. E di solito sparano nel mucchio.

78486334Il fatto però che questo ragionamento venga espresso da una persona appartenente alla civiltà occidentale, e che venga espresso attraverso internet, no, proprio non funziona.
Non si tratta più di sano e onesto spirito primitivo, ma di ignoranza e stupidità.
E di una insensibilità agghiacciante, una totale mancanza di empatia.
È il classico atteggiamento di chi nega il progresso mentre gode dei frutti del progresso.
È idiota, oltre che ipocrita.
E badate, essere ignoranti, qui ed ora, è una scelta – ed è una scelta che ha delle conseguenze, non solo per chi la compie, ma anche per tutta la società.
E lo strumento che permette di divulgare questi deliri sulla furia omicida di una presunta entità spirituale estremamente stupida e inefficiente, permetterebbe a chi sostiene tale teoria di verificare i dati, di informarsi, di sapere.
Di vedere.
Non solo di scoprire l’agghiacciante carico di disperazione che un evento come il terremoto del Nepal ha prodotto.
Ma di informarsi sulle dinamiche del nostro pianeta, e sulla orrida, beffarda casualità alla mercé della quale tutti noi ci troviamo.
Sull’assenza di spiriti e anime che muovano i continenti con furia vendicatrice.

Ma naturalmente, chiunque, seduto al proprio computer, santimoniosamente invochi la vendetta degli spiriti sui malvagi nepalesi1, è tanto impervio al dolore altrui quanto impermeabile alla verità scientifica.
Come la maggior parte degli idioti, direte voi.
Sì.

Siamo responsabili per il pianeta?
Certamente, entro i nostri limiti e le nostre possibilità.
Le nostre azioni hanno delle conseguenze globali?
Non possiamo negarlo2.
Il nostro pianeta è un sistema complesso e interconnesso?
Ne abbiamo le prove, ed una rudimentale conoscenza – e stiamo lavorando per ampliarla, questa conoscenza.
E intanto cerchiamo di aiutarci vicendevolmente, e di spingere indietro le tenebre nelle quali si nascondono quegli spiriti che terrorizzavano i nostri antenati neolitici, e che non esistono.

Gli spiriti vendicatori sono una cosa che abbiamo lasciato nel nostro passato.
Sono affascinanti, forse, e romantici.
Ma sono belle storie, sogni colorati.
In Nepal sono morte delle persone.
Invocare la furia degli spiriti attraverso la tastiera di un computer è da imbecilli.

Perché in verità non ci sono tenebre, ma solo ignoranza.


  1. o su chiunque altro – mai sentito parlare di epidemie inflitte a tutto il genere umano per punire le scelte sessuali di una parte della popolazione? 
  2. inclusa l’azione di sparare idiozie new age mentre ci sono ancora i cadaveri da seppellire. 

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

16 thoughts on “La vendetta degli spiriti

  1. Condivido ogni virgola. Senza considerare che magari sono gli stessi che, quando un terremoto o una frana nel nostro cattolicissimo e altamente sismico Paese (già due dati che messi insieme dovrebbero far riflettere chi crede ai terremoti a propulsione spirituale) colpisce duro è una tragedia, una disgrazie che si abbatte su migliaia di innocenti e gli scienziati cattivi che non l’hanno previsto pur con tutta la loro scienza!

  2. Scusa la scarsa grammatica del commento precedente. L’ho scritto di getto^^’

  3. Ok ho finito di leggere il post e mi ci sono voluti cinque minuti per riprendermi.
    Non riesco a credere nè a immaginare una simile idiozia: un tizio seduto al PC che scrive una cosa simile quando basterebbe un click per “cambiare canale” e studiare un pochino cos’è un terremoto.
    E sì che di fantasia ne ho molta.
    Ottimo post!
    Hai fatto bene a non restartene zitto, non si può davvero restare indifferenti a tanta stupidità.
    Toglimi una curiosità (se puoi), era in inglese la considerazione sugli spiriti?
    Che ovviamente non vuol dire che il tipo fosse necessariamente inglese o americano, intendiamoci.

    (Si dice il peccato ma non il peccatore…però almeno la lingua me la puoi svelare 😛 )

  4. Essendo chiamata in causa, si che i miei figli scrivono qualcosa che viene usata per giustificare il proprio astio. In twitter ho letto cose esplicite e gravi, altrove quesiti colpevolmente fraintesi.
    Così come non sempre un aspetto profondamente sgradevole é sinonimo di scarsa cultura o intelligenza, anzi, spesso prima di dare dell’idiota ad un’innocente bisognerebbe capirne le reali, buone intenzioni.

    • Non vedo le possibili buone intenzioni nell’ipotizzare che la morte di alcune migliaia di persone – adulti e bambini, uomini e donne – sia stata la conseguenza delle decisioni alimentari o religiose di alcuni di loro.
      Quali buone intenzioni?

  5. Ps complimenti per il sito: veramente colto e intelligente. Chapeau.🙂

  6. È sempre facile, far parlare gli “spiriti” quando si vuole attaccare qualcuno – che il motivo sia valido o meno. Se la natura dovesse punire ogni essere umano che fa qualcosa di sbagliato secondo un qualunque sistema di valori arbitrario, questo mondo sarebbe coperto della cenere di parecchia gente da sempre.

  7. Per certi soggetti, io introdurrei il reato di simulazione di Homo sapiens. Questo animismo 2.0 poi fa orrore, però forse è coerentemente tribale nel senso che “il mio dio ti spezzerà le reni perché il tuo è debole” eccetera. Altro che pace interiore, amore e cuccioli.

  8. Non posso che concordare, anche sull’ultima risposta… E mi piace “il reato di simulazione di Homo sapiens”. Non l’avevo ancora sentita. Temo che sia anche troppo diffuso….

  9. Capisci perchè ognitanto mi ritrovo a tifare l’estinzione?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...