strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il ritorno di Kate Ferrers

1 Commento

Lady Katherine Ferrers

Lady Katherine Ferrers (Photo credit: Wikipedia)

Ho parlato di lady Katherine Ferrers in passato.
Nota come The Wicked Lady, la povera Kate è all’origine di una delle più persistenti leggende d’Inghiterra, ha dato origine a un buon numero di romanzi e drammi teatrali, e due film, uno pessimo ed uno straordinario.
Anche del film ho parlato in passato.

In due parole, la Ferrers, nobildonna inglese impoverita dalla Guerra Civile, si diede al banditismo sulla pubblica via, fno a che una pallottola non mise fine alle sue imprese notturne.
da sempre è aperto il dibattito – lo faceva per soldi, per il sapore dell’avventura, per personale perversità e depravazione?

Il film con Margaret Lockwood, così come il romanzo da cui era tratto – The Life and Death of the Wicked Lady Skelton di Magdalen King-Hall – propendevano per quest’ultima ipotesi.

24485876Il recentissimo The Silvered Heart, di Katherine Clements, sottoscrive invece la prima ipotesi – che la Ferrers, frustrata dalla propria condizione economica e sociale, avesse deciso di darsi alla rapina delle diligenze come metodo per pagare i debiti contratti dal patrigno prima e dal marito successivamente.

The Silvered Heart è un romanzo storico in forma quasi diaristica – gli eventi ci vengono narrati dalla stessa Katherine Ferrers, che ha visto la propria famiglia annientata dalla Guerra Civile e successivamente ha assistito impotente alla dilapidazione del suo parimonio.
Pur avendo a disposizione un personaggio iconico – The Wicked Lady, che diamine! – la Clemens si trattiene dal compacere certe aspettative del pubblico, e la storia della povera Kate non risulta affatto wicked.
Kate perde i propri fratelli per via della guerra.
Perde la propria libertà venendo data in moglie ad un cugino imbelle e grossolano.
Perde le proprie – già scarse – ricchezze dopo la decapitazione di Re Carlo e le requisizioni.
Perde la casa nel momento in cui il marito si avvale dei propri diritti per fare cassa e tentare di salvare le proprietà della propria famiglia.

Il processo di annientamento della protagonista è lento e mostrato in maniera stranamente spassionata attraverso le parole della stessa Kate, alla quale infine l’idea di rapinare chi si è appropriato di ciò che le spetta – o che lei ritiene le spetti – giunge quasi come un logico sviluppo della sua condizione corrente.

Scritto in maniera ingannevolmente piana – con qua e là qualche termine desueto, ma poco più – The Silvered Heart è un buon romanzo storico che non calca la mano con intenti “didattici” o lunghe digressioni.
Gli eventi storici avvengono fuori scena, ineluttabili e distanti, e noi ne osserviamo solo i riflessi nella quotidianità dei protagonisti e nella loro psicologia.

Certo, il gusto del peccato delle vecchie storie era un’altra cosa.
Ma The Silvered Heart resta una lettur piacevole per un weekend di primavera.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

One thought on “Il ritorno di Kate Ferrers

  1. Può essere un interessante punto di vista sulla figura storica, ma personalmente preferisco la leggenda. Lascia più libero spazio all’interpretazione dei fatti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...