strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il Fantasma di Baker Street

4 commenti

cover72774-mediumNel 1932, il canadese Singleton e l’americano Trelawney, non avendo battuto chiodo come investigatori negli USA, si trasferiscono a Londra.
E dopo sei mesi a girarsi i pollici, arriva finalmente il primo lavoro per i due giovani di belle speranze.
Il cliente è nientemeno che Lady Conan Doyle, vedova dell’autore di Sherlock Holmes.
L’oggetto dell’indagine, la strana infestazione del 221b di Baker Street.
Intanto, un misterioso serial killer scatena la propria furia omicida nell’East End.

Da qui, le cose si fanno molto più strane.

The Baker Street Phantom è il romanzo di esordio del francese Fabrice Bourland, un giornalista e scrittore con una dichiarata passione per Edgar Allan Poe.
E c’è, nel narratore della storia – l’ipersensibile Singleton – una grande voglia di Auguste Dupin. Lo stesso Singleton lo ammette – gli piacerebbe, essere come Dupin.
E se James Trelawney ha da parte sua una vera e propria idolatria per Holmes, nei suoi modi e nel suo stile investigativo sono più facilmente riconoscibili le influenze di Nick Carter, o forse di Doc Savage.

The Baker Street Phantom è un gioco metaletterario, che mescola la biografia di Arthur Conan Doyle con i suoi scritti, e gioca su una quantità di reali coincidenze per costruire una trama lieve come una meringa, e altrettanto piacevole.

Il finale, è vero, è forse un po’ affrettato – ma la promessa di nuove avventure di Singleton & Trelawney è sufficiente a tamponare la delusione.

Divertente, colto, letterario, assolutamente implausibile, The Baker Street Phantom è un fantasy camuffato da poliziesco, con una strizzata d’occhio agli horror classici della Universal, e funziona benissimo.
Si legge in un paio di sere, e lascia la voglia di averne ancora.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

4 thoughts on “Il Fantasma di Baker Street

  1. Come già sai, me l’hai venduto solo esponendo la copertina.😀
    Inizierò tra oggi e domani, appena avrò chiuso un altro simpatico giallo di Dale Furutani, un nippo-americano di grande spirito. Intanto ho adocchiato anche il secondo capitolo della serie, già uscito anche in inglese…il prezzo degli ebook tra l’altro è ragionevolissimo…
    Ci piace sto francese!😉

  2. Mi sembra di capire che – anche in origine – i libri non siano in Francese, bensì in inglese, vero?
    Sembra divertente, come dici tu..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...