strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Ittiti, Egizi, Antichi Romani

9 commenti

11111482_1379364885723491_1250432343_nAh!
E io che speravo di chiudere l’anno con un po’ di filmati, magari un paio di recensioni, e poi un post di auguri.
E invece… pork chop express.

Ieri sera, durante una trasmissione televisiva, un gentiluomo la cui identità mi era finora ignota, e che si è presentato come “quello che è stato chiamato per difendere i ricchi”, mi ha detto… beh, ok, lo ha detto a tutti noi, in effetti, che i ricchi sono ricchi perché lavorano di più.

Un’idea che era stata espressa a suo tempo da Ronald Reagan, e successivamente ripresa da George Bush Jr.
Se i poveri non volessero essere poveri, lavorerebbero di più.

Il gentiluomo in questione ha proseguito la sua arringa citando la caduta dell’impero ittita, il crollo dell’Egitto dei faraoni e il collasso dell’impero Romano come dovuti ad una eccessiva tassazione delle classi più abbienti.

E a chiosa di tutto ciò, ci ha tenuto a far notare che chi possiede una cultura, come lui, in certi casi deve mostrarla.

Ecco, no.

Sorvoliamo sulle posizioni reaganiane – sono un paleontologo, posso capire che i dinosauri parlino solo di dinosauri.

Sorvoliamo sul regime fiscale degli ittiti, egizi e antichi romani – diciamo semplicemente che la questione era leggermente più complicata di così.

Il fatto veramente grave è che le persone di cultura non si presentano con

Ciao, io possiedo una cultura…

È di cattivo gusto, è ineducato e volgare, è falso – sia nel senso di lontano dal vero, che nel senso di fasullo.
È l’atroce autodifesa dell’arricchito che, avendo da mostrare al mondo solo i propri soldi1, si sente inferiore e cerca di attribuirsi competenze che non possiede, autocertificandosi.

Una agghiacciante, grottesca macchietta.
Ci mancava solo

Perché signori si nasce! E io lo nacqui, modestamente!

Ma quello era il Principe Antonio De Curtis, non un palazzinaro.
I palazzinari si limitano a possedere una cultura.
E si potrebbe persino discutere sul fatto che la cultura non la si possiede, al limite se ne è posseduti.
Ma sarebbe forse una cosa troppo sottile per certi personaggi.

Di sicuro, il ricco contento2 di ieri sera, che nel citare gente che ha lavorato duro cita Steve Jobs e Guglielmo Marconi, mi ha confermato che la vanzinizzazione del paese è completa.
Personaggi che erano macchiette nei film con Jerry Calà sono diventati opinionisti e teorici dell’economia.
E possiedono una cultura.

Alla faccia degli ittiti.

Ci hanno persinmo scritto una canzone, su quelli così, e sui danni che hanno fatto.
No, non gli antichi romani…


  1. e che male ci sarebbe in ciò? Dopotutto, ha lavorato di più, questo va solo a suo merito, no? 
  2. ma neanche troppoi contento, perché lo stato sta tartassando lui come tartassava gli antichi egizi. Che cosa orribile dev’essere, avere un sacco di soldi e vivere con la rabbia per come il Faraone ce li voglia portar via… 

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

9 thoughts on “Ittiti, Egizi, Antichi Romani

  1. Il problema è nel guardare la televisione, magari quella italiana in particolare. Non vivendo più in Italia non mi capita spesso, ma quando capita mi sembra che la programmazione sia sempre più diretta versa uno spettatore distratto, che non ha interesse nell’imparare ma più nell’ammazzare il tempo senza impegno. E quando si cerca di fare “cultura” o “informazione” lo si fa in modo sensazionalistico senza preoccuparsi di usare un po’ di rigore o etica (Una delle poche mosche bianche ad andare controcorrente ha compiuto 87 anni l’altro giorno).

    Per cui si chiamano i palazzinari a parlare, che costano poco e fanno sempre ridere.

  2. bella anche l’idea per cui serva quantitativamente lavorare di più, non lavorare meglio.
    un po’ come quando a me dissero che mi pagano per venire a lavoro, il giorno che accennai a lavorare da casa almeno mezza giornata.

  3. In un momento in cui il lavoro e’ umiliato come non mai in favore del capitale e del merito relazionale mi domando come fanno certi accrocchi ad essere ancora in giro.
    Quando un paese come l’Italia si permette di definire una disoccupazione naturale (11,4 % il jobs act e’ solo uno strumento di deflazione salariale, cioe’ serve solo a tagliare gli stipendi) dimenticandosi che e’ fondata sul lavoro per perseguire un idiota surplus primario che ha come unico fine la difesa del capitale e della finanza, la supponente ignoranza di tale cialtrone e’ criminale.
    Quando un partito politico afferma che siccome il lavoro e’ sempre meno e cio’ che conta e’ il reddito e per questo e’ necessario attivare un reddito di cittadinanza, significa che il lavoro in se’ non e’ piu’ un ascensore sociale, significa che chi e’ ricco rimane ricco perche’ e’ ricco.
    Su carissimi choosy e bamboccioni, non e’ l’unico e non sara’ l’ultimo a dircelo a meno che non incominciamo ad incazzarci veramente.

  4. Mi piace essere smentito, vedere le mie certezze rimesse in discussione da un intervento acuto e spiazzante. Sono occasioni di crescita. Tuttavia, essere smentito sul fatto che abbiamo toccato il fondo da episodi come quello che hai descritto, e vedere che continuiamo a cadere, fa male.

  5. Davide, da proletario partenopeo sveglio da – al momento – quattordici ore, ancora in giro per compere, e che domani dovrà alzarsi di nuovo alle quattro, vorrei dedicare a questo specchio di cultura una e una sola parola:
    Mamm’t.

    Auguri.

  6. Nome trasmissione e nome personaggio? Sai com’é vorrei elevarmi culturalmente🙂 ehi buon anno!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...