strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

A cosa serve?

14 commenti

English: Homemade Piedmont's Agnolotti Italian...È inutile, questo 2015 non vuole lasciarmi andare.

E io che volevo stare qui a riposare e lasciare il blog a basso regime mi ritrovo di nuovo… ah!

Agnolotti.
Ero in coda in un negozio, a Nizza Monferrato, la mattina del 23, per comprare gli agnolotti per il pranzo di Natale.

In coda davanti a me c’è una signora elegante, sulla quarantina, lussuosamente impellicciata.
Mentre la commessa le impacchetta gli agnolotti (inutile negare, siamo tutti lì per lo stesso motivo), la signora sfoga la propria stizza.

Ha dovuto comprare, ieri, un libro per suo figlio. Il ragazzino fa la prima liceo, e come compito per le vacanze natalizie gli è stato assegnato un libro da leggere e sul quale fare poi un riassunto o tesina.

Ma come? E non bastano tutti i libri che gli hanno fatto leggere alle medie? Ora pure al liceo, gli tocca leggere dei libri?
Che poi, a cosa serve leggere dei libri?

Già.
A cosa serve?

wpid-Photo-Oct-27-2013-420-PMForse, ho pensato, serve a fare in modo che, quando un bancario truffaldino ti offre dei titoli tossici garantendoti che sono un eccellente investimento, soldi sicuri… ecco, forse, in quel momento, aver letto un paio di libri ti porta a farti delle domande, magari a leggere il contratto prima di firmarlo.
Forse.

O più semplicemente, leggere dei libri ti aiuta a mettere assieme una buona lettera di presentazione per cercare un lavoro.

O ancora più semplicemente ti aiuta a capire che c’è una vita, là fuori, oltre gli agnolotti del giorno di Natale.

O a capire che non tutto serve un fine preciso e definito e chiaro e ben impacchettato – ma è indispensabile per vivere.

Ho pensato, il giorno di Natale, a quel ragazzino, alla casa desolata nella quale si ritrova a leggere il suo libro, circondato da persone grette e ignoranti che francamente non capiscono a cosa possa servire.
Ma chissà, forse c’è ancora speranza per lui – forse non lo ha letto, forse ha solo copiato il riassunto da Wikipedia.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

14 thoughts on “A cosa serve?

  1. Non mi sprecherò in j’accuse o improperi. Quella signora sembra appartenere alla ben poco illuminata borghesia che ha contribuito, sta contribuendo e probabilmente contribuirà ancora per un po’ al declino e forse alla decaduta del nostro paese. La mia speranza ormai non è più la “salvezza”. Lo dico con serenità. Mi auguro soltanto più che dalle ceneri possa crescere qualcosa di nuovo e un po’ più decente. Di sicuro diverso.

  2. Ma, scusa… Paris Hilton non ha detto che pensare fa venire le zampe di gallina sul contorno occhi?

    Concordo con te sul ragazzino che “non legge il libro, aspetta il film”. Dal poco che si desume dal mammifero bipede che l’ha messo al mondo, se il figlio avesse letto qualcosa probabilmente l’avrebbe bollato (con una certa ansia da pubblica approvazione) come uno che ha sempre la testa fra le nuvole.

  3. In queste occasioni, mi viene sempre in mente Pasolini quando scrisse che voleva chiudere le scuole medie inferiori perche’ fanno crescere il supponente ignorante. Supponente perche’ crede di sapere abbastanza ed ignorante perche’ la cultura non si costruisce se non in una vita intera.
    Certo bisognerebbe guardare a cosa si legge: francamente di comprensione del mondo un fabio volo o un michele serra me ne danno ben poca: e’ gente che accarezza con le loro tautologie il lettore empirico quello che non cerca di comprendere cosa sta dicendo l’autore ma quello che ha nella propria mente il lettore, il piu’ delle volte segatura.
    D’altra parte, il questo nostro buon paese succede sempre che l’ignorante, il bifolco, il burino ripulito come si dice da noi vince sempre ed umilia l’educazione e l’istruzione.
    Quanto alla borghesia: far crescere una classe media e’ un fattore di instabilita’ sociale perche’ i poveri lavorano tutto il giorno ed hanno ben poco tempo, i ricchi si godono la loro rendita ed i borghesi pur lavorando hanno tempo per pensare e preoccuparsi del futuro.
    E’ il motivo principale del fatto che la classe media sta scomparendo, schiacciata sempre piu’ verso il basso.

  4. Ogni tanto mi chiedo perché non commento più spesso qua, e quando lo faccio è spesso su post vecchi, vabbè.

    In ogni caso, giusto ieri ho avuto un’esperienza simile.

    Libreria. Sono entrato per curiosare e vedere se c’è qualcosa che vale la pena comprare per spendere qualcosa guadagnato presenziando alle cene di famiglia di queste feste.

    Donna sulla quarantina, probabilmente più verso i 50 che altro: “Maria mi ha chiesto se per il suo compleanno le potevo prendere un libro. Ma non le bastava quello che le avevamo già regalato per Natale? Poi NE HA GIA’ COSI’ TANTI, cosa ne chiede altri a fare?”

    Mi sono dovuto sforzare per non fissarla malissimo.

    • Negli ormai lontani anni ’70, Quino fece una striscia di Mafalda in cui alla frase “A mio pafdre ho regalato un libro”, l’amico Manolito rispondeva “Come se io non sapessi che ne aveva già uno!”
      Era umorismo, ora è tragica realtà.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...