strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

The Builders – breve e fulminante

15 commenti

Daniel Polansky - The BuildersUn annetto addietro la Tor, nel bene e nel male la principale casa editrice di narrativa fantastica sul pianeta, annunciò il lancio, attraverso il suo imprint Tor.com, di una collana di novelle – che sarebbero state rese disponibili sia in formato cartaceo che in formato digitale.
Storie autoconclusive di 100/150 pagine – fantascienza e fantasy, prevalentemente.
Una scelta logica – il formato digitale ha certamente liberato autori, lettori ed editori dalla tirannia della lunghezza minima necessaria per garantire un prezzo tale da coprire le spese di stampa e stoccaggio.
Ora possiamo scrivere storie lunghe quello che ci pare – lunghe il giusto, senza la necessità di tagliare o rimpolpare artificialmente.
E il pubblico pare apprezzare le letture più agili, quando sono di qualità.

The Builders, di Daniel Polansky, è stato uno dei primi titoli della serie, ed è il primo che io abbia letto.
E ne sono rimasto decisamente impressionato – questo è un racconto di qualità.

Buildersfinal1aLa trama di The Builders ruba a piene mani da un immaginario condiviso che rende al contempo familiare e inaspettato lo sviluppo.
C’è un debito verso Chushingura, con i guerrieri sconfitti che pianificano per anni la propria vendetta, c’è I Sette Samurai/I Magnifici Sette nel lento (ma divertentissimo) proceso di assemblaggio della squadra di eroi. Ci sono film come Ocean’s Eleven per la struttura narrativa.
C’è lo stile decisamente disincantato e cinico del western alla maniera di Sergio Leone, dai quali viene anche in parte “soffiata” l’ambientazione.
C’è una storia dura 1 di rivalsa e di confronto contro un nemico spietato.

tumblr_nqepdoLQKm1qj49x5o1_500Che Polansky riesca a fare tutto questo, coinvolgendo il lettore, usando degli animalini pelosi è una assoluta meraviglia.
Perché il twist di The Builders è poi questo – tutto il cast è composto di animali, prevalentemente roditori e mustelidi. Siamo nel territorio di Brian Jacques o di Kenneth Grahame, ma lontani anni luce dal buonismo sospetto de La Collina dei Conigli.
Se un antenato diretto bisogna cercare per questa storia, è probabilmente Mrs. Frisby and the Rats of NIMH, di Robert C. O’Brien.
Ma quello era un libro per bambini, questo no.

Il romanzo breve (perché quello è) di Polansky si legge velocemente ed è perfettamente equilibrato. Più lungo, probabilmente scricchiolerebbe sotto al proprio peso, più breve (per stare in una rivista) perderebbe potenza.
Resta però il desiderio di leggere altre storie ambientate nello stesso universo, e magari reincontrare il Capitano e la sua strana banda di avventurieri.


  1. ma per favore, non tiriamo di nuovo fuori il Grimdark, non è il caso. 

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

15 thoughts on “The Builders – breve e fulminante

  1. Hai citato Brisby e il segreto del NIMH. *_*
    Ecco, lo sapevo, mi hai venduto pure questo.😀 Comunque io ricordo che da bambino quel film mi piacque da impazzire, anche se mi spaventò moltissimo… Oh, i gufi e alcuni altri pezzi sono inquietanti!

  2. io leggo cast composto da animali e penso immediatamente a albert of adelaide, per cui non finirò mai di ringraziarti. anche al macacco col sigaro, ma lui resta un one-monkey-band e da come l’hai messa sembra avvicinarsi più al primo caso. e vista la quantità di topi che si vedono nel post, anche al buon mouse guard. non so se e come si avvicini a qualcosa di questo genere, ma se vuoi vendermi qualcosa “animali antropomorfi” è un ottimo inizio per riuscirci.

  3. Le prime pagine promettono bene

  4. Interessante. Lo metto nella mia (lunga) lista di future letture. Non ho mai letto il libro dei ratti di Nihm, ma vidi l’ottimo cartone di Bluth anni fa.

  5. Aspetto il post… a me il film era piaciuto molto. Ciao!

  6. Perché parli di “buonismo sospetto” riferendoti alla collina dei conigli?

  7. Allora mi piacerebbe leggere una tua recensione in proposito, un giorno🙂. A me il libro piacque, e in alcuni punti l’ho trovato anche inquietante, considerando che (credo) si trattava di un libro destinato a un pubblico preadolescente. La parte nella conigliera del profeta impazzito, quella in cui i conigli sapevano di esser destinati alla cattura da parte degli umani, era per me MOLTO inquietante. E il generale Vulneraria non era affatto male, come cattivo militarista deciso a sovvertire la natura dei conigli per trasformarli in veri combattenti. I riferimenti alla sofferenza come redenzione me li ricordo, anche perché Quintino (mi pare fosse lui il “sensitivo” del gruppo) è praticamente un intermediario col mondo spirituale, una sorta di Mosè che deve portarli alla terra promessa. Le analogie bibliche si sprecano. Ma del buonismo vero e proprio…uhm, quello non me lo ricordo. Certo, poi dipende da cosa si intenda per buonismo!

    • Dovrei riprenderlo in mano e rileggerlo, perché recensire a freddo un libroletto trentacinque anni or sono non sarebbe molto sensato… ma francamente la voglia di rileggerlo scarseggia – ho una pila alta cos di cose nuove che hanno la precedenza🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...