strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Non una voce autorevole

7 commenti

Ieri si parlava, durante l’ora d’aria, qui nel Blocco C, dell’ennesimoi blogger da mezza tacca che ha postato un’accozzaglia indicibile di stupidaggini, autoproclamando al contempo il proprio status di

voce autorevole

E tutti ad applaudire.

4-1308687-cheering-crowd-silhouettes-2-e1384277335326

Non è una cosa limitata alla rete, naturalmente. Ci sono un sacco, ma veramente un sacco di beoti, là fuori, che si ostinano a ripetere

chiunque ha il diritto di esprimere la propria opinione

scordandosi – e noi che siamo cattivi siamo certi che sia per malizia – di aggiungerci

informata

Che non è una parolina da nulla.
Perché nessuno ha il diritto di sparare idiozie attribuendosi una autorevolezza che non possiede. Ne ha parlato, giù nel braccio femminile, Kara Lafayette (mi dicono che potrebbe non essere il suo vero nome), in un suo post di ieri che vi invito a leggere.
Fatto?
Bene, proseguiamo…

Una delle cose più fastidiose in assoluto, per chiunque abbia fatto un po’ più di un giro dell’isolato nella vita, è come questi strenui difensori del primato dell’opinione qualunque stiano attivamente lavorando contro l’autorevolezza che sostengono di rapprersentare e di difendere. Perché se qualunque opinione, anche la più orripilantemente cretina, ha pari dignità rispetto a tutte le altre, allora l’autorevolezza è nulla.

Ma ormai, come osservava con la sua abituale acutezza Neil Hannon1, alcuni anni or sono

Fate doesn’t hang on a wrong or right choice
Fortune depends on the tone of your voice

L’importante è suonare bene – avere il tono scanzonato e un po’ paraculo che piace ai giovani, essere simpatici a oltranza, non rischiare mai di offrire al pubblico qualcosa che il pubblico non conosca già, assicurarsi di essere sempre non una fonte di spunti, m di conferme – a costo di confermare l’ignoranza di chi ci legge.
Così nessuno ne esce traumatizzato, tutti sono felici.

E il pubblico gradisce certe scelte.
I paraculi vincono.
Ne abbiamo avuta la dimostrazione poche settimane or sono – quando il pubblico si è levato in difesa di un individuo mediocre che plagiava scopertamente i contenuti di un popolare blog di cinema… sì, i commentatori – che frequentavano regolarmente entrambi i blog, e quindi non potevano non aver notato il plagio – si sono schierati con il plagiaro anziché con la vittima, perché il plagiaro è, a quanto pare, più simpatico2.
L’autrice del blog saccheggiato è stata accusata di “turbare l’armonia”.
E tutti ad applaudire.

4-1308687-cheering-crowd-silhouettes-2-e1384277335326

Alla luce di questo stato di cose, noi cosa facciamo?
Chiudiamo tutto e ce ne andiamo?
Ci abbandoniamo ai deliri visti negli anni passati, di blogger che pretendevano una bibliografia ragionata da parte dei loro commentatori?
Compiliamo delle liste di proscrizione – i buoni e i cattivi?
Siete davvero così abissalmente stupidi da aver bisogno che io – o chiunque altro – vi dia una lista di chi vi sta scopertamente pigliando per il culo?
Perché se siete così stupidi, darvi la lista non servirebbe .

L’unica strategia, a mio parere e viste le esperienze precedenti, che chi gestisce un blog al meglio delle proprie limitate capacità può mettere in atto è… beh, gestire un blog al meglio delle proprie limitate capacità.
E affidarsi alla capacità di valutazione dei propri lettori.
Si chiama rispetto – e si esprime così, non imboccandovi col semolino perché si parte dal presupposto che non abbiate ancora messo i denti da latte.


  1. parlando di sesso fra adolescenti, tra l’altro; qualcosa di molto simile alle dinamiche della blogsfera nazionale. 
  2. nota linguistica: “simpatico”, nel linguaggio dei blogger, di solito significa che viene regolarmente a commentare e mettere like sui nostri post. 

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

7 thoughts on “Non una voce autorevole

  1. Beh, grazie di avermi menzionata. Quasi arrossisco.🙂
    Se essere simpatici nella blogosfera significa essere miserrimi/paraculi/stolti, morirò antipatica.

  2. Per quanto vale: a me piacete così. “Antipatici” e stimolanti. Non sto a dirvi le volte che ho letto un libro o visto un film che non conoscevo perché recensito sui vostri blog.

  3. La gente afferma che io spiaccia… io, boh, non lo so, mi trovo comodo così… ed apprezzo gentaglia come voi che non le manda a dire!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...