strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Un uomo buono

8 commenti

Quando mio padre e mia madre si sposarono, il sacerdote a un certo punto ingiunse loro, con tono stizzito, di smetterla di ridere.

“Guardate che questa è una cosa seria!”

E subito dopo la fine della cerimonia, una zia abbordò mia madre per dirle che era stata proprio fortunata.

“Hai sposato un uomo buono. Se non fosse stato un buono, sarebbe diventato un criminale come tutti i suoi compagni di scuola.”

Mio padre era andato a scuola dai Salesiani – e l’officiante era stato uno dei suoi insegnanti. La zia aveva evidentemente una pessima opinione di Don Bosco e dei suoi sacerdoti.
Ma la vecchia zia aveva ragione su un punto: mio padre era un uomo buono.

Mio padre era dinamico, intraprendente, coraggioso e molto spiritoso.
Aveva sofferto di una dislessia che i Salesiani avevano cercato di curare a ceffoni1, e aveva una mente matematica meravigliosa che non potendo studiare aveva poi applicato alle sue attività come agente di commercio.
Ed era un uomo buono – e forse questa è l’unica cosa che ha insegnato, a me e a mio fratello.
Non ad esserlo.
Ma almeno a provarci.
Anche quando non si andava d’accordo, anche quando si discuteva.

Ma da quando se ne andò mia madre, nel 2007, mio padre aveva perso qualcosa.
Era estremamente solo, e forse tendeva a isolarsi.
La depressione non aiutò a migliorare le cose.
E poi la malattia, i problemi.
Mio padre era molto stanco.
Aveva smesso di ridere.

Una delle ultime cose che mi ha detto, domenica, prima di andarsene, è stata

“Sono stanchissimo, vorrei solo poter dormire.”

Ora dorme, come Mark Twain e Richard Dawkins hanno detto in passato, quel sonno che era prima di noi e che sarà dopo, e che non deve farci paura.
E io sono qui che contro me stesso e contro tutto ciò in cui credo, spero che finalmente riposi, che sogni, e abbia magari ritrovato la persona con cui rideva.

Grazie a tutti ancora una volta per i messaggi di questi giorni.


  1. per cui forse la vecchia zia, mah, non aveva tutti i torti, e aveva solo sbagliato mira. 

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

8 thoughts on “Un uomo buono

  1. Mi hai fatto commuovere… grazie per questo post…

  2. A volte le cose si apprendono “per sentito dire” da altri,sono sempre istantanee,impressioni,”
    sporcate dalla loro forma mentis,dal bisogno di uniformarsi o prendere le distanze. Ma se una persona ci ė vissuta accanto,per quanto gli altri possano dire,ė l’esempio silenzioso,i gesti,più delle parole,
    a lasciare un contorno,
    un alone indelebile in noi,
    che nulla e nessuno,neppure il tempo,possono cancellare.

  3. Tempo di elaborare, amico mio. Di mettere in prospettiva e pensare alle cose migliori. Era un uomo buono, giusto? Direi anche che ha fatto un buon lavoro con voi due.🙂

  4. È un sonno che è come un sogno che non finisce.
    Forse, per lui ora è iniziata la parte migliore.😉

  5. La vera immortalità è l’amore con cui i figli ricordano i genitori. Ce n’è tanto in questo ricordo.

  6. Non è facile fare i conti con il proprio padre. Comunque egli sia stato. Da un certo punto di vista non si smette mai di ripensarci e abbozzare idee per rinnovare un rapporto che ormai non può più esserci. Col tempo diventa un’abitudine malinconica ma necessaria.

  7. bellissimo ricordo. Un abbraccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...