strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Una gita in Averoigne

22 commenti

È venuta fuori una interessante discussione, ieri, su De Ebook Mysteriis, il gruppo di Facebook dove si parla di editoria elettronica.
Il mio amico Mauro Longo lamentava la scarsità di edizioni dell’opera di Clark Ashton Smith (del quale ieri cadeva l’anniversario della nascita) nella nostra lingua. Cosa sorprendente, considerando che il buon CAS, terzo dei Moschettieri di Weird Tales insieme con H.P. Lovecraft e R.E. Howard, è stato certamente uno dei più stampati fra gli autori di fantasy e orrore sovrannaturale nel nostro paese.
image_book-phpDopo varie uscite negli anni ’60, la MEB gli dedicò una serie di volumi nei ’70.
Poi toccò a Nord e Fanucci – quest’ultima in particolare inondò le librerie, fra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90, con dozzine di volumi dell’opera di Smith.
I titoli Fanucci vennero poi variamente ripresi da Newton Compton – sia nei minuscoli MilleLire che successivamente in vari volumoni.
Però Muro ha ragione – da una ventina d’anni Smith latita dai nostri scaffali, e anche gli apparentemente infiniti multipli prodotti da Fanucci e Newton sono stati consegnati, con gli anni, alle rudi attenzioni del riciclatore.
Si trovano ancora poche copie, a prezzi stravaganti, su eBay.

64501eb257453500cf68f773a50986aaLa cosa interessante, ora, è che gran parte dell’opera di Smith è di dominio pubblico – e se ne può trovare la quasi totalità, in originale, sull’archivio The Eldritch Dark.
A questo punto, perché non tradurli ex novo, i lavori di Smith?
Certo, un editore gradirebbe, probabilmente, che il lavoro venga fatto in fretta, bene e gratis – perché si sa, pagare i traduttori è una pratica scoraggiata da più parti.
Non se ne può fare a meno come si fa a meno degli editor, ma se non altro si può evitare di pagarli.

Perché allora non un bel Kickstarter – si progetta una polposa collezione (come ad esempio l’ormai introvabie The Emperor of Dreams della Golancz, o l’altrettanto eccellente volume recentemente pubblicato da Penguin Classics), si calcolano i costi vivi e si aggiunge un onesto guadagno per traduttori, editor, copertinisti e impaginatori, e poi ci si affida al pubblico.
Se davvero c’è questa fame di opere di Smith, non dovrebbe essere difficile raggiungere il target.

zothique-nordMa si sa, anche i Kickstarter in Italia funzionano solo in certi casi, a causa del sostanziale problema che gli italiani non si fidano. Di nessuno.
E anche qualora si fidassero, non vogliono pagare.
Specie in anticipo.
Perché non si fidano.

E tuttavia, stando a ciò che si è visto ieri su De Ebook Mysteriis, sono in molti a invocare una edizione accessibile dell’opera di C.A. Smith.
E allora mi sono detto… perché non dargliela?

Mentre state leggendo queste righe, gli gnomi del signor Bezos stanno macinando un agile volumetto intitolato La Bestia di Averoigne.
Si tratta di una storia che Smith scrisse attorno al 1932, e che inviata a Weird Tales venne rifiutata da Farnsworth Wright e rispedita al mittente.
Smith ci rimise mano, la accorciò di circa un terzo, modificò il finale, e la storia vide finalmente la luce nel Maggio del 1933.

È già uscita in passato, ripetutamente, ma mai che io sappia con tutte e due le versioni a confronto – quella integrale rifiutata e quella raccorciata e poi uscita su rivista.
Perciò le ho tradotte entrambe, ci ho messo assieme le due sinossi originali di Smith (oggi le definiremmo una log-line e una outline), una notarella sull’autore e una copertina che riproduce l’originale illustrazione di Weird Tales.

beast-of-averoigne

Salvo incidenti, sarà disponibile lunedì o martedì al più tardi.
È stato divertente e mi ha portato via poi solo un pomeriggio: il bello di tradurre le storie di Averoigne e non (per dire) Zothique, è che il linguaggio di Smith è molto più gestibile, e le storie sono probabilmente più accessibili al pubblico.
E in effetti credo che potrò d’ora in avanti fare uscire una storia di Clark Ashton Smith alla settimana, giorno più, giorno meno. Una cosa da fare nei weekend.

Il pubblico lo vuole, mi si dice.
Vediamo cosa succede a darglielo.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

22 thoughts on “Una gita in Averoigne

  1. beh… alle librerie inondate ancora non ci credo… autore invece trascuratissimo, purtroppo. Ben venga invece una serie di tue traduzioni: MI ISCRIVO alla RACCOLTA! 😀

    • In effetti mio fratello mi aveva proposto l’idea di offrire un abbonamento – una cifra fissa per cinquanta tracconti tradotti, uno alla settimana.
      Ci dovrò pensare.

      E credimi, ci fu un termpo in cui i volumi della collana “I Mti di Cthulhu” di Fanucci, collana che includeva una mezza dozzina di raccolte di CAS, erano OVUNQUE.
      Per questo mi pare sorprendente che siano diventati oggetti da collezione.

  2. Grande! Se vuoi un editore per i cartacei, parliamone…

  3. Fantastico. Il mercato moderno, sintetizzato in un post e in una iniziativa. Adesso vediamo come reagisce il pubblico.

  4. Interessante, mi prenoto per “La bestia di Averoigne”! Mi ero perso l’inondazione Newton Compton: ero rimasto alle storiche edizioni MEB (e a quella meravigliosa copertina di Zothique Fantacollana).
    Ma davvero il linguaggio di CAS cambia molto tra Averoigne e Zothique?

    • Sì abbastanza – le storie di Averoigne sono più semplici, gli arcaismi sono ridotti al minimo e la struttura delle frasi è meno intricata.
      Si potrebbe stilare una classifica di difficoltà, con (per la prosa) Zothique in cima, poi Hyperborea, poi Averoigne, e giù in fondo le storie che Smith scriveva a cottimo per pagare i conti.

  5. Potrebbe interessarmi pure come illustratore farne un cartaceo illustrato di piccolo formato ogni 3-4 storie. Trovando il giusto taglio grafico si possono fare dei volumetti a basso costo collezionabili da 48-64 pp. poi ne riparliamo.

  6. No vabbeh! 😀 Ma il gusto di avere tutte e due le versioni e per di più tradotte come si deve?
    Grande progetto!
    Grazie lo prendo! 😀

  7. Ottima idea, mi prenoto ^__^

  8. Grandissimo! preso sicuro
    PS non commento mai (lo so, pessima abitudine) ma continuo a seguirti sempre 🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...