strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Blogathon Jack the Ripper: A Night in the Lonesome October

12 commenti

Questo post è il mio contributo alla blogathon su Jack lo Squartatore organizzata dal blog Redjack per il centotrentesimo anniversario degli omicidi di Whitechapel.

blogathon horizontal banner

Vi invito a seguire il link e a dare un’occhiata aglia ltri post della blogathon, e poi a tornare qui.
Parleremo di una notte nel solitario mese di Ottobre…

rz_anightinRoger Zelazny scrisse A Night in the Lonesome October (il titolo è ovviamente una citazione da Poe) per scommessa.
Gli avevano detto che era impossibile scrivere una storia in cui i lettori potessero fare il tifo per Jack lo Squartatore, e lui gli dimostrò che non era vero.

La storia ci viene narrata da Snuff, il cane di Jack lo Squartatore.
Jack, che non è poi un cattivo soggetto, fa parte di un circolo di praticanti dell’occulto, coinvolti nel Grande Gioco: una volta ogni dieci anni, quando la notte di luna piena coincide con Halloween, è possibile spalancare la porta fra i mondi, e permettere l’accesso ai Grandi Antichi.
I giocatori sono impegnati a localizzare il luogo in cul il portale si andrà a materializzare, e si dividono in Openers and Closers. I primi vogliono favorire il ritorno dei Grandi Antichi, gli altri vogliono impedirglielo.
Jack è un Closer, e lavora attivamente per impedire il ritorno delle divinità lovecraftiane, un impegno che lo porta a compiere dei rituali meno che piacevoli.
Ma non è un cattivo soggetto, ci ripete Snuff, che nella coppia svolge la funzione di “calcolatore” – è quello che, sulla base degli indizi raccolti da Jack, dovrà calcolare la posizione del portale.
Fra gli altri giocatori troviamo il Conte (un vampiro), il Buon Dottore (che fa esperimenti su corpi messi assieme con parti di cadaveri), Larry Talbot (che gli appassionati di vecchi film Universal sapranno riconoscere), la strega Crazy Jill col suo gatto capace di shiftare nelle Dreamlands (tutti i gatti lo fanno, è un potere che si chiama Catnappery), il parroco Roberts, Owen il druido e Rastov, un monaco pazzo russo che assomiglia molto a Rasputin.
Non mancano una coppia di occultisti stile Golden Dawn – Morris e McCab.
Poi arriva il Famoso Detective…

Il grosso del romanzo si svolge a Londra e ruota attorno alla preparazione per la notte di Halloween – i diversi personaggi si studiano, per capire chi sta da che parte, per decidere di chi potersi fidare e chi saranno gli avversari quando verrà il momento della verità.
C’è chi cerca di convincere gli altri a cambiare schieramento, c’è chi è pronto ad accoppare gli avversari per aumentare le proprie probabilità di riuscita.

E il tutto è raccontato dal punto di vista di un cane, e punteggiato da discussioni fra Snuff e gli altri familiari deglia ltri giocatori.
E Snuff si comporta da cane, e ragiona da cane, e nelle prime pagine, beh, è un cane. Che prova diffidenza verso la cosa nello specchio, è perplesso per le attività del proprio padrone, e scodinzola e gli fa le feste e lo accompagna in lunghe passeggiate notturne.
È poco per volta che ci rendiamo conto che no, la cosa nello specchio non è il riflesso, e Jack è quel Jack, e progressivamente i pezzi cominciano ad andare al loro posto, creando un quadro al contempo esilarante e terribile.
Questa gente sta giocando con la possibilità dell’estinzione dell’intero genere umano.

Roger_Zelazny_smÈ colto, A Night in the Lonesome October, è intelligente e scritto con la prosa precisa ed elegante di Roger Zelazny. Ci sono anche 33 tavole illustrate da Gahan Wilson, il leggendario artista che disegnò – fra le altre cose – il busto di Lovecraft come Moai cheun tempo si usava per il World Fantasy Award.
Si ride frequentemente, leggendo A Night in the Lonesome October, ma si ride con intelligenza, si ride ragionando.
E si fa il tifo per Jack lo Squartatore.
Che non è poi un cattivo soggetto.
Alla fine, Roger Zelazny vinse la sua scommessa, e si beccò anche una candidatura al premio Nebula nel 1994.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

12 thoughts on “Blogathon Jack the Ripper: A Night in the Lonesome October

  1. Voglio assolutamente leggere questo libro! Dal tuo articolo, appare spettacolare 😀

  2. Un libro di Zelazny che non conosco! Ma è inedito in italiano, vero?

  3. Davide, il link al blog di tuo fratello non porta a nulla, quando ci clicco. A meno che non sia colpa del mio furbofono, potresti aver sbagliato a linkare.

  4. Scaricato e sono a metà lettura!
    Grazie Davide ottimo consiglio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.