strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

I venti di Marte

8 commenti

Nei giorni passati, l’atterraggio della sonda InSight sulla Elysium Planitia, su Marte, ha generato un certo traffico in rete, e una quantità di commenti, rimbalzati qua e là attraverso i social, che facevano più o meno così:

#maccheccefregaannoi

InSight è una sonda progettata per fare delle analisi geologiche su Marte. Studierà il sottosuolo del Pianeta Rosso, dove è possibile che si nascondano tracce del passato del pianeta, forse anche testimonianze di antiche forme di vita.
O forse chissà, delle forme di vita ancora attive.
Cosa scoprirà, InSight?

Non le marziane discinte di Burroughs, o i tagliagole che allignavano fra le ombre di Jakkara e Barrakesh nei romanzi di Leigh Brackett, della quale ieri ricorreva il compleanno.
Forse solo organismi unicellulari. Forse solo le loro tracce fossili.
Che scoperta meravigliosa sarebbe.
Ma anche scoprire che non ci sono tracce di vita sarebbe interessante, e solleverebbe altri quesiti, stimolerebbe altre ricerche.

E in tutta onestà non ho voglia di stare a spiegare perché sia tanto importante non solo che InSight sia discesa su Marte senza problemi, ma si stia anche apprestando a fare delle analisi su un pianeta tanto lontano, eppure così vicino.

Mi basta questo… il suono del vento su Marte.
È qualcosa che da sempre desideravo sentire. Fa parte della mia storia, dei miei sogni, insieme con le strade polverose delle città abbarbicate sull’orlo dei mari scomparsi del Pianeta Rosso.

Perché è questo, anche, che è importante – InSight, e le sonde che sono venute prima, e quelle che verranno poi, sono l’improbabile anello di congiunzione fra i sogni di una generazione (o forse due, o tre), e la cosa più straordinaria che esista là fuori: la realtà.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

8 thoughts on “I venti di Marte

  1. Grazie, Davide. Sapevo dell'”ammartaggio”, ma non avevo ancora sentito il vento… e io sogno. Molto.
    Ciao!

  2. Questo post mi ricorda quello che scrivesti nel 2012 per Curiosity… 🙂

  3. Post veramente interessante, il suo del vento marziano ha qualcosa di ipnotico.

    Chi scrive che non gli frega nulla ha probabilmente perso la sua scintilla di vita e si consuma in esistenza grigia e sterile da zombi.

  4. Che meraviglia. Io vedendo le prime foto marziane, quelle di curiosity, con le montagne sullo sfondo, mi sono profondamente commosso. La luna è fantastica, ma quello è un MONDO INTERO, con montagne, valli, vento, nubi….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.