strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Scrivere per guadagnarsi da vivere

4 commenti

Ho appena iniziato una nuova serie sulla mia pagina di Patreon, a proposito degli aspetti pratici (e personali) della scrittura, quando scrivere non è il tuo strumento per rimorchiare, ma è ciò che paga le bollette e ci tiene a galla. Niente di stravagante, solo una serie di post su come risolvo determinati problemi, su come affronto determinati aspetti del lavoro.
La serie si chiamerà: Nuts & Bolts – Scrivere per guadagnarsi da vivere.

Inizierò con un post di 1000/1500 parole al mese, per tutti quelli che mi supportano con 1 $ o più. Poi vedremo se la cosa cresce.
Questi post appariranno esclusivamente sulla mia pagina Patreon, sia in inglese che in italiano. Perché è bello essere miei sostenitori Patron (o almeno così dicono).
Vediamo cosa succede.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

4 thoughts on “Scrivere per guadagnarsi da vivere

  1. Se continui così dovrò proprio diventare tuo patreon. ^___^

    E’ che Patreon mi lascia un poco di amaro in bocca con le storie poco chiare che hanno fatto qualche tempo fa. Infatti mi ero disiscritto.

    • Chegenere di storie poco chiare?

      • Avevano cambiato un paio di volte il modo di gestire i pagamenti ad esempio… e senza dir niente a nessuno per cui alla fine ti trovavi a pagare di più di quello che avevi stabilito.
        poi, vado a memoria, il CEO o qualcuno del BOD, aveva fatto una qualche strana manovra con i soldi, non ricordo più esattamente, una cosa tipo che avevano fatto investimenti in modo poco pulito.

        Comunque alla fine in moltissimi eravamo andati via.
        Io non mi sono più iscritto da allora, devo vedere se ho ancora l’account.

        • Nel Dicembre del 2017 c’è stata la debacle del cambio di procedura di pagamento, che penalizzava di fatto i piccoli sostenitori, ma le proteste sono state tali che la cosa è rientrata quasi immediatamente e i vertici di Patreon hanno fatto mae culpa.
          Poi hanno cancellato gli account di alcuni estremisti (tipo Yiannopulos – non so se l’ho scritto giusto), e gente che raccoglieva fondi per attività discutibili, che forse non è la strategia giusta, ma è comunque comprensibile.
          A me non risulta altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.