strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Scioperare o respirare i fumi

4 commenti

Ci sono persone che stanno scioperando su tutto il pianeta, per attirare l’attenzione dei governi sull’attuale crisi climatica.
Fra le splendide colline dell’Astigianistan l’autunno è arrivato, e dipinge di rame e di bruno le pendici e le valli, ed eccomi qua, fortunato bastardo che sono, a respirare i fumi velenosi che fuoriescono dal camino del vicino, perché quando arriva settembre iniziano a bruciare il loro rifiuti – plastica inclusa – nel camino di casa.

Mia madre chiamò il servizio ambientale a causa di questo problema, nel 1989, credo, e il tipo all’altro capo del filo le chiese se il fumo che stava vedendo fosse bianco o nero, perché se non fosse stato nero loro non potevano farci nulla.
Mia madre, asmatica di lungo corso, lo ridusse in briciole, sulla falsariga di “cosa c*zzo so di che colore sia, brutto stronzo, noi qui stiamo soffocando!”
Non ci fecero nulla.
Trent’anni dopo, continuano a non farci nulla.
Almeno è un segno che la diossina non ti uccide così in fretta.
E poi cosa ne soio? Sono un dannato estraneo, vivo in questo posto da soli dieci anni.
Anche mia madre era una dannata estranea, e una presuntuosa priantagrane – glielo disse la vicina, che in qualche modo aveva saputo della denuncia fatta da mia madre.
Mia madre non sarebbe mai tornata in questo posto negli anni seguenti, con grande irritazione di mio padre.

Non posso fare uno sciopero ambientale qui, perché fondamentalmente questa è una città fantasma popolata di morti – solo alcuni di loro non se ne sono ancora resi conto.
Cosa potrei fare, stare da solo con un cartello davanti all’unico negozio in paese?
Ma se potete, aiuta i ragazzi in sciopero.
Perché l’odore della plastica bruciata non dovrebbe essere l’odore che ti ricorda tua madre.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

4 thoughts on “Scioperare o respirare i fumi

  1. L’irresponsabilità e l’ignoranza di certa gente fa paura, sai non è la volontà precisa di fare qualcosa di male, che danneggi l’ambiente o altro. Non tengono in serio conto niente, che non sia un loro bisogno contingente (in questo caso di liberarsi dalla plastica). Vedono nell’immediato, poi domani boh, forse manco c’è. Tu continua a fare corretta informazione, non arrenderti.

  2. Ciao, Davide
    hai mai chiamato i carabinieri?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.