strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Una vita in Goblin Mode

2 commenti

Come accade da un certo numero di anni, i principali editori di dizionari nel mondo anglosassone hanno votato la loro “parola dell’anno”.
I risultati ottenuti da Oxford e Collins sono particolarmente interessanti.

Per gli editor dell’Oxford Dictionary, l’a parola l’espressione dell’anno 2022 è Goblin Mode:

“un tipo di comportamento che è impenitentemente autoindulgente, pigro, sciatto o avido, tipicamente in un modo che rifiuta le norme o le aspettative sociali”

Il termine ha fatto la sua comparsa nel lontano 2009, ma è diventato popolare dopo il 2020 – e sì, è stata una risposta al lockdown.

Goblin Mode è vivere in pigiama, senza pettinarsi, guardando film sullo stesso PC che usiamo per lavorare, su una scrivania ingombra di tazze sporche, lattine di bibitre usate, al di sopra di un tappeto di sacchetti squarciati di patatine.
In altre parole, la mia vita negli ultimi anni, se ci mettete anche un paio di gatti e pile alte così di libri che periodicamente franano.

Il Goblin Mode ha varie ramificazioni e connessioni con altre pratiche che hanno un nuovo nome nel ventunesimo secolo – come cluttercore, che è l’aspetto tipico del luogo in cui vive chi è in Goblin Mode, probabilmente alcoolizzandosi a basa di quarantini e coronaritas durante le virtual happy hours con gli amici su Zoom.
Una cosa che ho sentito chiamare Aperizoom.
Sì, è orribile.
Ma il Goblin Mode è anche imparentato con lo slow quitting, vale a dire lavorare facendo solo ciò che prescrive il contratto, senza dare quel “qualcosa in più” che al capo piace tanto, e che è diventato qualcosa di dovuto e non retribuito.
Sono segnali che stiamo cambiando – o che siamo cambiati.

Tutto questo assume un significato diverso – non necessariamente migliore o peggiore – quando consideriamo che questi cambiamenti sono una risposta a qualcosa che viene descritto dall’altra parola dell’anno, quella selezionata dagli editor del Dizionario Collins: permacrisis.

È una testimonianza dell’adattabilità del linguaggio, e della nostra specie.
Ed anche un segno che dopo i nerd, ora sono i goblin che hanno vinto.
Ricordatevi che lo avete sentito qui per la prima volta, quando cercheranno di vendervi una maglietta e organizzare una convention…

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

2 thoughts on “Una vita in Goblin Mode

  1. Sono in permacrisis nella mia goblin mode

  2. Ma non erano i nerd ad avere vinto? Ho vaghi ricordi di strani discorsi fatti in altri luoghi del web del lontano 2013…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.