strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


7 commenti

Dieci su dieci

Galli Bianchi e Gladioli Rossi, il mio agile volumetto sulla leggenda, la storia e la struttura delle Triadi Cinesi, è disponibile in formato Kindle.
Ha una splendida copertina di Giordano Efrodini, costa un euro e settantacinque centesimi, è DRM-free ed è il mio decimo ebook su Amazon.
Il primo è stato Avventurieri sul Crocevia del Mondo, uscito a luglio del 2013.
Dieci ebook in dieci mesi.
Fa spavento, non trovate?

E arrivato come sono a dieci su dieci, sarebbe quasi il caso di fare un piccolo bilancio – come è andata, cosa me ne è parso, cosa vende, cosa non vende.

Ora, francamente sono troppo pigro per andare a ripescare i numeri e dirvi quante copie ha venduto ciascun titolo – e oltretutto Amazon potrebbe cancellarmi l’account e sospendere le mie vendite, se lo facessi.
Ma c’è un sistema molto facile e molto divertente per darvi un’idea abbastanza chiara di come vanno le cose. Continua a leggere


4 commenti

Tra sette giorni tutto ricomincerà da capo

dark-sea… e il bello è che non so neanche cosa.

Ho parlato in passato del vasto mare oscuro che si estende al di là del mio dottorato.
Finora non avevo una data, ma ora, come dicevo ieri, ce l’ho.
E mi domando se il crescente nervosismo non sia più dovuto a cosa verrà dopo, che non necessariamente alla discussione della tesi.

Prima di tutto, c’è un fattore di identità. Continua a leggere


17 commenti

Fra sette giorni sarà tutto finito

English: Vectorized crest of Ubuno, Italy

Titolo ad effetto, eh?
Ad effetto, e sostanzialmente corretto.
Alle undici del mattino del 18 di febbraio, vale a dire martedì prossimo, discuterò la mia tesi di dottorato.

Andrà bene, andrà male?
Come mi ha detto un collega

Tranquillo, possono segarti anche all’esame finale.

Tranquillizzante, non trovate.
E d’altra parte, se fallimento dev’essere, allora che sia fallimento spettacolare.
Un fallimento di successo, insomma.

Eppure no, dai. Continua a leggere


3 commenti

Frustrazione creativa e il tempo come viaggio

Ho scritto tre post, ieri dopo cena, e li ho cestinati tutti senza pietà.

È nuovamente quel periodo orribile – che capita a più riprese nel corso dell’anno, tutti gli anni – in cui ho un sacco di cose da scrivere, mi stramaledico per la mia lentezza nel mettere le parole sulla pagina, per le ore buttate in attività quali dormire o mangiare, e questo avere delle storie e dei lavori lì che non si chiudono mi rende scontroso, odioso e vagamente inumano.

Resta fortunatamente un barlume di coscienza – altrimenti voi stareste leggendo uno di quei tre post, ed io mi ritroverei ad avere a che fare con alcuni idioti molto molto irritati. Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.386 follower