strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

I Quattro Cavalieri della Poca Lisse

Per chi si fosse la diretta della notte passata, ecco un replay della lunga chiacchierata fatta con i ragazzi di Vita da Roleplayer/GDR Unplugged.

Con l’intelligenza di Giuseppe Rotondo, l’arguzia di Mauro Longo, la professionalità di Umberto Pignatelli e le mie farneticazioni scombinate.
Divertitevi.

Annunci


21 commenti

Una modesta proposta

Io proporrei una moratoria di dieci anni sui termini nerd e geek, e pene corporali – o possibilmente la Rieducazione Attraverso il Lavoro per coloro che si applicano tale etichetta o la applicano ad altri senza previo permesso scritto degli interessati.
Che coloro che ora come ora si autodefiniscono nerd e geek tornino a leggere i loro fumetti, a guardare le loro serie TV, a giocare a Dungeons & Dragons (rigorosamente Scatola Rossa) e con la collezione di Micronauti, e a piangere commossi per i vecchi Urania o i libri della Fantacollana che non hanno mai letto, e la smettano di perseguitarci con i loro pipponi autocelebrativi e i loro agghiaccianti tentativi di auto-legittimazione, con la loro nostalgia per ciò che non hanno mai conosciuto e con la loro tragica mancanza di senso dell’umorismo.

Pare di assistere ai primi giorni non di una nazione migliore, ma del sorgere di una nuova religione, con piccoli profeti che tentano di raggiungere il rango di Kwisatz Haderach.0002385123_100Sarebbe bello se si facessero dei discorsi seri, se si facessero delle analis critiche, anche semplicemente delle tranquille discussioni.
Ma questo perpetuo sforzarsi per recintare un pezzetto del dominio nerd al fine di diventare dei piccoli Secret Masters of Fandom è vuoto e fasullo, e alla lunga non porta a nulla di buono.

In casi di estrema necessità, coloro che intrattengono passioni che noi non siamo in grado di capire potranno essere etichettati come anorak, come da tempo avviene in taluni circoli.

Così.
Come si diceva, una modesta proposta.
Ma pensate che mi daranno retta?
Ah!


9 commenti

Ci fu un tempo in cui la blogsfera era fatta di risonanze – e il post su un blog ne riecheggiava altri, su altri blog.
È ancora così, ma il pubblico è tutto su Facebook.
Nei giorni passati, il mio amico Hell ha postato questo pezzo sulla sua città, la città della quale scrive, Taranto. E poche ore fa, Alex Girola ha ripreso l’idea, con un pezzo sulla “sua” Milano.

E io mi sono detto, perché no?
Con un piccolo problema – al momento me ne sto in esilio in Astigianistan, e chiamare città Castelnuovo Belbo (800 persone) sarebbe vagamente ridicolo.
Ma non è un problema reale perché se è vero che in Astigianistan io ci ho ambientato un sacco di roba – gli Orrori della Valle Belbo, BUSCAFUSCO, e l’imminente Santi & Fattucchiere1 – così come è vero che ho per lo meno tre città dell’immaginazione alle quali ritorno spesso nelle mie storie – Londra, Parigi e Shanghai – è altrettanto indiscutibilmente vero che io sono nato e cresciuto a Torino, e quella è la mia città.
Per cui parliamo di Torino.

turin-cropped-xlarge

Sarà una cosa lunga, e non molto coerente.
Siete stati avvisati. Continua a leggere


17 commenti

Se non lo vedo non ci credo

Poi dicono, scrivi fantascienza.
Ho conosciuto online una persona che non crede all’evoluzione.
Non che tutti i ragionamenti di Darwin e di tutti gli altri non suonino convincenti, eh… però il fatto è che lui l’evoluzione coi suoi occhi non l’ha mai vista.
Niente è mai evoluto davanti a lui, mentre stava lì ad aspettare.
E certo, lui si rende conto che i meccanismi della selezione naturale son così lunghi che nessuno potrà mai essere testimone dell’evoluzione in atto. Sì, quello l’ha capito.
Ma ciò non toglie che lui l’evoluzione non l’abbia mai vista, e quindi tante grazie, bel modell, grande idea, ma lui non ci crede.
Lui crede che il mondo sia stato creato così com’è da Dio.

Tree-of-Life

È una consapevolezza estremamente dolorosa, per chi si occupa di scienza e per di più dovrebbe/potrebbe occuparsi di comunicazione della scienza, rendersi conto che no, i fatti non pesano.
Le prove sperimentali, gli argomenti documentati, l’esperienza accumulata di generazioni di ricercatori non contano nulla.
Se non vogliono cambiare idea, non la cambieranno. Continua a leggere


34 commenti

Aspettatevi l’inaspettato

E allora vediamo di smentirci subito.

Nel mio ultimo post accennavo allo stato di spossatezza quasi lovecraftiana nel quale la faccenda della meravigliosa vittoria del fantastico mi ha gettato nelle ultime settimane.
Detto in soldoni è difficile cercare di scrivere narrativa fantastica quando tutti ti dicono che ciò che scrivi è popolarissimo e palesemente non è così. Ma il vero problema è quello di non riuscire a comunicare – perché per una persona che scrive per vivere, non riuscire a comunicare è parecchio negativo.

Quindi proviamo ad affrontare il probolema da un’altra angolazione.
Andrò a ruota libera, per cui aspettatevi l’inaspettato.
E anche su questo ci ritorneremo.

quote-thus-it-is-that-in-war-the-victorious-strategist-only-seeks-battle-after-the-victory-sun-tzu-55-12-62

Nella risposta a un commento, pochi minuti fa, ho scritto

Sulla vittoria del fantastico, potrei commentare che vista la meravigliosa quantità di meravigliose meraviglie disponibili al pubblico, cosa sto a scrivere, fatevi un giro in libreria e procuratevi l’ultimo libro di Christopher Stasheff, o anche soltanto l’ultimo romanzo di Michael Moorcock, o anche semplicemente l’edizione economica di “Little, Big” di John Crowley.
Ma sarebbe inutile sarcasmo, e come mi è stato fatto notare altrove, dopotutto, “hanno poi tanto importanza i libri quando ci sono i gadget, i videogiochi e le serie TV?”

Poi, una volta premuto invia, mi sono reso conto che questa è la risposta sbagliata, o per lo meno fornisce l’impressione sbagliata.
Per cui, mettiamola in questo modo… Continua a leggere


5 commenti

Il problema del post paraculo

99cent_zps931fd058Allora, la mia promozione è avviata da due giorni.
Secondo quelli bravi, oggi sarebbe il momento di fare il famoso post paraculo per convincervi a condividere ulteriormente la notizia e a comprare – o far comprare – più libri.

C’è però il piccolo problema, che io come si faccia un post paraculo non ne ho idea. Ho guardato in giro, e ho provato ribrezzo.
Cosa dovrei fare?
Blandirvi con foto ammiccanti di donne seminude?
Promettervi che, se raggiungiamo un certo target, metterò gratis tutti i miei ebook in inglese, per tutto agosto?
Invitarvi a toccare lo schermo per ricevere energie positive?
Fare un post furbetto sui Pokemon Go o su Suicide Squad?

Che poi, io in effetti quei due post ce li ho anche pronti.
Ma temo non siano furbetti. Continua a leggere


10 commenti

Godzilla contro Tarzan

La cosa parte dall’incontro di ieri del Club Villa Diodati – e dalle chiacchiere fatte con amici e colleghi.
Si parlava di fantastico, di libri, di storie.

E il mio amico Massimo Soumaré ha raccontato – con un certo senso di orrore – come parlando di fantastico giapponese, gli sia capitato di incontrare una vasta fetta del pubblico che non ha idea di chi sia Godzilla.

Godzilla-1954

E diciamo Godzilla per dire un sacco di quell’immaginario nipponico che per le persone della nostra generazione era la cultura di base.

La cosa mi ha colpito perché io ieri mi sono imbattuto – online – in alcune persone che lamentavano a gran voce la mancanza di immaginazione di Hollywood…

che ora si mette a fare i remake dei cartoni animati della Disney

Il tutto, a causa di questo trailer… Continua a leggere


32 commenti

Il fantasy è finito (fatevene una ragione)

Una tendenza generalizzata della blogsfera nazionale negli ultimi mesi – diciamo nell’ultimo annetto o giù di lì – è data dal fiorire di #massimiesperti che con estrema prosopopea parlano a vanvera di argomenti che non conoscono, salvo poi dare dei ritardati a coloro che fanno notare che no, non è proprio così.

La spiegazione che ci siamo dati, qui nel Blocco C, è che i lettori non sono (più?) in cerca di informazioni, ma di conferme – e leggere quindi blogger molto più ignoranti di loro è in fondo rassicurante. Gli piace, li fa sentire vincenti.

Esempio segnalatomi ieri da un compagno di prigionia – un articolo sulla storia del fantasy che comincia con Conan e finisce con Game of Thrones, e che porta avanti la tesi secondo la quale l’assenza di idee nuove ha fatto del fantasy un genere moribondo, in attesa di grandi idee innovative che lo rivitalizzino.
No, davvero.

E io so che ora voi questo post lo vorreste leggere, e quindi vi passo anche il link.
Quando avrete finito di ridere, tornate qui, se avete voglia.
Fatto?
OK. Continua a leggere