strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

Paura & Delirio – Speciale Richard Donner: Superman (1978)

Cambio di programma: la settimana passata, appena chiuso l’ultimo episodio did Paura & Delirio, abbiamo saputo della scomparsa di Richard Donner. Il regista di The Omen, di Superman, di Ladyhawke, di Goonies, di tutta la serie di Arma Letale. Un regista che ha dato forma all’immaginario di una generazione (o forse due), e ha cambiatola storia del cinema.

Impossibile non fare un episodio su Donner, e parlare di Donner significa parlare di Superman.
Che è ciò che abbiamo fatto, per oltre due ore, tra Marlon Brando in forma di valigia e produttori russi progressivamente sempre più nervosi, Gene Hackman e Margo Kidder, gli Steely Dan e i Supertramp, l’Uomo Ragno e Zack Snyder, i Tre Moschettieri e Lo Squalo, il cinema prima ed il cinema dopo Superman.
Era il 1978.
Tutti dobbiamo qualcosa a Richard Donner, e questo episodio per noi è un modo per salutarlo.
Buon ascolto.


3 commenti

Dieci Libri #8 – Brian Talbot

Ho parlato di un fumetto… pardon, di una graphic novel due giorni or sono, e parlo di un fumetto oggi. Fumetto-fumetto. Uscito a fascicoletti, e solo successivamente riunito in un bel volume unico. Un fumetto che ha vinto un sacco di premi, e che Warren Ellis ha definito il singolo più grande esperimento nel campo dei fumetti di lingua inglese. Mica robetta.

Oggi parliamo di The Adventures of Luther Arkwright, dell’incommensurabile Brian Talbot – e infiniti universi si preparano a collassare.

Continua a leggere


3 commenti

Dieci Libri #6 – Posy Simmonds

Questa serie difficilmente si fermerà a dieci, lo abbiamo già detto, perché ci sono talmente tanti volumi dei quali parlare che… ah, non so dove andremo a finire. E sì, lo so, sto diventando monotono, e siamo solo alla sesta puntata. Pensate cosa sarà l’avvio della ventitreesima…

Ma non pensiamoci. Non oggi. Oggi cambiamo registro, e ci occupiamo di un fumetto… pardon, di una graphic novel. Gemma Bovery, dell’inglese Posy Simmonds, liberamente ispirata a un vecchio romanzo scritto da un francese che ha un nome come un fucile ad aria compressa.

Continua a leggere


12 commenti

I guardiani del canone

Avete mai l’impressione che manchi qualcosa? Come quando c’è una parola che proprio non vi viene, ce l’avete sulla punta della lingua ma no, niente, e vi viene il dubbio che siano i primi sintomi dell’Alzheimer? Per me è statocosì nelle ultime settimane, dopo aver letto alcune interessanti discussioni su scrittura, pubblicazione, marketing, e alcune ipotesi abbastanza discutibili sul rapporto tra qualità della scrittura, narrativa di genere e intento autorale. C’era qualcoisa che mancava, in tutta la discussione, ma cosa?
L’illuminazione è venuta nelle prime ore di questo 15 Febbraio 2019, e così ho pensato di mettere giù io qualche idea. Non posso garantire che questo sarà un post coerente – il discorso è piuttostocomplicato.
Posso garantirvi però che sarà lungo. Consideratevi avvisati.

Continua a leggere


7 commenti

AMARNA, la Figlia dei Faraoni e Cthulhu in salsa pulp

the-future-of-HRQuelli in gamba, di tanto in tanto, sul loro blog, fanno un post in cui illustrano i progetti futuri e le prossime uscite. Questi post funzionano perché servono a mettere sull’avviso i fan, e perchè ci obbligano a portare a termine i progetti che abbiamo promesso di mettere in cantiere.
È un po’ un modo per obbligare noi stessi a scrivere, e a mantenere le tabelle di marcia.
Ora, a mio parere premiarmi con un pezzetto di cioccolato funziona altrettanto bene,  se non meglio, ma al momento ho finito il cioccolato, quindi credo vi racconterò cosa ho in preparazione e come si svilupperà.
Visto mai che interessi a qualcuno. Continua a leggere


10 commenti

Harley

Allora, sono certamente io che sono strano.
Questo è probabilmente un dato di fatto.
Avevo detto che avrei fatto un post su Harley Quinn, e ora eccolo qui…

Il punto è che c’è un sacco di traffico e un sacco di rumore, in rete, per Suicide Squad, e in particolare per il personaggio di Harley Quinn, interpretato dalla bravissima Margot Robbie.

will-poison-ivy-harley-quinn-be-romantically-involved-in-margot-robbie-s-new-movie-mar-982386

E, ecco, a me lascia un po’ così, questa cosa di Harley Quinn alla quale si inneggia come female badass. Continua a leggere