strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


4 commenti

Heart of the Lizard anche su Amazon

Per chi fosse interessato, da oggi la mia novella Heart of the Lizard è anche disponibile nella bottega del signor Bezos. Il volume cartaceo è particolarmente collezionabile, mi si dice.
La mia prima storia per Four Against Darkness rischia di diventare il mio lavoro più ampiamente disponibile – siamo anche in classifica in posti in cui mai avrei pensato di comparire, come ad esempio Wargamer Vault (dove siamo entrati nella lista dei bestseller).
E sembra che l’avventura sia appena cominciata.
Restate sintonizzati.


Lascia un commento

Il cuore della lucertola

Ho il piacere di annunciare che la mia novella Heart of the Lizard è disponibile in formato pdf sul sito di Ganesha Games. La versione cartacea arriverà a giorni.
Heart of the Lizard è una novella ambientata nel mondo di Four Against Darkness, il gioco di ruolo in solitaria creato da Andrea Sfiligoi. La novella è accompagnata da una ricca appendice di regole e mostri per trasportare la storia nel gioco. L’appendice è opera di Andrea, che è una creatura incredibile, ed ha anche illustrato il volume, e dipinto la copertina.
Non li odiate anche voi quelli così?

Continua a leggere


2 commenti

Hope & Glory: dalla Terra alla Luna

Un breve momento di disgustosa autopromozione: quest’anno la fiera-evento del gioco di Modena Play, avrà per tema lo sbarco sulla Luna, e i giuocatori di Hope & Glory potrenno andare all’assalto del nostro satellite in una vera e propria corsa alla Luna.
Perché è bello avere la copertina del Time che ci fa pubblicità retroattiva…

Ci sono infatti due prodotti legati a Hope & Glory che saranno disponibili al Play di Modena.

Continua a leggere


12 commenti

I guardiani del canone

Avete mai l’impressione che manchi qualcosa? Come quando c’è una parola che proprio non vi viene, ce l’avete sulla punta della lingua ma no, niente, e vi viene il dubbio che siano i primi sintomi dell’Alzheimer? Per me è statocosì nelle ultime settimane, dopo aver letto alcune interessanti discussioni su scrittura, pubblicazione, marketing, e alcune ipotesi abbastanza discutibili sul rapporto tra qualità della scrittura, narrativa di genere e intento autorale. C’era qualcoisa che mancava, in tutta la discussione, ma cosa?
L’illuminazione è venuta nelle prime ore di questo 15 Febbraio 2019, e così ho pensato di mettere giù io qualche idea. Non posso garantire che questo sarà un post coerente – il discorso è piuttostocomplicato.
Posso garantirvi però che sarà lungo. Consideratevi avvisati.

Continua a leggere


Lascia un commento

Le ultime 24 ore

No, non nel senso del film con Ethan Hawke. Mancano ormai solo 24 ore e spiccioli alla chiusura del crowdfunding per Hope & Glory, edizione italiana.

Sono felice di poter dire che il progetto è stato finanziato, e in questo momento stiamo raccogliendo i contributi degli ultimi arrivati, nella speranza di riuscire a sbloccare un paio di stretch goal.

Se fino a questo momento siete stati indecisi, l’ora fatale si avvicina: a crowdfunding concluso, infatti, non è prevista alcuna altra edizione commerciale di Hope & Glory in italiano. In altre parole, o finanziate il crowdfunding, o dovrete acquistare l’edizione in inglese.

Perciò avanti, ancora un piccolo sforzo. E per intanto grazie a tutti coloro che hanno creduto in questo progetto, ed hanno finanziato fin qui la produzione di una tiratura di Hope & Glory nella nostra lingua.


2 commenti

Hope & Glory: l’Orso e il Leone

Si parlava del setting di Hope & Glory (c’è un crowdfunding in corso, per l’edizione italiana, partecipate numerosi) e qualcuno ha descritto come “guerra fredda” la situazione fra il Raj Anglo-Indiano e l’Impero Russo, legando questo assetto politico al fatto che il gioco si svolge negli anni ‘60 del 20° secolo.

Il che è una bella osservazione, però… no.
O non esattamente, o non proprio… è complicato: la relazione che lega l’India alla Russia in Hope & Glory è ancora e sempre quella del Grande Gioco. Che è un argomento divertente, e quindi… perché non darci un’occhiata?

Continua a leggere