strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


3 commenti

Cose a venire: The Devourer Below

Arkham Horror è un gioco da tavolo di orrore lovecraftiano che esiste, in una forma o nell’altra, da oltre vent’anni. È anche una serie di libri, che riprendono temi e luoghi lovecraftiani.
Ed è con mio grande piacere che vi mostro la copertina, rivelata di fresco, disegnata da John Coulthart per la raccolta The Devourer Below, curata da Charlotte Llewelyn-Wells, che uscirà a luglio.

Il volume di trecento e sessanta pagine include anche il mio racconto All my friends are monsters.

E potrei anche essere tentato di dire che si tratta di una delle storie migliori che io abbia mai scritto, ma cos’altro potreste aspettarvi dall’autore, giusto?


2 commenti

Un nuovo podcast – Di Incipit Si Muore

Dicono che nel 2021 se non hai un podcast non sei nessuno – o un canale Youtube, o dei video in cui fai la danza del ventre su TikTok. Uno degli effetti collaterali dell’anno di pandemia è stato che anche gli italiani hanno scoperto i podcast.
E chi sono io per parlare? Paura & Delirio si appresta afesteggiare il suo primo anno di attività, e fra poche ore andrà online il nostro quarantaseiesimo episodio standard (perché poi ci sono anche gli speciali e gli episodi esclusivi).

Ma mentre aspettiamo Paura & Delirio, vi segnalo un altro podcast, che è al suo primo episodio, e poiché il padrone di casa, Germano Hell Greco di Book & Negative, voleva partire subito sparandosi in un piede, inq uesto primo episodio ci sono anch’io.

Hell fa l’editor, oltre a scrivere, e quindi il suo podcast si occupa di incipit, e perciò di incipit parleremo, chiacchierando di come comincia La Regina d’Africa, di C.S. Forester (e sì, questo è un post che contiene link commerciali – sapete come succede)


13 commenti

Visioni di Harlan

È uscito un nuovo libro di Harlan Ellison.
E voi qui dovreste dirmi, Dave, sono tre anni che Harlan ha tirato le cuoia, ed all’Inferno stanno ancora piangendo per come li sta tormentando, mentre in Paradiso si danno gran pacche sulle spalle, perché per il momento nessuno si è accorto di come hanno contraffatto i documenti, e prima che Harlan gli faccia causa e trascini il culo di tutti i cherubini ed i serafini in tribunale e li sprema fino all’osso, avranno il tempo per adeguarsi ai suoi standard di qualità.
E quindi come ha fatto, Harlan Ellison a far uscire un nuovo libro, impegnato com’è in questo momento?
Devi aver preso un abbaglio, sai, non sei più giovane, certe cose capitano.
Questo dovreste dirmi.

Continua a leggere


1 Commento

Women in Horror Month: The Making of a Monster

Donne e orrori, gioie e dolori – o qualcosa del genere.
Sono in ritardo, questa settimana, col post dedicato a qualcosa di interessante da leggere, che sia horror e che sia scritto da una donna. Ma non è mai troppo tardi, giusto?

In realtà credo di aver già parlato in passato di The Making of a Monster, romanzo vampirico scritto da Gail Petersen, front-woman delle Catholic Girls – una band che ascoltavo ai tempi del liceo.

Ambientato a Los Angeles e nell’ambiente del rock’n’roll che l’autrice conosce molto bene, il romanzo è una interessante esplorazione del vampiro come rock star, ma anni luce dalla versione un po’ fasulla di Anne Rice. La Kate della Petersen non è Lestat, e la sua strana miscela di orrore per se stessa e senso dell’avventura fa sì che il romanzo, originariamente pubblicato negli anni ’90, sia invecchiato decisamente bene – nonostante i cambiamenti nel mondo della musica, dell’intrattenimento, e nelle nostre vite quotidiane.

Probabilmente è discutibile l’idea di usare l’aggettico realistico per una storia di mostri che succhiano il sangue al prossimo, eppure è l’aggettivo più adatto – c’è un senso di verità, nel romanzo di Gail Petersen, che manca altrove. E sì, sarebbe bello vedere un film, fedelmente basato su questa storia.

Oggi per lo più dimenticato se non dgli appassionati di narrativa vampirica – e mai molto noto nel nostro paese, The Making of a Monster è un buon pro-memoria per chi si fosse scordato che le donne hanno sempre scritto horror – e hanno sempre fatto rock’n’roll.

Ed è un peccato che Gail Petersen, dopo questa uscita, abbia smesso di scrivere, e sia tornata alla sua chitarra elettrica. Sarebbe stato bello avere altro, di suo, da leggere.


3 commenti

Women in Horror Month: tre saggi

Si era detto, è il mese dedicato alle donne nella storia dell’orrore, e allora parliamo di qualche buon libro sull’argomento. Abbiamo cominciato con una bella raccolta di racconti, spostiamoci altrove per parlare di tre saggi. Trovo sempre sconfortante il fatto che tanti appassionati di genere non leggano saggistica dedicata al genere, a parte magari qualche discutibile manuale di scrittura.
Vediamo allora di ovviare a questa mancanza.

Continua a leggere


5 commenti

Pochi, maledetti e subito – una manciata di ebook dell’ultima ora

Si era detto che avremmo messo giù una seconda lista di libri da regalare per Natale – ebook da poco prezzo, che costano meno di un biglietto d’auguri e potrebbero essere più graditi… perché un bel biglietto d’auguri si può sempre riciclare come segnalibro, ma non servono segnalibri per gli ebook. E gli ebook arrivano subito, per cui anche se avete scordato di fare il regalo, ed è la notte di Natale…

E quindi ecco una lista dell’ultimo momento, di ebook da pochi soldi che potrebbero piacere ai nostri amici.
E sì, sono tutti in inglese – perché parto dal presupposto che voi conosciate già bene quali autori e quali titoli in ebook sono disponibili in italiano là fuori, e meglio di me.
Perciò, ecco la lista.
Uniche regole – buoni libri che costino meno di un biglietto d’auguri. Diciamo un paio di euro al massimo.

Continua a leggere


5 commenti

La lista di suggerimenti per Natale

Perché se hai un blog che parla di libri, devi fare la lista di libri per Natale, o così dicono quelli bravi.
Solo che questo è strategie evolutive, e quindi di liste nen faremo due – o magari tre. Una oggi, per i libri cartacei da regalare, una la sera di natale, per gli ebook che potete ordinarvi alla svelta per uso personale (o spedire come regalo – meglio di un biglietto d’auguri), ed una prima dell’Epifania, di cose a basso costo (diciamo sotto i 5 euro, magari anche sotto i 2), che potete mettere nella calza della Befana.
Magari cose ovvie, ma chi può dire… vediamo.

A questo giro, libri di lusso (o quasi), metà in italiano – più un paio di cose diverse.
Vediamo…

Continua a leggere


1 Commento

Shoreline of Infinity #19 è disponibile

Ne avevamo parlato qualche giorno addietro, quando il numero 19 di Shoreline of Infinity era prenotabile: orala rivista è disponibilke per l’acquisto, sia in castaceo che in digitale.
Ci sono dentro un sacco di ottimi racconti, incluso uno che ho scritto io.
Perché quello è ciò che faccioper pagare i conti.

Buona lettura!