strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


6 commenti

L’impronta delle pecore neozelandesi

OK, avevo detto che vi avrei raccontato la storia delle pecore neozelandesi, e proprio poche ore or sono mi è stata offerta una eccellente opportunità per farlo: un mio contatto via facebook mi ha passato, tramite messaggio privato, un link anonimo. Cliccato il quale non sono arrivato, come pare possa talvolta accadere, a un sito russo che vende armi e stupefacenti o sul blog indonesiano di una casa di malaffare.
No, mi sono invece ritrovato su una pagina facebook legata a un partito politico italiano dell’attuale coalizione di governo, dove sotto alla solita foto dell’Amato Leader con sorriso a settantotto denti, faceva bella mostra di sé questo status.

Continua a leggere


7 commenti

Sulla disobbedienza

Ho sentito dire in giro che l’idea di ribellarsi alle leggi ingiuste è “una vaccata.”

220px-Benjamin_D._Maxham_-_Henry_David_Thoreau_-_Restored_-_greyscale_-_straightenedPoiché mi trovo a dissentire da questa opinione, ho pensato che potrebbe essere interessante fornire ai più curiosi una copia de La Disobbedianza Civile di Henry David Thoreau.
Versione annotata e in italiano, così nessuno si potrà lamentare.
E questo non perché il testo di Thoreau sia necessariamente la Via la Verità e la Luce, ma perché se dobbiamo discutere di certe cose, è bene avere uno straccio di cognizione di causa sul pensiero che ci sta dietro, e non solo dei memi su Facebook.
Fine del post.
Buona lettura e buon weekend.


13 commenti

Senza Storia

Immagino abbiate sentito dell’abolizione della Storia come argomento del tema di maturità.
La motivazione è, a quanto pare, la scarsa popolarità dell’argomento fra gli studenti

“Nei dieci esami di Stato dal 2008 al 2017 ben otto volte il tema storico è stato praticamente ignorato.Facendo una media complessiva, solamente il 3% dei maturandi ci si è cimentato.”

E allora lo si taglia.

depositphotos_4681227-stock-photo-erasing-history

Ma non ci si deve strappare i capelli, ci dicono – i ragazzi che lo vorranno, potranno ancora affrontare temi storici nel tema libero.
Evviva.
Ma per intanto, segnaliamo ai ragazzi che lo studio della storia è sostanzialmente inutile. Tanto non te lo chiedono all’esame, gusto? Continua a leggere


18 commenti

Internet e il Copyright

E così domani il Parlamento Europeo discuterà la nuova normativa sul copyright, quella sui filtri per l’upload di contenuti e la tassa sulla condivisione dei link.

Ne abbiamo parlato qui a suo tempo.

Ci ho fatto anche un paio di incontri pubblici, per discuterne.
Il silenzio è stato assordante.
Cosa succederà domani?
Soprattutto cosa succederà dopodomani?

Services-affected-by-Article-13-Infographic

E ancora più importante: perché nessuno ne ha parlato?
E perché, alla fine, non ve ne frega assolutamente niente?

Ah, sì, certo, la sacra tradizione del caffé espresso è molto più importante, vero?


17 commenti

Le belle tradizioni di una volta

starbucks-mocha-frappuccino-1Voi ci siete andati da Starbucks?
Io sì.
A Parigi.
Era il luglio del 2007, ed io e mio fratello avevamo trascorso un venerdì e un sabato alla JapanExpo. Alla domenica, mio fratello si mise in coda davanti all’Olympia per il concerto di Miyavi, ed io mi smarrii a Parigi.
Domenica di Luglio a Parigi – il deserto.
Un caldo soffocante, nulla di aperto se non una libreria dove acquistai, come al solito, un libro di Michael Moorcock1 e, di fronte alla libreria, Starbucks, che aveva l’aria condizionata e il frappé alla vaniglia.
Moorcock, aria condizionata e frappé alla vaniglia – tre condizioni sufficienti per sopravvivere a un pomeriggio torrido in una città sconosciuta.

Ma non è di Starbucks, che voglio parlare, ma della tradizione.
Perché, ne sono sicuro, vi sarà capitato di sentire quelli che si sono indignati perché il caffé di Starbucks non rispetta la tradizione italiana dell’espresso, fa schifo, e costa troppo2. Continua a leggere


16 commenti

La Leggenda dell’Operaio Meraviglioso

Fermatemi se questa l’avete già sentita…

Nella fabbrica dove lavorava mio padre (o mio zio, o mio cugino), c’era un vecchio operaio che con la terza media mandava avanti un intero reparto, e gli ingegneri gli davano del lei e lo rispettavano perché ne sapeva più di loro.

L’avete mai sentita, questa o qualche sua variante?
Infermiere che ne sapevano più dei medici.
Tecnici di laboratorio molto più preparati di direttori di dipartimento.
Ammaestratori di moffette infinitamente più preparati di chiunque altro in questo continente o in quello accanto, perché loro avevano fatto la scuola della vita ed avevano, tipo, ma un disastro di esperienze personali, roba che levati…

Factory-Worker

È una storia estremamente classista e offensiva, se ci pensate – ed è meravigliosamente classista e bipartisan: da una parte descrive chi ha una ipotetica cultura superiore come sostanzialmente un fallito e un bluff, e dall’altra ci presenta un poveraccio, un rude meccanico, uno che che si esprime a grugniti e trascina le nocche sul pavimento quando cammina, che però lavora bene. Così bene, in effetti, che quelli che ne dovrebbero sapere lo rispettano.
Chi racconta storie del genere andrebbe fucilato alla schiena come nemico del popolo.

E a me questa storia, questa Leggenda dell’Operaio Meraviglioso ha un po’ scardinato le palle, se mi passate il francesismo.
Non perché sia falsa, ma perché viene utilizzata a sproposito per delegittimare quelli che hanno buttato il loro tempo a studiare e per sostenere che la laurea non conta poi tanto.
Immagino abbiate sentito anche questa.

Quindi, cominciamo col levarci dai piedi l’Operaio Meraviglioso, e poi facciamo un po’ di chiarezza1. Continua a leggere


19 commenti

Debiti, verginità e tatuaggi

Parliamo di donne per un attimo, vi va?
Questo è un pork chop express (so che questi post hanno un sacco di fan là fuori).
OK, la cosa comincia così.
Ieri sento un’amica, che è assolutamente furiosa.
Insolito, trattandosi si una persona molto rilassata.
Normalmente ci si sente via chat e ci si scambia segnalazioni – un video su Youtube, un’offerta speciale su Amazon.
In questo caso la mia amica mi segnala un blog che si intitola The Transformed Woman.
Che suona come il classico repository di storie sconce a sfondo magico/fantasy.
Ma non lo è.
È molto peggio, ed è per questo che la mia amica, normalmente molto equilibrata e rilassata al limite del chissenefrega è assolutamente fuori controllo.
Per cui vado a dare un’occhiata1.
E trovo questo… Continua a leggere


11 commenti

Filtri e Tasse

Sin-títuloL’Unione Europea sta per cambiare la legge sul copyright.
Ve lo hanno detto?
La nuova regolamentazione andrà in vigore fra due anni, nel 2020 – e i vecchi giocatori di Cyberpunk potrebbero provare un brivido crudele. Perché la nuova regolamentazione è decisamente una serie di brutte notizie.
Sono suonati un po’ di campanelli d’allarme, e poiché non mi è parso di sentirne nei nostri boschi (ma probabilmente sono io che sono distratto), ho pensato di farci un breve (spero) post.
Così, perché per ora c’è ancora tempo per protestare, e magari cambiare le cose.
Protestare per cosa? Cambiare cosa?
Due punti della nuova legge dovrebbero preoccuparci: si chiamano upload filter e link tax. Continua a leggere