strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


11 commenti

Fare cose (non potendo vedere gente)

L’estate è ufficialmente iniziata – e se è vero che sono sepolto sotto ad una valanga di lavori da fare, è anche vero che è assolutamente indispensabile spezzare il ritmo. Il rischio altrimenti è che tutti i giorni, sempre e comunque, diventino tutti uguali. Si finisce con l’entrare in un continuum dal quale non c’è via di uscita, e che porta, inevitabilmente, alla depressione ed all’infelicità.

Le restrizioni dovute alle precauzioni che sono ancora necessarie per contrastare il COVID-19 non aiutano.
Perciò, proprio per sopravvivere, ho cercato di preparare un piano per, come si diceva, spezzare il ritmo. E visto che non è possibile vedere gente, l’unica possibilità è fare cose.

Continua a leggere


7 commenti

Intervista Imperfetta

Stando alle ultime notizie, nel tardo pomeriggio di lunedì 22, che sarebbe poi tre tre giorni, prenderò parte a Interviste Imperfette, una iniziativa di Liberi di Scrivere e di Giulietta Iannone che da anni cura questo blog letterario.

L’idea è semplice e malevola – sul gruppo Facebook del blog ospitante, a partire dalle 18.30 di lunedì, risponderò in diretta alle domande del pubblico, che così avrà modo di constatare quanti errori di battitura io faccia quando scrivo in fretta (ma chi segue strategie ha già un’idea a riguardo).

Per il momento, l’annuncio della mia partecipazione ha suscitato un livello di interesse pari a quello di una festival di poesia dell’Abkhazia, il che mi porta a pensare che lunedì su Facebook ci saremo solo io, Giulietta perché deve, ed i cespugli che rotolano. Però chissà… potrebbe essere una buona occasione per mettermi in imbarazzo.

Nel caso, sapete dove trovarmi…


7 commenti

In Australia

Aurealis è una delle principali riviste australiane di fantascienza. Il numero 131 della rivista è appena uscito, e contiene – insieme a molte altre meraviglie – un mio racconto, intitolato A piece of the action. Una storia di viaggi nel tempo.

Per chi fosse interessato, Aurealis #131 è disponibile su Smashwords, in una quantità di formati elettronici diversi – persino in txt – in modo da soddisfare tutte le vostre esigenze e tipologie di e-reader.
Datele un’occhiata.


4 commenti

Una volta eliminato l’impossibile…

Sherlock Holmes non si occupa del sovrannaturale e dell’occulto. Lo dice chiaramente, in più di una occasione, al vagamente disorientato dottor Watson.
Ma non occuparsene non significa, ovviamente, escluderne la presenza.
E se il sovrannaturale si manifesta, e non può essere ridotto ad una spiegazione razionale, allora Sherlock Holmes deve avvalersi della consulenza di chi, a differenza di lui, di queste cose si occupa.

Sherlock Holmes & The Occult Detectives è una colossale collezione in due volumi di storie, distribuite lungo tutta la carriera del detective di Baker Street, in cui Holmes deve unire le proprie forze a quelle di un collega più ferrato di lui in questioni esoteriche.
Carnaki.
Hesselius.
Van Helsing.
E molti, molti altri.

I due volumi sono disponibili separatamente tramite Amazon, in cartaceo ed in ebook. Dentro al primo c’è anche una mia storia, The Case of the Manchester Mummies, che segna il debutto di Miss Valerie Trelawney, specialista in misteri sovrannaturali.

Chissà, forse vi interessa…


6 commenti

Paura & Delirio: Vota il Film

In uno scoperto e vagamente disperato tentativo di far sentire i nostri ascoltatori in qualche modo coinvolti nel processo di creazione del podcast Paura & Delirio, con la mia vicina di cella Lucia Patrizi abbiamo deciso di aprire le votazioni per permettere al pubblico di suggerirci quale, in una rosa di cinque film, sarà il soggetto dell’episodio della prossima settimana.

La votazione è aperta su Facebook (il posto dove tutte le cose belle succedono – non ve l’hanno detto che i blog sono morti?), e la scelta è fra cinque film piuttosto diversi fra loro, qui di seguito presentati in ordine strettamente cronologico…

  • Il Grande Inquisitore (1968), alias The Witchfinder General, con Vincent Price, uno dei tre film dell’Empia Triade che ha dato inizio al Folk Horror
  • Captain Kronos (1974), ovvero Captain Kronos, Vampire Hunter, insolita pellicola della Hammer, che avrebbe potuto, in un mondo migliore, essere il pilot di una serie.
  • Dagon (2001), pellicola lovecraftiana in salsa spagnola per Stuart Gordon, che i Malvagi Titolisti Italiani pensarono bene di intitolare Dagon, La Mutazione del Male, perché noi valiamo.
  • Il Patto dei Lupi (2001), del quale di recente è uscito un director’s cut, un film europeo che mescola romanzo storico, orrore e arti marziali.
  • The Host (2006), pellicola di mostri coreana, attualmente disponibile in streaming su Netflix perché a quanto pare abbiamo scoperto che ic oreani fanno i film.

Per cui, se avete voglia, seguite il link e votate per la vostra pellicola preferita. E grazie!


2 commenti

Un podcast per le Ombre Lunghe

Ieri pomeriggio, per l’ora del tè, io e Lucia Patrizi de Il giorno degli Zombi abbiamo registrato una nuova puntata di Paura & Delirio, chiacchierando amabilmente di un vecchio film, Horror Express, con l’accoppiata Christopher Lee e Peter Cushing, ed un colossale Telly Savalas.

È stata una cosa estremamente rilassata, com’è nostro solito – in sottofondo si sentono i passeri che cinguettano nel giardino di Lucia. Come al solito abbiamo divagato – parlando di Carpenter e di John W. Campbell, di anelli mancanti e di cinema parrocchiali, di pseudoscienza e di cosacchi, di Shanghai e di contesse russe.
Un’ora è passata in un attimo.

La maggior parte del pubblico non potrà ascoltare questo podcast.
Lo abbiamo registrato, infatti, come un mio personale regalo ai miei sostenitori su Patreon, in occasione del mio compleanno – e del compleanno di Peter Cushing e Christopher Lee – la Festa delle Ombre Lunghe promossa dal mio amico Franco Pezzini, ormai una ricorrenza imperdibile.

I miei sostenitori hanno votato quale film avrebbero voluto sentire discutere, e la loro scelta è stata assolutamente perfetta.
E per i miei sostenitori di lingua inglese, che delle nostre chiacchiere in italiano non sanno cosa farsene, ci sarà un articolo, basato sulla nostra chiacchierata – 2000 parole su un film ingiustamente sottovalutato… il film in cui Lee e Cushing trascorrono più tempo insieme in scena

Il programma andrà in onda il 27 di Maggio, sulla mia pagina Patreon.
Perché è bello essere miei sostenitori su Patreon.


4 commenti

Paura & Delirio 2 – il feed

Comunicazione di servizio: con un leggero ritardo per “motivi tecnici”, il secondo episodio del podcast Paura & Delirio è ora disponibile anche attraverso la piattaforma Speaker, e nel corso del weekend sarà distribuito a vari servizi – inclusi Google Podcast, Stitcher e Spotify.

Potete accedere direttamente all’episodio da qui, oppure aggiungere il nostro feed al vostro podcast client preferito.

Noi naturalmente continuiamo a voler bene a Mixcloud, che rimane la nostra piattaforma principale – e potete ascoltarci in streaming su Mixcloud scaricando l’app ufficiale per Android e iOs.


2 commenti

Paura & Delirio, episodio 2: The Stone Tape (1972)

E così lo abbiamo rifatto, e in questo momento potete ascoltare il secondo episodio di Paura & Delirio tramite Mixcloud – nelle prossime ore, il podcast sarà anche disponibile su svariate piattaforme per il podcasting, incluso Google Podcast.
Ma per ora, Mixcloud.
A noi piace Mixcloud.

Il film di questa settimana è The Stone Tape, un film per la TV trasmesso dalla BBC la sera di Natale del 1972, e certamente uno dei più grandi film di fantasmi mai girati. La sceneggiatura è di Nigel Kneale – lo stesso della serie di Quatermass, e di The Woman in Black – e questo è davvero un film che ha fatto la storia (ed ha traumatizzato una generazione).
Nel nostro podcast ne parliamo ampiamente e lo spoileriamo a morte, ma se qualcuno lo volesse vedere, se ne trova una copia più che decente su Youtube, a questo indirizzo.

Speriamo che il podcast vi piaccia.
Commenti, suggerimenti, critiche ed offerte in denaro sono sempre beneaccetti.

E a questo proposito, se ne avete voglia, potreste offrirci un caffé, per permetterci di rimanere desti e attenti mentre guardiamo il film per la settimana prossima…